Gli italiani nello Stato Tachira

Tra amore e paura

Pubblicato il 16 novembre 2004 da Marisa Bafile


SAN CRISTOBAL:- Nonostante il lavoro di costruttore e gli impegni familiari il console onorario di San Cristóbal Giovanni Bertolo è sempre presente quando un italiano ha bisogno di una pratica, un consiglio, un aiuto. A San Cristóbal ormai da anni segue con scrupoloso interesse le necessità di una collettività grande, integrata ma anche spaventata dai sequestri e la normale criminalità.


Nel Táchira – ci dice Bertolo – abbiamo circa 3mila ottocento italiani di passaporto ma la comunità è ben più grande. Ed importante, costituita da persone attive e ben inserite nel tessuto commerciale e industriale.-


– In quali aree particolarmente?-


Soprattutto nel settore della metallurgia, il legname e la costruzione. L’italiano è simbolo di lavoro, correttezza, rispetto. È amato e rispettato ma egli stesso ama profondamente questa terra che per molti ha forti similitudini con quella lasciata in Italia. –


– Lo stato Táchira è stato meta privilegiata anche di molti italiani arrivati all’inizio del ‘900.-


Si anche se il grande afflusso c’è stato nel secondo dopoguerra. Qui gli italiani non si sentono emigranti e molti si sono sposati con donne venezuelane creando famiglie miste.-


– I problemi?-


Essenzialmente quello della sicurezza. Il problema dei sequestri è gravissimo. L’agiata posizione economica di molti connazionali unita alla posizione geografica del Táchira che lo rende uno degli stati più vulnerabili alla guerriglia e ai gruppi paramilitari colombiani, hanno trasformato l’industria dei sequestri in una delle più fiorenti. E, soprattutto negli ultimi anni, è andato aumentando il numero degli italiani nel mirino.-


– In questo momento quanti italiani sono ancora nelle mani di sequestratori?-


Dello stato Táchira tre ma dall’inizio dell’anno a oggi sono stati sei. Insomma è un pericolo molto forte che condiziona la vita dei nostri connazionali.-


– C’è anche un alto indice di criminalità.-


Altissimo. Basti pensare che abbiamo tre, quattro, cinque, anche sei omicidi al giorno. Sono veri e propri regolamenti di conti. All’improvviso arrivano e sparano con la chiara intenzione di ammazzare quella persona. Ovviamente viviamo tutti nel terrore.-


– Ma chi si dedica a questo tipo di omicidi?-


Non si sa bene. È vero che in genere i morti sono persone che hanno avuto qualche antecedente penale ma ovviamente ciò non giustifica che vengano assassinati. Purtroppo non c’è nessuno in galera per questo tipo di omicidi.-


– La Ong Cofavic da tempo denuncia omicidi di questo tipo perpretrati da bande di parapoliziotti.-


Non so chi siano i mandanti nè gli esecutori di questi delitti. E per fortuna fino ad oggi non hanno colpito la nostra collettività. Ma creano uno stato di paura molto forte. San Cristóbal di notte resta praticamente vuota. Vuoti i ristoranti deserte le sale cinematografiche. Io sono ormai anni che non vedo un film in un cinema o che non vado a cena fuori. Qualche volta mi reco nel Centro Italiano perchè lì ci sentiamo abbastanza sicuri.-


Il Centro Italiano di San Cristóbal è realmente molto bello, inserito com’è in un ambiente di verde e fiori. Ma ciò che lo rende unico è il paesaggio. Stupende le Ande si stendono ai piedi dell’edificazione. Ha già una bella piscina e vari progetti per ampliarlo sono già in corso.-


– Non è una vita facile per i più giovani.-


No, per loro non è affatto facile. Non ci sono discoteche nè luoghi di ritrovo dove divertirsi. La paura obbliga spesso i genitori ad allontanarli e farli andare a studiare in altre città.-


– Eppure il Táchira ha ottime università.-


Si, davvero ottime. Direi che in quel senso non è seconda a nessun altra città, neanche a Caracas. È una delle regioni in cui ci sono più università e chi vuole studiare può farlo perfettamente.-


– Gli italiani si sono inseriti anche nel mondo culturale?-


Ci sono alcuni professori universitari come l’ex console onorario Bruno Melasecca e la figlia che insegnano entrambi diritto. Inoltre due delle scuole più importanti e prestigiose di San Cristóbal sono state fondate da italiani: Guarino Guarientos e Marcuzzi. Le scuole “Colegio Metropolitano” e la Don Bosco, hanno circa seimila alunni e insegnano anche l’italiano.-


– E in politica? C’è qualche “figlio” con aspirazioni politiche a livello locale”-


No. Direi purtroppo no perchè come ci ha detto una volta l’ex ambasciatore Adriano Benedetti i politici hanno il potere per cambiare, positivamente o negativamente, la nostra vita. Lui esortava i genitori a sostenere i figli con aspirazioni politiche ma, a dir la verità, i nostri giovani si mantengono lontani dalla palestra politica. Probabilmente non riescono ancora a staccarsi dalla pelle la sensazione dell’emigrante che non deve, non può immischiarsi negli affari politici del paese in cui vive.-


– Esistono sacche di povertà tra i nostri connazionali?-


Si ma per fortuna gli italiani in condizioni di indigenza non sono moltissimi. Comunque nell’ultimo anno abbiamo portato avanti un lavoro capillare con il contributo del Centro Italiano, le associazioni regionali, e quelle assistenziali come il Coasit e tutti insieme stiamo innanzi tutto localizzando e poi aiutandoli, come meritano, gli italiani bisognosi. Vogliamo far sentire a tutti la solidarietà nostra e dell’Italia. Il vicenconsolato per svolgere al meglio questo compito ha messo a disposizione dell’assistenza sociale una persona a tempo pieno, il sig. Tacarelli che sta svolgendo un ottimo lavoro. Per noi è importante non soltanto offrire l’aiuto economico ma anche il sostegno morale.-


Abbiamo potuto constatare personalmente che alle parole del viceconsole Bertone fanno seguito i fatti e ci auguriamo che si moltiplichino, in altri stati, viceconsoli con la stessa vocazione di servizio.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

13:50Russia: Navalni presenta ricorso a ‘presidium’ Corte Suprema

(ANSA) - MOSCA, 18 GEN - Alexei Navalni ha presentato ricorso al 'presidium' della Corte Suprema russa per contestare la sua esclusione alle presidenziali russe del prossimo 18 marzo. "Abbiamo presentato un ricorso in cui chiediamo al presidium della Corte Suprema di invertire le decisioni prese dai tribunali di grado inferiore", ha detto a Interfax Ivan Zhdanov, avvocato di Navalni. La Corte Suprema ha dichiarato a Interfax che il tribunale ha ricevuto il ricorso ma la data in cui sarà preso in considerazione non è stata fissata. Il 25 dicembre scorso la Commissione Elettorale Centrale russa ha deciso di non registrare il gruppo di elettori creato per sostenere la candidatura di Alexei Navalni alle presidenziali (escludendolo di fatto dalla corsa al Cremlino). Il 30 dicembre la Corte Suprema ha respinto l'appello di Navalni contro la decisione della Commissione.

13:41Moscovici, solo auspicio è che governo italiano sia pro-Ue

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Siamo sempre stati attenti ai bisogni dell'Italia perché sappiamo che è un grande Paese, un Paese al cuore della zona Euro. Il solo auspicio che ho, sul piano politico, è che il prossimo governo italiano, qualsiasi esso sia, perché sono gli italiani che votano, sia un governo pro-europeo". Così il commissario europeo Pierre Moscovici rispondendo ad una domanda.

13:34Lega: Sollecito, Bongiorno? spero che ce la faccia

(ANSA) - PERUGIA, 18 GEN - "Giulia Bongiorno può dare un contributo importante per una giustizia che dia fiducia": ne è certo Raffaele Sollecito, difeso dalla penalista, ora candidata per la Lega alle prossime elezioni, nel processo per l'omicidio di Meredith Kercher terminato con l'assoluzione dell'ingegnere informatico. Il quale ha commentato con l'ANSA la notizia. "Sono contento della sua candidatura, spero che ce la faccia" ha detto Sollecito parlando dell'avvocato Bongiorno. "Certo - ha aggiunto -, se avrò la possibilità le darò il mio voto". Il giovane parla del legale come di "una persona oculata". "Non prende mai - ha proseguito - decisioni a caso ma le sue azioni sono sempre ponderate. E' una persona corretta - ha concluso Sollecito - che non dà mai adito a sorprese". (ANSA).

13:34Maltempo, l’aeroporto di Amsterdam sospende tutti i voli

(ANSA) - BERLINO, 18 GEN - L'aeroporto Schiphol di Amsterdam ha sospeso oggi tutti i voli e le ferrovie nazionali olandesi hanno bloccato tutti i treni a causa della violenta tempesta che si abbatte in queste ore sul Paese. Lo scalo ha annunciato in un tweet che i voli sono sospesi "fino a nuovo avviso" in seguito al maltempo. La Klm aveva giù annullato oltre 200 voli prima dell'arrivo della tempesta.

13:27Siria: Ong, 110.000 bambini in fuga da Idlib

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nelle ultime settimane "oltre 110.000 bambini sono stati costretti ad abbandonare le proprie case a causa dei combattimenti in corso a Idlib, nel nord della Siria, in un nuovo grave movimento di sfollati interni". Lo denuncia Save The Children in un comunicato. "L'escalation dei combattimenti nella parte meridionale di Idlib - su legge nel testo - ha dato luogo a uno dei più gravi spostamenti di massa ai quali si è assistito in Siria dall'inizio del conflitto". Oltre 7.000 persone "in media, si spostano ogni giorno. I bombardamenti hanno portato alla chiusura centinaia di scuole e raso al suolo case e ospedali. Molti hanno trovato rifugio all'aperto, dove sono esposti a temperature gelide, o in edifici abbandonati".

13:22In aula col velo: praticante, sconvolta ma contenta

(ANSA) - BOLOGNA, 18 GEN - "Quando il giudice mi ha detto no ero davvero sconvolta, ma sono contenta di quello che ho fatto". Così Asmae Belfakir, la praticante marocchina di 25 anni, torna sull'episodio di ieri al Tar di Bologna, dove un giudice le ha detto che non poteva stare in aula col velo islamico. Lei si è rifiutata di toglierselo ed è uscita. La ragazza ne ha parlato con l'ANSA al tribunale ordinario di Bologna, dove è arrivata per un'udienza. Si è detta "molto colpita" dai tanti messaggi di solidarietà ricevuti. "Ci sono rimasta molto male, ho partecipato a tante udienze e una cosa del genere non mi era mai successa. Il cartello e la norma affissa sulla porta del giudice da ieri è su tutti i social network e sotto ci sono tanti commenti che dicono che il giudice ha ragione, ma non è così", ha aggiunto. "Le norme - ha spiegato - vanno lette, conosciute e interpretate. Uno prima si informa, legge, studia e poi si discute". Si tratta, ha detto in tribunale a Bologna "di una battaglia giuridica".(ANSA).

13:20Germania: Forsa, dopo accordo governo Spd crolla a 18%

(ANSA) - BERLINO, 18 GEN - Crollano al 18%, stando al sondaggio Forsa, i socialdemocratici tedeschi di Martin Schulz, che si apprestano a votare domenica sull'accordo raggiunto con l'Unione di Angela Merkel, per dire la parola decisiva sulle consultazioni di governo. Stando al rilevamento l'Spd perde ben due punti, rispetto alla settimana scorsa, scivolando sotto la soglia psicologica del 20%. Cdu-Csu sono al 34%.

Archivio Ultima ora