Le Camere di Commercio estere guardano al futuro

Pubblicato il 20 marzo 2005 da redazione

Le caratteristiche del modello produttivo italiano, fatto di tantissime imprese di minori dimensioni, delle concentrazioni imprenditoriali dei distretti industriali, di forte spontaneismo aziendale e capacità le Camere di Commercio Italiane all’Estero.Associazioni di imprenditori e di professionisti, italiani e locali, rappresentative di 180 mila imprese esportatrici ma anche di circa altre 150 mila che hanno capacità di esportare ma non sono ancora inserite sui mercati esteri. Le prospettive del settore sono state presentate nei giorni scorsi dal viceministro delle Attività produttive Adolfo Urso nella sede del dicastero di viale Boston. “Negli ultimi anni si sono fatti sforzi importanti per ampliare la dimensione internazionale dell’impresa, che però richiedono tempo per essere ‘metabolizzati’ – spiega il direttore di Assocamerestero, Gaetano Fausto Esposito -; soprattutto, non si può pensare di stravolgere un modello imprenditoriale, che pure deve evolvere: la proiezione internazionale è senz’altro alla portata delle imprese anche di minori dimensioni, purché riescano a sviluppare un approccio di rete con imprese di altri Paesi, riproponendo le caratteristiche di successo del cosiddetto ‘modello distrettuale’”. “Per questo – prosegue Esposito -, una politica per l’internazionalizzazione delle nostre piccole e micro imprese richiede la capacità di coniugare capillarità di interventi e coinvolgimento delle aziende a livello locale (italiano) con la possibilità di dare loro una complessiva e globale proiezione di mercato (enon solo di vendita), attraverso accordi e collaborazioni con altri partner esteri. Queste iniziative hanno bisogno di una rete di supporto, sostegno, veicolazione degli interventi: una rete locale e vicina alle esigenze delle imprese, una rete globale e radicata sui territori esteri. In tal senso, la rete camerale le singole Camere di Commercio è diffusa sul territorio e prossima ai sistemi produttivi locali e confeziona risposte sempre più articolate e complesse per le esigenze delle imprese, in stretta collaborazione con tutti gli altri soggetti che operano per la promozione internazionale. All’estero, la rete camerale italiana è poi strettamente collegata con le Camere italiane nel mondo – diverse per struttura organizzativa e natura giuridica – anch’esse capillarmente diffuse sui territori di 46 Paesi, con oltre 110 punti di presenza”. Grazie poi allo stretto collegamento tra il sistema informativo Globus (delle Camere di commercio italiane) ed il Sistema Planet (delle Camere di Commercio Italiane all’Estero), la rete camerale consente all’imprenditoria italiana che vuole diversificare la propria presenza sui mercati esteri, una azione di collegamento non più solo bilaterale (dall’Italia a un Paese estero, e/o viceversa) ma sempre più multilaterale, tra diversi Paesi, con un linguaggio e uno standard di servizio uniforme, ponendosi quindi come un fattore importante per la diversificazione dei mercati da parte delle piccole imprese.


Le Camere di Commercio Italiane all’Estero, riconosciute dal Governo in base alla legge del 1/7/1970, n. 518, sono nate e si sono sviluppate tradizionalmente nei luoghi di maggiore presenza italiana nel mondo. Le imprese associate alla rete delle Camere sono 27 mila. Di queste circa il 70% sono aziende locali interessate all’interscambio con l’Italia. Annualmente i contatti di business sviluppati dall’intero sistema delle CCIE sono oltre 270 mila. Alle Camere si rivolgono le imprese, i professionisti, le camere di commercio, i consorzi export, le associazioni imprenditoriali, le fiere, le realtà locali e le istituzioni, sia italiane che dei paesi dove esse risiedono. Le aziende nate dall’imprenditorialità della diaspora italiana nel mondo e quelle locali con interessi rivolti all’Italia, costituiscono la business community italiana nel mondo.


Le CCIE hanno censito queste imprese (in totale 25 mila), stilandone un identikit. Si tratterebbe di un’azienda dalle dimensioni medio-piccole con un importante radicamento locale. È inserita nel mercato globale e stabilisce relazioni sia con aziende italiane, che con quelle straniere orientate verso l’Italia. Prevalentemente queste imprese sono state fondate dopo il 1946 e iscritte alle CCIE a partire dagli anni ’80. Circa la metà ha un numero di dipendenti da dimensione media e/o medio-piccola e il suo fatturato ha un volume tra gli 1 e i 6 milioni di dollari annui, ma con punte più elevate (tra i 15 e i 30 milioni di dollari).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

09:52Riciclaggio e frodi, Dia sequestra beni per 20 mln euro

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Dalle prime ore di questa mattina, la Sezione operativa Dia di Bologna, coadiuvata dai Centri operativi di Bari, Firenze e Napoli, dalle Sezioni operative di Lecce e Salerno e dai Nuclei di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Ravenna e Foggia, sta dando esecuzione, nelle province di Ravenna, Foggia e Taranto, a 7 provvedimenti di cattura e contestuali decreti di sequestro per un patrimonio complessivo di 20 milioni di euro, emessi dal gip di Ravenna, nonché a numerosi decreti di perquisizione disposti dalla Procura di Ravenna. L'operazione, denominata 'Malavigna', ha permesso di ricostruire l'operato di un sodalizio criminale, specializzato nel riciclaggio di ingenti capitali di provenienza illecita e nelle frodi fiscali perpetrate mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, capeggiato da un imprenditore ravennate e da pregiudicati contigui alla criminalità organizzata operante nella provincia di Foggia.

09:34Ex calciatore ucciso: fermati un uomo e una donna

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - Due persone, un uomo e una donna, sono state sottoposte a fermo per l'omicidio e la soppressione del cadavere di Andrea La Rosa, 35enne milanese ex calciatore di serie C e neo direttore sportivo del Brugherio calcio (Monza), scomparso il 14 novembre scorso. I due sono stati interrogati a lungo dai carabinieri dopo che nel bagagliaio dell'auto di cui la donna era alla guida era stato rinvenuto, ieri, il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa. La vettura era stata notata dai militari lungo la Milano-Meda, all'altezza del Comune di Varedo. L'auto era ferma, la donna stava tentando di liberarsi del cadavere.(ANSA).

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

Archivio Ultima ora