Situazione preoccupa Alto Commissario Onu e Ong

Pubblicato il 14 febbraio 2014 da redazione

CARACAS. – L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani e varie Ong hanno espresso la loro preoccupazione per la situazione in Venezuela e hanno chiesto al governo di garantire una “inchiesta imparziale” sugli scontri di mercoledì scorso a Caracas, in cui sono morte tre persone, e di non mettere a repentaglio la libertà di manifestare il dissenso e di informare liberamente su quanto sta avvenendo nel paese. Rupert Colville, delegato regionale dell’agenzia Onu, ha detto che i responsabili delle violenze “devono essere processati e condannati” dopo “una inchiesta imparziale” e che esiste “preoccupazione per le notizie di attacchi di uomini armati che agiscono con totale impunità contro i manifestanti”. “Abbiamo anche ricevuto informazioni su intimidazioni contro giornalisti, alcuni dei quali hanno subito il sequestro del loro materiale di lavoro mentre coprivano le proteste”, ha aggiunto Colville. Anche Transparency International ha denunciato quello che ha definito “il blackout informativo” imposto dalle autorità contro “media nazionali, regionali, internazionali e di Internet” mentre Human Rights Watch ha commentato che “quello di cui il Venezuela non ha proprio bisogno è vedere le autorità che trasformano gli oppositori politici in capri espiatori e chiudono i media quando non gli piace la copertura che offrono degli avvenimenti”. 

Dal 1° Luglio 2012 solo online in PDF

Quotidiano del 25 Aprile

Guarda il PDF

Ultima ora

18:50 Naufragio: Ban a Renzi, la priorità è salvare vite

(ANSA) - NEW YORK, 27 APR - Il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, ha discusso con il premier Matteo Renzi e l'Alto rappresentante Ue, Federica Mogherini "le sue preoccupazioni sulla situazione degli immigrati nel Mediterraneo" e sottolineato che "le autorità devono focalizzarsi sul salvataggio delle loro vite". Lo ha detto il portavoce dell'Onu.

18:45 Usa: processo per strage cinema Aurora, si decide pena morte

(ANSA) - NEW YORK, 27 APR - Si apre il processo per la strage al cinema di Aurora, Colorado. Nell'attentato di 3 anni fa durante la prima del film di Batman, "The Dark Night Rises", per mano di James Holmes morirono 12 persone. L'imputato si è giudicato non colpevole e giocherà la carta dell'infermità mentale, come nel caso dell'attentatore della maratona di Boston, per cercare di evitare la pena di morte. "Nessuno che non sia pazzo - ha detto Bob Grant, ex procuratore - può commettere una cosa del genere".

18:29 Salvini, Boldrini indegna di Presiedere la Camera

ANSA) - MACERATA, 27 APR - "Il voto di maggio oltre a riportare un po' di normalità alle Marche serve per dare il preavviso di sfratto a Renzi e Alfano ma anche alla vostra conterranea Laura Boldrini: che torni a lavorare!". Così Matteo Salvini. Boldrini è "indegna di fare il presidente della Camera. Potrebbe condurre al massimo un centro sociale".

18:18 Sisma Nepal: Ev-K2-Cnr, ancora 20 persone a Campo 2

(ANSA) - ROMA, 27 APR - Ci sono ancora 20 persone bloccate nel Campo 2 dell'Everest, a 6.500 metri di quota. Lo rende il noto l'associazione Ev-K2-Cnr sulla base della testimonianza di uno dei due elicotteristi italiani d'alta quota arrivati in Nepal per partecipare ai soccorsi. La priorità, ha riferito all'associazione Maurizio Folini, è portare in salvo i vivi e al momento circa 80 persone sono state portate al Campo base dai Campi 1 e 2.

18:15 Sisma Nepal: sono al momento 4 le vittime italiane

(ANSA) - ROMA, 27 APR - Sono quattro, al momento, le vittime italiane segnalate in Nepal dopo il devastante terremoto di sabato. Tre sono trentini: Renzo Benedetti, Marco Pojer e Oskar Piazza. Quest'ultimo faceva parte della spedizione dei quattro speleologi italiani dati ieri per dispersi nei pressi del villaggio di Langtang, travolto da una valanga. Di questa spedizione è morta anche Gigliola Mancinelli, di Ancona, mentre gli altri due, Giuseppe Antonini e Giovanni Pizzorni, sono salvi e hanno contattato i familiari.

18:11 Italicum: Cuperlo, Renzi offensivo ma mediazione possibile

(ANSA) - ROMA, 27 APR - "Dignità è un concetto profondo ed è offensivo usarlo a fini di polemica interna. Nessuno può dire che chi esprime un'opinione diversa colpisce la dignità di una comunità come il Pd": Lo si legge in un documento di Sinistra Dem, la componente di Gianni Cuperlo, in cui si afferma che "una mediazione è ancora possibile".

18:06 Rajoy, io candidato Popolari qualunque cosa accada

(ANSA) - MADRID, 27 APR - L'attuale premier spagnolo, Mariano Rajoy, sarà candidato premier alle elezioni politiche dell'autunno prossimo "qualunque cosa accada alle amministrative del prossimo 24 maggio". Rajoy esclude una riflessione interna, come quella invocata dal presidente della Giunta della Galizia, Alberto Nuner Feijo, alla luce dei risultati dei sondaggi, che prevedono per il Partido Popular una forte caduta dei consensi.