Gli Italiani e New Orleans: una storia da raccontare di Umberto Mucci

Pubblicato il 22 agosto 2013 da redazione

Umberto Mucci (We The Italians) intervista Frank Maselli, presidente dell’American Italian Museum di New Orleans. Racconta la storia degli italiani che emigrarono quando ancora l’Italia non esisteva come nazione.

NEW ORLEANS.- New Orleans fu la prima grande città americana ad accogliere un grande numero di emigrati italiani, ancora prima che questi partissero da un territorio che si potesse ufficialmente chiamare Italia, ovvero prima dell’unificazione del 1861. Le storie di quegli emigrati non contemplano il passaggio per Ellis Island, non si sviluppano nella Little Italy di Manhattan: alcune di esse sono se possibile ancora più tragiche, in alcune parti. Spesso gli italiani prendevano il lavoro degli schiavi afroamericani che venivano liberati, e molti venivano pesantemente discriminati. Due esempi aiutano a capire il clima.

Nel 1891, 250 italiani furono arrestati con l’accusa di aver ucciso il capo della polizia di New Orleans. Undici di loro furono processati e assolti, ma una folla di circa 20.000 nativi del luogo che non accettavano la sentenza assaltò il carcere nel quale essi erano ancora detenuti, e dopo averli presi in consegna li uccise brutalmente, alcuni per impiccagione: è stato per molto tempo il più grave linciaggio della storia degli Stati Uniti. I rapporti diplomatici tra Italia e USA furono in bilico per qualche tempo, fino a quando il Governo americano non si scusò ufficialmente e ordinò un risarcimento per le famiglie delle vittime.

Dal 1° Luglio 2012 solo online in PDF

Quotidiano del 28 Marzo

Guarda il PDF

Ultima ora

21:26 Neonata muore in ospedale a Cagliari

(ANSA) - CAGLIARI, 30 MAR - Una bimba di due mesi è morta ieri notte in ospedale a Cagliari, dove era arrivata in ambulanza sabato in seguito a una crisi respiratoria. La bimba è morta nel reparto di terapia intensiva di Neonatologia del Policlinico di Monserrato. Le condizioni della piccola, che viveva insieme ai genitori in un paese nella prima cintura cagliaritana, erano apparse subito gravi. Secondo quanto appreso, la sua famiglia vive in precarie condizioni economiche e sarebbe seguita da assistenti sociali.

21:09 Imbratta cupola Duomo Firenze con ideogrammi, denunciata

(ANSA) - FIRENZE, 30 MAR - Ha lasciato la sua firma con la data di oggi sulla cupola di Brunelleschi utilizzando una matita per il trucco. Ad accorgersi di quanto stava avvenendo è stato il personale dell'Opera del Duomo che ha avvisato subito la polizia municipale fornendo una precisa descrizione della donna, una turista giapponese di 48 anni. Per lei, bloccata poi dagli agenti, è scattata la denuncia. La bravata della turista non dovrebbe aver danneggiato il marmo: la matita usata non è indelebile.

20:36 Xylella: Via Crucis tra gli ulivi ammalati in Salento

(ANSA) - GAGLIANO DEL CAPO (LECCE), 30 MAR -É partita da Gagliano del Capo la Via Crucis 'Un Getsemani senza ulivi' organizzata da cinque diocesi salentine per dare un messaggio di speranza e di sensibilizzazione sul dramma che sta vivendo la Puglia i cui ulivi stanno morendo, colpiti dal batterio della Xylella. Una croce posta in mezzo a dei rami di ulivo, viene portata a spalla da quattro scout. Molte le autorità presenti, insieme ai fedeli. Sette le fermate previste davanti a tratti di uliveti, fino a S.M. di Leuca.

20:21 Calcio: Genoa, per Bertolacci due settimane di stop

(ANSA) - GENOVA, 30 MAR - Due settimane di stop per il centrocampista del Genoa e della Nazionale Andrea Bertolacci. Questo l'esito degli esami ai quali si è sottoposto in serata il giocatore infortunatosi durante Bulgaria-Italia. La risonanza magnetica e la successiva visita specialistica hanno certificato infatti un trauma distorsivo alla spalla con lussazione. I tempi di recupero sono stimati in due settimane.

20:15 A Padova chiusura alle 20 per kebab e market etnici

(ANSA) - PADOVA, 30 MAR - Il sindaco di Padova Massimo Bitonci ha firmato una nuova ordinanza che obbliga la chiusura dei negozi di kebab e dei minimarket etnici presenti nei dintorni della stazione ferroviaria alle 20. "L'ordinanza si è resa necessaria a seguito di alcune aggressioni a danni di persone, schiamazzi, furti e ripetuti episodi di spaccio che si sono verificati nella zona" ha spiegato Bitonci.

20:08 Uzbekistan: Karimov rieletto con 90,3%

(ANSA) - MOSCA, 30 MAR - L'autoritario presidente uzbeko, Islam Karimov, 77 anni, è stato riconfermato alla guida del Paese per altri 5 anni, e per la quarta volta consecutiva, con un risultato plebiscitario: 90,39%. Oceanica l'affluenza, al 91%. Il voto, come quelli precedenti, è stato però bocciato dalla delegazione degli osservatori dell'Osce che ha parlato di numerose violazioni. Putin ha inviato i suoi auguri a urne ancora aperte, sottolineando "la grande autorevolezza" di Karimov.

20:07 Calcio: Buffon,motto soli contro tutti non fa bene a nessuno

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - ''Il motto soli contro tutti può rendere più eroica questa nazionale, ma non fa bene a nessuno''. Così Gigi Buffon alla vigilia dell'amichevole Italia-Inghilterra in programma domani a Torino dopo le polemiche per il caso Marchisio. ''Preferisco quando l'atmosfera è ricca di molecole - ha aggiunto Buffon - rispetto alla noia e all'apatia''.