Le Camere di Commercio estere guardano al futuro

Pubblicato il 20 marzo 2005 da redazione

Le caratteristiche del modello produttivo italiano, fatto di tantissime imprese di minori dimensioni, delle concentrazioni imprenditoriali dei distretti industriali, di forte spontaneismo aziendale e capacità le Camere di Commercio Italiane all’Estero.Associazioni di imprenditori e di professionisti, italiani e locali, rappresentative di 180 mila imprese esportatrici ma anche di circa altre 150 mila che hanno capacità di esportare ma non sono ancora inserite sui mercati esteri. Le prospettive del settore sono state presentate nei giorni scorsi dal viceministro delle Attività produttive Adolfo Urso nella sede del dicastero di viale Boston. “Negli ultimi anni si sono fatti sforzi importanti per ampliare la dimensione internazionale dell’impresa, che però richiedono tempo per essere ‘metabolizzati’ – spiega il direttore di Assocamerestero, Gaetano Fausto Esposito -; soprattutto, non si può pensare di stravolgere un modello imprenditoriale, che pure deve evolvere: la proiezione internazionale è senz’altro alla portata delle imprese anche di minori dimensioni, purché riescano a sviluppare un approccio di rete con imprese di altri Paesi, riproponendo le caratteristiche di successo del cosiddetto ‘modello distrettuale’”. “Per questo – prosegue Esposito -, una politica per l’internazionalizzazione delle nostre piccole e micro imprese richiede la capacità di coniugare capillarità di interventi e coinvolgimento delle aziende a livello locale (italiano) con la possibilità di dare loro una complessiva e globale proiezione di mercato (enon solo di vendita), attraverso accordi e collaborazioni con altri partner esteri. Queste iniziative hanno bisogno di una rete di supporto, sostegno, veicolazione degli interventi: una rete locale e vicina alle esigenze delle imprese, una rete globale e radicata sui territori esteri. In tal senso, la rete camerale le singole Camere di Commercio è diffusa sul territorio e prossima ai sistemi produttivi locali e confeziona risposte sempre più articolate e complesse per le esigenze delle imprese, in stretta collaborazione con tutti gli altri soggetti che operano per la promozione internazionale. All’estero, la rete camerale italiana è poi strettamente collegata con le Camere italiane nel mondo – diverse per struttura organizzativa e natura giuridica – anch’esse capillarmente diffuse sui territori di 46 Paesi, con oltre 110 punti di presenza”. Grazie poi allo stretto collegamento tra il sistema informativo Globus (delle Camere di commercio italiane) ed il Sistema Planet (delle Camere di Commercio Italiane all’Estero), la rete camerale consente all’imprenditoria italiana che vuole diversificare la propria presenza sui mercati esteri, una azione di collegamento non più solo bilaterale (dall’Italia a un Paese estero, e/o viceversa) ma sempre più multilaterale, tra diversi Paesi, con un linguaggio e uno standard di servizio uniforme, ponendosi quindi come un fattore importante per la diversificazione dei mercati da parte delle piccole imprese.


Le Camere di Commercio Italiane all’Estero, riconosciute dal Governo in base alla legge del 1/7/1970, n. 518, sono nate e si sono sviluppate tradizionalmente nei luoghi di maggiore presenza italiana nel mondo. Le imprese associate alla rete delle Camere sono 27 mila. Di queste circa il 70% sono aziende locali interessate all’interscambio con l’Italia. Annualmente i contatti di business sviluppati dall’intero sistema delle CCIE sono oltre 270 mila. Alle Camere si rivolgono le imprese, i professionisti, le camere di commercio, i consorzi export, le associazioni imprenditoriali, le fiere, le realtà locali e le istituzioni, sia italiane che dei paesi dove esse risiedono. Le aziende nate dall’imprenditorialità della diaspora italiana nel mondo e quelle locali con interessi rivolti all’Italia, costituiscono la business community italiana nel mondo.


Le CCIE hanno censito queste imprese (in totale 25 mila), stilandone un identikit. Si tratterebbe di un’azienda dalle dimensioni medio-piccole con un importante radicamento locale. È inserita nel mercato globale e stabilisce relazioni sia con aziende italiane, che con quelle straniere orientate verso l’Italia. Prevalentemente queste imprese sono state fondate dopo il 1946 e iscritte alle CCIE a partire dagli anni ’80. Circa la metà ha un numero di dipendenti da dimensione media e/o medio-piccola e il suo fatturato ha un volume tra gli 1 e i 6 milioni di dollari annui, ma con punte più elevate (tra i 15 e i 30 milioni di dollari).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

06:08Russiagate: Nbc, Kushner d’interesse in inchiesta Fbi

WASHINGTON - Jared Kushner, il genero e stretto consigliere del presidente Usa Donald Trump, e' oggetto di interesse dell'Fbi nell'ambito dell'inchiesta sul Russiagate. Lo riferisce la Nbc citando diverse fonti ufficiali. Gli inquirenti ritengono che Kushner abbia informazioni rilevanti per l'inchiesta. Cio' non vuol dire che e' sospettato di alcun crimine.

06:04Afghanistan: 21 Paesi il 6 giugno a Kabul per la pace

KABUL - Il governo dell'Afghanistan ha invitato i rappresentanti di 21 Paesi del mondo ad un incontro denominato 'Processo di Kabul', che si svolgerà il 6 giugno prossimo nella capitale afghana, per tentare di mettere fine al conflitto in corso. Lo ha reso noto oggi il vice portavoce del governo, Javid Faisal. Al riguardo il portavoce ha voluto sottolineare che "qualsiasi sforzo per raggiungere la pace in Afghanistan deve essere per iniziativa, guida e gestione del governo afghano". Fra i Paesi invitati vi sono quelli dell'Asia centrale insieme a Arabia Saudita, Iran, Pakistan, India, Cina, Stati Uniti e Norvegia. E' è prevista inoltre la partecipazione di rappresentanti dell'Onu e dell'Unione europea (Ue).

05:33Manchester: Gb torna a condividere informazioni con Usa

ROMA - Le autorità britanniche hanno ripreso a condividere le informazioni con gli Stati Uniti sull'attacco terroristico di Manchester. Lo ha annunciato Mark Rowley, numero 2 di Scotland Yard, responsabile dell'unità nazionale antiterrorismo citato dall''Huffington Post.

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

23:05Moglie uccisa a bastonate,rinvio a giudizio per Cagnoni

(ANSA) - RAVENNA, 25 MAG - E' stata depositata la richiesta di rinvio a giudizio per Matteo Cagnoni, il dermatologo 52enne di Ravenna, accusato di aver ucciso a bastonate la moglie Giulia Ballestri,di 39 anni. Le ipotesi di reato formulate dalla procura sono omicidio pluriaggravato da premeditazione, crudeltà e dall'avere agito nei confronti del coniuge, e l'occultamento di cadavere nella cantina della villa dove è stato compiuto il delitto. Matteo Cagnoni é in carcere dal 19 settembre scorso, giorno del fermo a Firenze, con l'accusa di avere ucciso tre giorni prima a bastonate in una villa di famiglia di Ravenna, da tempo disabitata, la moglie. Secondo quanto contestato dai Pm Alessandro Mancini e Cristina D'Aniello sulla base delle indagini della polizia, la premeditazione sul delitto la si può dedurre in particolare da due elementi: sin dal 14 settembre Cagnoni aveva dato disposizione alla segreteria della clinica di Bologna dove prestava attività ambulatoriale, di annullare tutti gli appuntamenti per il 16, giorno del delitto.

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

Archivio Ultima ora