Presentan audio de Mario Silva con funcionario del G2 cubano

Pubblicato il 20 maggio 2013 da redazione

CARACAS- El diputado Ismael García presentó ayer el audio de una conversación en un tal Aramis Palacios, un supuesto funcionario del G2 cubano, y Mario Silva, durante una reunión en la que el presentador de VTV y dirigente del PSUV hace un informe sobre las luchas internas en el chavismo y graves denuncias de presunta corrupción y conspiración militar vinculados a Diosdado Cabello.

“La conversación es grabada por el conductor Mario Silva. Allí se nombran casos muy graves: negocios en el sector económico relacionados con Diosdado Cabello, su hermano, el jefe de Cadivi, situaciones graves en las Fuerzas Armadas, control de las instancias del Estado, de lo que ocurre en el CNE, de un supuesto golpe de Estado que ellos mismos habrían planificado. Es la develación de una situación crisis, estaríamos ante una crisis institucional”.
Informó que en los próximos días presentarán nuevas evidencias ante la Fiscalía General de la República.

“La campaña de persecución contra la verdad que hoy descubrimos. La comisión que crearon para incriminarlo (a Henrique Capriles) por unos muertos que ocurrieron el 14 de abril es parte de la tragedia que vive el país”.

García asegura que el audio presentado por los diputados de la MUD “revela una situación de extrema gravedad”, y aseguró que el informe que presuntamente Silva le entregó a Palacios “va dirigido a Raúl Castro, quien orienta y dirige la política de este país”.

Cabello “blanquea” dólares
Durante la grabación, Mario Silva etsraía denucnaindo que el presidente de la Asamblea Nacional (AN), Diosdado Cabello, habria “blanqueado” dinero a través de Cadivi y el Seniat, y obtenido fondos que le darían “poder” dentro del gobierno nacional. “Tú recuerdas que en un informe anterior había que cercenar los puntos de financiamiento de Diosdado, e incluso te dije que dos de sus puntos de financiamiento eran Cadivi y el Seniat, su hermano José David Cabello y Barroso”, dijo en la conversación con Palacio.

Dal 1° Luglio 2012 solo online in PDF
Pag 1

Quotidiano del 12 Febbraio

Guarda il PDF

Ultima ora

13:26Torino 2006: Corte conti contesta 2,6 mln a vertici Agenzia

(ANSA) - TORINO, 12 FEB - Ammonta a 2,6 milioni di euro il danno nei confronti dell'Agenzia Torino 2006, l'ente che ha realizzato le opere per i ventesimi giochi olimpici invernali di cui ricorre in questi giorni il decennale. Lo ha accertato la guardia di finanza di Torino, su delega della procura della Corte dei Conti, che ha citato in giudizio i vertici dell'Agenzia. L'udienza è stata fissata per il prossimo 20 luglio. Al centro della vicenda il conferimento dell'incarico di 'project control', con gara ad evidenza pubblica, ad una associazione temporanea di imprese. Una scelta, secondo l'accusa, priva di "valide giustificazioni economiche e tecniche". Secondo la guardia di finanza, infatti, l'organizzazione interna dell'Agenzia prevedeva già tale funzione, e le mansioni affidate all'Ati erano le medesime che rientravano nelle competenze e nella normale attività delle figure istituzionali preposte allo svolgimento dei singoli appalti. (ANSA).

13:25Sequestro 15 kg eroina in porto Bari

(ANSA) - BARI, 12 FEB - Quindici chili di eroina sono stati sequestrati nel porto di Bari dalla guardia di finanza che ha arrestato un corriere greco di 55 anni a bordo di una Mercedes 320 appena sbarcata da una motonave proveniente dalla Grecia. E' stato bloccato dai militari che avevano rilevato una conformazione anomala dei cerchioni in lega su cui erano montati gli pneumatici: all'interno era nascosta la droga. L'uomo era verosimilmente diretto in Austria.

13:08Trovati rifiuti interrati nel Foggiano

(ANSA) - SAN NICANDRO GARGANICO (FOGGIA), 12 FEB - Un'area il cui sottosuolo è pieno di rifiuti di ogni tipologia, perennemente frequentata da bambini per la presenza di un asilo nido, un campo di calcio e un parcheggio per giostrai è stata sequestrata dai carabinieri del Noe. Nella zona in passato sorgeva una discarica comunale. E' stato pertanto disposto il divieto di accesso affinché possa essere verificato lo stato dei luoghi sotterranei con adeguato monitoraggio, scavo e carotaggio. Utile alle indagini è stato l'uso di un drone che, oltre a filmati e riprese fotografiche in altissima risoluzione si è avvalso di "apparecchiatura termografica e iperspettrale atta al rilevamento del 'non visibile', in questo caso proprio di interramento di rifiuti". L'attività di scavo ha permesso di accertare "la presenza di diverse tipologie di rifiuti quali rifiuti solidi urbani in avanzato stato di decomposizione, laterizi in genere nonché, ad alcuni metri di profondità, la presenza di materiale scuro e maleodorante".

13:07Camorra, dopo cattura parenti, minore continua affari clan

(ANSA) - NAPOLI, 12 FEB - Dopo l'arresto dello zio e del padre arrestati con l'accusa di essere affiliati a clan di camorra, ad appena 16 anni aveva preso in mano le redini della famiglia proseguendo le attività estorsive ed usuraie. E' finito per questo in una comunità per minori, su ordine del Tribunale per i minorenni di Napoli, un ragazzo - C.L., le iniziali del suo nome - figlio e nipote di due detenuti per reati di camorra, ritenuti dagli investigatori esponenti di rilievo della criminalità organizzata casertana. Lo zio, in particolare, è ritenuto dalla Dda di Napoli il riferimento del clan Belforte di Marcianise nella città di Maddaloni, grosso comune alle porte di Caserta. Come il padre e lo zio, il ragazzo è accusato di estorsione e usura con l'aggravante mafiosa.

13:05Rischio idrogeologico, Noe sequestra statale

(ANSA) - TARANTO, 12 FEB - Circa mezzo chilometro della strada statale 172 'dei Trulli' che collega Martina Franca (Taranto) a Locorotondo (Bari) è stato posto sotto sequestro dai carabinieri del Noe di Lecce nell'ambito dell'inchiesta sfociata nei giorni scorsi nel provvedimento di sequestro preventivo con facoltà d'uso dell'impianto di depurazione di Martina Franca gestito dall'Aqp per presunta contaminazione della falda. Lo scarico avrebbe causato un serio rischio idrogeologico. Il traffico è stato interdetto. Lo scarico per gli investigatori "ha anche causato un serio rischio idrogeologico, con interessamento dei terreni adiacenti la statale 172 Locorotondo-Martina Franca e della stessa sede stradale, su cui si osservano lesioni e fessurazioni oggetto di ulteriori approfondimenti investigativi tuttora in corso". Quattro persone sono accusate di avvelenamento colposo di acque destinate al consumo alimentare nell'inadempimento di contratti di pubbliche forniture e nello smaltimento illecito di rifiuti speciali non pericolosi.

12:52Calcio: Galliani, con il Genoa sfida ad alto rischio

(ANSA) - ROMA, 12 FEB - "C'è amarezza perché il Milan ha perso punti con le squadre che ci seguono: quindi, quella con il Genoa è una partita ad alto rischio". Adriano Galliani avvisa così la squadra rossonera, perché "bisogna restare molto, molto concentrati, pensando che quella di domenica è una gara difficile. Domani - ha spiegato l'ad prima dell'assemblea della Lega Serie A - lo ripeteremo all'allenatore e ai giocatori io e il presidente Berlusconi, che dovrebbe venire a Milanello. Il presidente è fondamentale e poi siamo alla vigilia dei trent'anni dell'acquisizione". Galliani fa poi i conti su un eventuale arrivo a pari merito con Inter, Fiorentina e Roma, "le tre squadre con cui stiamo lottando per l'Europa. A parità di punti - ha osservato - conta prima la differenza reti nei confronti diretti e poi quella generale. Siamo in vantaggio con l'Inter per gli scontri diretti, pari con la Fiorentina e pari con la Roma avendo giocato in trasferta. Se siamo dietro, è perché abbiamo fatto meno punti con le squadre che ci seguono".

12:52Piemonte: firme false Pd, in nove chiedono di patteggiare

(ANSA) - TORINO, 12 FEB - Hanno chiesto di patteggiare nove dei dieci imputati dell'inchiesta sulle irregolarità nella presentazione delle liste del Pd alle ultime elezioni regionali del Piemonte. Le pene proposte spaziano da un minimo di 5 mesi e 20 giorni a un massimo di 12 mesi di reclusione. Fra gli indagati figura il consigliere regionale Daniele Valle che ha chiesto sei mesi. La procura deve esprimere formalmente il consenso. L'udienza è stata aggiornata al 2 marzo. (ANSA).