“OBITER DICTA”

“El nuevo decreto de desalojo”

Pubblicato il 28 giugno 2011 da Por: Hildegard Rondón de Sansó

En materia de régimen inquilinario, Venezuela sufrió con los desaciertos del Decreto Legislativo sobre Desalojo de Vivienda del 27 de septiembre de 1947, que fuera dictado por la Asamblea Nacional Constituyente, convocada para elaborar la Constitución de 1947. Esta situación solo concluiría 52 años más tarde, con el vigente Decreto Ley de Arrendamientos Inmobiliarios del 7 de diciembre de 1999 que, finalmente, eliminó la dispersión de la materia y racionalizó el sistema para hacerlo más equilibrado, incluso, en la parte relativa al desalojo.

Pues bien, el mal sueño ha regresado, ya que el 6 de mayo de 2011, en la Gaceta Oficial N° 39.668, fue publicado el Decreto 8.190 con Rango, Valor y Fuerza de Ley contra el Desalojo y la Desocupación Arbitraria de Vivienda. El Decreto fue anunciado como una de las grandes novedades legislativas, conjuntamente con otras dos normas jurídicas de igual rango y tendencia, sobre las cuales no vamos a dar opinión alguna. A diferencia de ello, sí vamos a comentar el nuevo decreto que hace renacer un sistema que ya pensábamos había sido superado.

El nuevo decreto de desalojo es revelador de una extraña concepción jurídica de quienes lo elaboraron, por cuanto se basa en una noción anárquica, que es el propiciar a través de una norma, la inaplicación, desobediencia e ignorancia de cualquier otra o de cualquier otro acto dictado sobre la materia, bien sea de naturaleza administrativa o judicial. Quedará así para los estudiosos del Derecho como un ejemplo de hasta donde puede llegar la vulnerabilidad de los principios sobre los cuales se erige la existencia misma del Estado.

El nuevo Decreto les da un escudo mágico a determinados sujetos para que, con relación a sus intereses, no surtan efecto las normas jurídicas del ordenamiento; un paraguas para que no lluevan sobre ellos las consecuencias naturales de su conducta.

Entre otros errores, el Decreto se especializa en establecer procedimientos que están, intencionalmente, destinados a no llevar a quienes los emprenden a parte alguna; procedimientos que son, como el proceso de Kaffka, sin salida, sin solución, meros trámites burocráticos y nada más.
Una de las cosas más originales del decreto está en el enunciado del artículo 19 que declara su total y completa aplicación preferente sobre cualquier otra norma que pueda regular la materia.
Nos preguntamos si alguna vez volveremos a ver esos “carteloncitos” que se colocan al frente de muchos inmuebles en todas las ciudades del mundo con la indicación de “SE ALQUILA”. Hace muchos años que tales anuncios no aparecen entre nosotros por ninguna parte, porque el contrato de arrendamiento dejó de ser libre, rápido, posible de celebrar, una alternativa válida para obtener vivienda, porque nuestro régimen es esencialmente punitivo.

Querríamos ver los múltiples llamamientos de “Se alquila”, pero ello exige una industria de la construcción floreciente, porque confía en las normas y los recursos de un sistema que proteja al inquilino, al fomentar nuevas edificaciones a su alcance. Un sistema que deje de lado impedimentos y sanciones para lograr una regulación no discriminatoria. No será justamente con este nuevo decreto de desalojo que le gana en rigidez al de 1947, que se corregirán los grandes vicios que el contrato de arrendamiento de inmuebles ha debido tolerar. Por el contrario, constituirá un factor que propicie el empeoramiento de la situación actual.

I commenti sono chiusi.

Dal 1° Luglio 2012 solo online in PDF
Pag 1

Quotidiano del 6 Febbraio

Guarda il PDF

Ultima ora

22:02Isis:capo 007 Usa,proveranno ad attaccarci quest’anno

(ANSA) - NEW YORK, 9 FEB - "L'Isis molto probabilmente proverà ad attaccare gli Stati Uniti quest'anno": è l'allarme lanciato dal numero uno dell'intelligence Usa, James Clapper, che nel corso di un'audizione davanti al Congresso ha sottolineato come lo Stato Islamico stia infiltrando i rifugiati che scappano da Siria e Iraq. "L'Isis - ha specificato il numero uno degli 007 della difesa americana, Vincent Steward - nel 2016 tenterà di attaccare non solo di nuovo l'Europa, ma anche gli Stati Uniti direttamente sul suolo nazionale". Clapper ha quindi spiegato che le stime parlano di estremisti violenti in almeno 40 Paesi: mai come prima esistono per i terroristi più porti sicuri che in qualsiasi altro momento della storia.

21:48Banche: in Cdm garanzia su “sofferenze” e riforma delle Bcc

(ANSA) - ROMA, 9 FEB - La riforma delle Bcc e la garanzia dello Stato sulle sofferenze, che traduce l'accordo con la Ue, saranno domani nel decreto all'esame del Consiglio dei ministri. Il governo è intenzionato anche ad approvare le misure sugli indennizzi ai risparmiatori delle 4 banche, ma, spiegano fonti di governo, le norme sono ancora oggetto di valutazione. Nel decreto, che al momento dovrebbe essere unico, spunta anche l'ipotesi di favorire le fusioni, attraverso un meccanismo per gestire gli eventuali esuberi con prepensionamenti ad hoc.

21:45Roma:Fdi propone Rita dalla Chiesa. Lei,non ho ancora deciso

(ANSA) - ROMA, 9 FEB - "Ringrazio per la fiducia. Io non ho ancora deciso niente. Nei prossimi giorni dovrò incontrare Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni, e poi vedremo. Credo che Roma meriti il massimo rispetto e il massimo amore". Così la conduttrice televisiva Rita Dalla Chiesa risponde, in un'intervista al Tg1, in merito all'ipotesi di una sua candidatura a sindaco di Roma avanzata, a quanto si apprende, da Fratelli d'Italia.

21:39Pd: Emiliano, problemi Brindisi risolti da pm? No, da me

(ANSA) - BRINDISI, 9 FEB - "Sono problemi risolti da me, da politico, ho ingaggiato con garbo e con educazione un conflitto politico con il sindaco Consales, per le difficoltà amministrative nell'urbanistica e nella gestione dei rifiuti, sono intervenuto anche da presidente della Regione per evitare che ci fosse danno alla città. Abbiamo fatto tutto per bene e per tempo". Lo ha detto a Brindisi il governatore pugliese, Michele Emiliano, che è anche segretario regionale dei democratici, a margine dell'assemblea regionale del Pd convocata dopo l'arresto del sindaco Mimmo Consales, per corruzione. Emiliano ne ha parlato rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano se le problematiche del Pd fossero state risolte a Brindisi dalla magistratura. "Questa è una città ben presidiata dallo Stato, dalla procura, dalle forze dell'ordine. Questo lo so, mi è noto. E credo che - ha concluso - anche la comunità brindisina, abbia anche silenziosamente espresso il suo punto di vista con il calo di consenso all'amministrazione Consales".

21:24Unioni civili: Renzi, su “stepchild” voti Parlamento

(ANSA) - ROMA, 9 FEB - "Rimangono aperti alcuni punti" della legge sulle unioni civili "su cui si confronterà il Parlamento, a partire dalla stepchild adoption: la ratio non è consentire il via libera alle adozioni ma garantire la continuità affettiva del minore. Non è il punto principale di questa legge" ma "credo giusto che il Parlamento si pronunci anche su questo". Lo scrive Matteo Renzi nella sua Enews. "È giusto - sottolinea - che su questi temi si voti, dopo anni in cui si è fatto melina. Perché la politica che finge di non vedere la realtà, non è seria".

21:12Carnevale: in 20 mila alla battaglia delle arance di Ivrea

(ANSA) - IVREA, 9 FEB - Seimila tonnellate di arance lanciate da settemila aranceri: questo il bilancio del Carnevale di Ivrea, che ha visto quest'anno la vittoria delle Picche, che festeggiano i loro 70 anni di storia. Non vincevano dal 2008. Medaglia d'argento per i Diavoli e terzi i Tuchini. Il premio spirito del Carnevale è stato assegnato all'associazione Alfieri. L'ultima giornata di battaglia si è conclusa con un bilancio più che positivo in termini di affluenza: circa 20 mila presenze registrate nonostante la pioggia, 33% in più rispetto all'edizione 2015. Per quanto riguarda la conta dei feriti, sono stati 113 gli aranceri contusi, in tre hanno avuto bisogno delle cure in pronto soccorso. Nella maggior parte dei casi si è trattato di contusioni facciali. L'edizione 2016 verrà ricordata anche per l'imponente servizio d'ordine messo in campo. A decine le persone controllate. Un arresto per spaccio di sostanze stupefacenti.

21:10Moto: Lorenzo, normale che la Yamaha preferisca Rossi

(ANSA) - ROMA, 9 FEB - "Non mi ha mai preoccupato il fatto che Rossi sia più media-friendly di me": lo assicura il campione del mondo della MotoGp, Jorge Lorenzo, in un'intervista con motorsport.com. "Vedo normale - aggiunge lo spagnolo - anche che la Yamaha possa preferire che sia lui a vincere a causa della sua popolarità, perché in questo modo può vendere più moto. Per me l'unica cosa che conta è disporre dello stesso materiale, perché ho fiducia nelle mie capacità. In questo senso la Casa giapponese mi ha sempre sostenuto al meglio". Nei colloqui con la Yamaha, lo ha sfiorato l'idea di un veto a Rossi? "Mai - afferma - nemmeno quando ho avuto la possibilità di farlo. Sono consapevole che Rossi sia un beneficio per il marchio ed è bene che si vada avanti così. Abbiamo una struttura completa, abbiamo fatto la tripletta iridata e senza una coppia competitiva è impossibile". Lorenzo, infine, smentisce chi lo vede presto alla Ducati: "Anche nei momenti più difficili, ho sempre detto che il mio sogno è finire la carriera qui".