Gli Italiani e New Orleans: una storia da raccontare di Umberto Mucci

Pubblicato il 22 agosto 2013 da redazione

Umberto Mucci (We The Italians) intervista Frank Maselli, presidente dell’American Italian Museum di New Orleans. Racconta la storia degli italiani che emigrarono quando ancora l’Italia non esisteva come nazione.

NEW ORLEANS.- New Orleans fu la prima grande città americana ad accogliere un grande numero di emigrati italiani, ancora prima che questi partissero da un territorio che si potesse ufficialmente chiamare Italia, ovvero prima dell’unificazione del 1861. Le storie di quegli emigrati non contemplano il passaggio per Ellis Island, non si sviluppano nella Little Italy di Manhattan: alcune di esse sono se possibile ancora più tragiche, in alcune parti. Spesso gli italiani prendevano il lavoro degli schiavi afroamericani che venivano liberati, e molti venivano pesantemente discriminati. Due esempi aiutano a capire il clima.

Nel 1891, 250 italiani furono arrestati con l’accusa di aver ucciso il capo della polizia di New Orleans. Undici di loro furono processati e assolti, ma una folla di circa 20.000 nativi del luogo che non accettavano la sentenza assaltò il carcere nel quale essi erano ancora detenuti, e dopo averli presi in consegna li uccise brutalmente, alcuni per impiccagione: è stato per molto tempo il più grave linciaggio della storia degli Stati Uniti. I rapporti diplomatici tra Italia e USA furono in bilico per qualche tempo, fino a quando il Governo americano non si scusò ufficialmente e ordinò un risarcimento per le famiglie delle vittime.

Dal 1° Luglio 2012 solo online in PDF
Pag 1

Quotidiano del 25 Maggio

Guarda il PDF

Ultima ora

17:18Roma: dg Atac, portato dossier in Procura

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il dg di Atac Marco Rettighieri ha portato al capo della Procura di Roma Giuseppe Pignatone, all'Anac e alla Corte Conti una documentazione per denunciare la situazione nell'azienda di trasporto pubblico capitolina riguardo i "distacchi sindacali del personale, la gestione del dopolavoro e la fornitura di gomme per i bus". Il dossier presenterebbe i risultati di indagini interne che avrebbero rilevato irregolarità nei tre settori. Il dg lo ha detto durante un'audizione alla commissione Trasporti al Senato.

17:14Migranti: naufragio vicino coste Libia, 5 vittime

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Sono cinque i cadaveri recuperati da un peschereccio che si è capovolto circa venti miglia al largo delle coste libiche. Lo dice la Marina Militare che con la nave Bettica ha soccorso l'imbarcazione di migranti. La nave della Marina, giunta vicino al peschereccio in precarie condizioni di galleggiamento, ha iniziato a distribuire salvagente. Il barcone ormai instabile, dopo alcune oscillazioni, si è capovolto a causa dell'improvviso movimento dell'elevato numero di persone a bordo. Immediate le operazioni di recupero dei migranti finiti in mare da parte dell'equipaggio della Bettica. Nel frattempo, sin da prima del rovesciamento del peschereccio, la fregata Bergamini aveva inviato sul posto i propri mezzi navali e l'elicottero, il quale ha lanciato le zattere di salvataggio. Le foto della Marina documentano il rovesciamento del peschereccio stipato all'inverosimile di migranti finiti poi in mare. C'è ancora da capire se e quante persone sono rimaste nella stiva. Le operazioni di recupero continuano.

17:12Francia: Valls, avanti su riforma lavoro

(ANSA) - PARIGI, 25 MAG - Il sindacato CGT "non può dettare le leggi del Paese". La riforma del lavoro "non verrà ritirata": lo ha detto il premier francese, Manuel Valls, commentando le proteste contro la contestata riforma del codice del lavoro all'Assemblea Nazionale di Parigi. Nel question time davanti ai deputati dell'Assemblée Nationale, Valls ha detto a chiare lettere che "non ci sarà nessun ritiro" della riforma del lavoro né del suo articolo 2. Quest'ultimo rappresenta uno dei punti più contestati dal sindacato in quanto - dicono gli esperti - riconoscerebbe una preminenza degli accordi aziendali sugli accordi di categoria.

17:11Abusi sulla nipotina, arrestato a Sassari lo zio ‘orco’

(ANSA) - SASSARI, 25 MAG - Per anni ha abusato della sua nipotina. Una barbarie iniziata quando la vittima non era che una bambina e finita solo quando la ragazzina ha trovato il coraggio di svelare quel segreto inconfessabile. Ne ha parlato con una psicologa conosciuta a scuola, nell'ambito di un progetto di contrasto al bullismo. La specialista è riuscita a instaurare con lei un canale comunicativo privilegiato, convincendola ad aprirsi al punto da ottenere quella confessione choc. Immediatamente la dottoressa e l'istituto scolastico hanno avvisato i genitori della minorenne, che hanno denunciato lo zio "orco" alla Procura di Sassari. Al termine delle indagini, il gip del Tribunale di Sassari ha disposto l'arresto dell'uomo, 50 anni, sassarese. A notificargli l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, sono stati gli uomini della Squadra mobile. L'uomo si trova nel carcere di Bancali con la pesante accusa di violenza sessuale aggravata nei confronti di una minore. (ANSA).

17:08Terrorismo: 6 anni a presunti jihadisti Briki e Waqas

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - Sono stati condannati a sei anni di carcere il tunisino Lassaad Briki e il pakistano Muhammad Waqas, presunti jihadisti legati all'Isis arrestati lo scorso luglio e che intercettati parlavano di compiere attentati in Italia e in particolare alla base Nato di Ghedi, nel bresciano. Lo ha deciso la corte d'assise di Milano, presieduta da Ilio Mannucci, accogliendo la richiesta del procuratore aggiunto Maurizio Romanelli e del pm Enrico Pavone.

17:07Concordia: Nadia ‘l’eroina’ dal naufragio a Miss Italia

(ANSA) - GROSSETO, 25 MAG - Un'altra ragazza che ha vissuto l'esperienza della Costa Concordia, dopo Stefania Vincenzi, ha partecipato a Miss Italia, vincendo nei giorni scorsi la selezione provinciale organizzata nelle "Officine del Pozzo" e aggiudicandosi il titolo di Miss Monteverde 2016, quartiere di Roma: è Nadia Nefzi, 20 anni. Al tempo del naufragio all'isola del Giglio della Concordia, che il 13 gennaio 2012 provocò la morte di 32 persone, Nadia fu definita "un'eroina" per aver salvato l'amica Silvia, 21 anni, che, in grave difficoltà, era svenuta. "E' un'esperienza che non si dimentica, che ti rimane addosso insieme alla paura, anzi dopo è peggio perché psicologicamente vivi sempre con l'incubo di ciò che hai passato", ha detto raccontando quando si trovava a cena al terzo piano della nave, non lontano dal punto in cui si trovavano le scialuppe. "La mia amica non si sentiva bene, voleva rimanere in cabina, rinunciando alla cena, ma non mi sembrò giusto e feci bene a insistere perché venisse con me.

17:07Usa: più under 35 vivono con genitori che con partner

(ANSA) - NEW YORK, 25 MAG - Per la prima volta nella storia moderna americana i giovani "under 35" vivono più numerosi a casa con i genitori che con un compagno o una compagna. Lo ha scoperto il Pew Research Center con un censimento. "La differenza sostanziale è che sono molto meno quelli che si sposano o coabitano. Negli anni '60 si lasciava casa prima di qualsiasi altra generazione perché ci si sposava molto presto", ha detto Richard Fry, l'economista che ha prodotto il rapporto e che ha scoperto che nel 2014, l'anno in cui c'è stato il sorpasso, il 32,1% dei ragazzi tra 18 e 34 anni vivevano nella casa dei genitori,contro il 31,6% che si erano "accasati" con un partner. Nella società americana è un mezzo terremoto ma cè chi invita a non sconcertarsi: "Chiaro: viola il nostro modo di pensare che i giovani adulti dovrebbero vivere la loro vita, ma in Italia sono molto più numerosi i loro coetanei che vivono in casa dei genitori e nessuno ci trova nulla di strano", ha detto Andrew J. Cherlin della Johns Hopkins University.

Archivio Ultima ora