Il Venezuela riunito in preghiera piange la scomparsa del Pontefice

Un dolore senza frontiere

Pubblicato il 03 aprile 2005 da redazione


CARACAS.- Nelle chiese, nelle piazze antistanti, gruppi di venezuelani hanno vissuto l’agonia e poi la morte del Santo Pontefice con la tristezza di chi sente che sta perdendo una persona di famiglia, una persona particolarmente cara. Papa Giovanni Paolo II è stato un Pontefice molto amato in Venezuela. I due viaggi fatti in questa terra, che per molti restano ricordi indimenticabili, hanno creato un legame particolarmente profondo con l’intera popolazione. In ambedue le occasioni centinaia di migliaia di persone hanno pernottato all’aperto in attesa del suo arrivo, ansiosi di ascoltare le sue parole e riceverne la benedizione. Ed è proprio la benedizione che, seguendo la tradizione locale dei figli che la chiedono in saluto dai genitori, cercavano dal Pontefice quelli che avevano la possibilità di avvicinarglisi.


Come ha ricordato il Cardinale Castillo Lara, era questa una delle caratteristiche del popolo venezuelano che ricordava con maggiore tenerezza e simpatia Giovanni Paolo II.


La prima volta che il Papa ha toccato suolo venezuelano è stato nel 1985. Ha visitato Caracas, Maracaibo, Mérida e Puerto Ordaz.


L’emozione della popolazione in ognuna di queste città era immensa e c’è stata una vera e propria corsa alla migliore accoglienza. A Caracas intere famiglie hanno accampato durante tutta la notte per aspettare la messa della mattina seguente e hanno preparato per lui un lungo tappeto con petali di fiori. Sempre a Caracas si è conclusa la sua visita con un incontro, tramutatosi in gran festa, che il Pontefice ha voluto con i giovani. Un incontro al quale hanno partecipato circa 40mila ragazzi e che si è realizzato nell’Università Centrale. A Maracaibo Papa Wojtila ha ricevuto una delegazione di indios Yupca e Warao che gli hanno portato i doni che si offrono ai grandi amici e alla sua Messa hanno partecipato più di un milione di fedeli. A Merida lo ha accolto una pioggia di petali e a Ciudad Guayana la popolazione ha preparato per lui una sedia fatta ad Ureña con legno locale e velluto francese. Gli orafi di El Callao gli hanno regalato una bellissima chiave d’oro.


Nel 1996 il Papa ha di nuovo baciato suolo venezuelano. Ha trovato un paese inginocchiato da una grave crisi economica e politica. E in quell’occasione ogni sua parola è stata un’esortazione alla pace, alla solidarietà, al superamento degli interessi personali in favore di quelli collettivi. Il Papa ha capito subito che il Venezuela era entrato in uno dei periodi più difficili della sua storia. Una storia che ha seguito con attenzione facendo ascoltare la sua voce anche quando non arrivava nessun segnale da altri. E la sua parola è stata di grande conforto per la nostra Collettività. I suoi sono stati sempre messaggi di pace e di concordia, di solidarietà per le vittime di Vargas e delle recenti alluvioni.


Nel suo ultimo viaggio il Santo Padre ha inaugurato il tempio della Vergine di Coromoto, patrona del Venezuela, sorto a Guanare, città nella quale la Vergine è apparsa al Cacique Coromoto e a sua moglie per ben due volte.


In occasione delle esequie del Pontefice il Venezuela sarà rappresentato dal cardinale Castillo Lara che ha ricoperto in passato, l’incarico di governatore del Vaticano.


A detta del Cardinale Lara Papa Giovanni Paolo II dovrebbe essere beatificato subito perchè esistono prove di suoi miracoli nella cura di malati terminali.


Indipendentemente da ciò che deciderà la Chiesa in questo senso è certo che pochi Pontefici nella storia della Chiesa Cattolica sono riusciti a superare tutte le barriere, sia quelle fisiche che quelle religiose, ideologiche o politiche. Il mondo intero oggi ne piange la morte. In Brasile sono stati decretati sette giorni di lutto, in Argentina tre, in Messico milioni di fedeli si sono riuniti in preghiera, Fidel Castro ha inviato un messaggio di cordoglio al Vaticano ricordando la visita che il Pontefice ha realizzato a Cuba e in genere ogni paese del Sudamerica sta vivendo il lutto con grande partecipazione e tristezza. Per quello che ci riguarda, in Venezuela, il Presidente Hugo Chávez, nel decretare cinque giorni di lutto nazionale, ha rivolto parole di dolore e cordoglio per la scomparsa di un Papa che ha conosciuto personalmente. Di lui ha ricordato la grande umanità, le lotte per la giustizia, la povertà e la pace. Ieri una oceanica messa è stata officiata dal Nunzio Apostolico Andrés Dupuy nella Chiesa Chiquinquirà e il prossimo martedi il Cardinale Castillo Lara la officerà nella Chiesa Don Bosco, prima di partire per partecipare alle esequie del Pontefice in Vaticano.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

17:21D’Alema, Moscovici? Pensi a suo partito quasi scomparso

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Sono amico di Pier, ma in Francia il suo partito è quasi scomparso, forse dovrebbe essere quella ora la sua principale preoccupazione... Io sono appassionatamente europeista ma l'Europa non recupera il suo consenso se non cambia. Ma è possibile che in Europa ci sia ancora una sorta di paradiso fiscale come il Lussemburgo? Almeno si punti all' armonizzazione fiscale". Lo afferma Massimo D'Alema ospite della trasmissione "In mezz'ora in più" su Rai3 commentando le dichiarazioni di Moscovici sull'Italia.

17:19Raggi: legalità punto fermo, c’è riconoscimento Anac

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Legalità, trasparenza e lotta alla corruzione sono punti fermi per la nostra amministrazione". Lo scrive su Fb la sindaca di Roma Virginia Raggi che annuncia: "Abbiamo investito energie nel tavolo tecnico congiunto con l'Autorità Nazionale Anti-Corruzione. Finalmente si raccolgono i primi risultati. E sono positivi. Nella relazione conclusiva sul lavoro svolto dal Tavolo, l'Anac ha espresso apprezzamento per gli importanti e i significativi risultati raggiunti". In particolare per "l'aumento del numero di gare a evidenza pubblica". "Misure efficaci" in materia di anticorruzione nell'ambito del piano triennale di prevenzione. "Azioni correttive" "di particolare rilievo" intraprese sul "sistema di governance delle società partecipate dal Comune". Permanere di "criticità" sulla "centralizzazione degli acquisti", sulla "rotazione del personale", su una "elevata ed anomala cancellazione di Cig", cioè i codici identificativi di gara negli appalti. Sono alcuni degli aspetti messi in luce dall'Anac.

17:08Procura Spagna,arrestare Puigdemont se va in Danimarca

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - La procura spagnola chiederà l'attivazione di un mandato di arresto europeo contro l'ex presidente della Generalitat della Catalogna, Carles Puigdemont, se domani andrà in Danimarca, dove ha in programma di partecipare ad un dibattito all'Università di Copenhagen. Lo riferisce El Pais, citando un comunicato della procura, in cui si spiega che si vuole chiedere alle autorità danesi l'arresto e la consegna alla Spagna della "persona indagata". Puigdemont è in auto esilio a Bruxelles.

16:40Sms ingiuriosi e diffamazione in articolo, Sgarbi condannato

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Contrariato da un articolo sul Corriere della Sera che criticava il Padiglione Italia della Biennale di Venezia del 2011, da lui curato, il critico d'arte e politico Vittorio Sgarbi prima ha iniziato a scrivere sms con parolacce e offese all'autore del pezzo pubblicato, il giornalista Sebastiano Grasso, e poi in un articolo su Il Giornale, ha usato nei confronti del recensore considerazioni da lui ritenute diffamatorie. Ora il Tribunale di Milano, giudice Nicola Di Plotti, in sede civile, lo ha condannato a una pena pecuniaria per ingiuria e diffamazione a mezzo stampa. E inoltre alla pubblicazione, a proprie spese, di un estratto della sentenza sul Corriere della Sera che avverrà domani. La notizia è stata resa nota dall'avvocato Biagio Cartillone, patrocinante di Grasso già responsabile delle pagine dell'arte sul quotidiano di via Solferino, che ha prodotto integralmente la sentenza.

16:30Calcio: furia Insegne dopo sostituzione, Sarri ‘stai zitto’

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - C'è una piccola nube nella vittoria del Napoli a Bergamo. 'Colpa' del siparietto polemico andato in onda al 29' del secondo tempo quando il tecnico azzurro Maurizio Sarri, con la sua squadra avanti 1-0, ha deciso di sostituire Insigne con Hamsik. Ma il giocatore non la prende bene e mentre si avvia verso la panchina si lascia scappare un 'vaffa', ripreso dalla telecamere come ricostruisce anche Sky, con Sarri che lo redarguisce immediatamente dicendogli un eloquente: "Siediti, e stai zitto".

16:29Rapporto di Israele, aumenta l’antisemitismo in Europa

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 GEN - Un aumento negli "incidenti razzisti" in Europa contro gli ebrei. Lo segnalano i dati di un rapporto del Ministero della Diaspora - retto da Naftali Bennett - relativo al 2017 e ripreso oggi dai media. Secondo il rapporto, l'aumento ha raggiunto il 78% "di violenza contro gli ebrei" in Gran Bretagna, mentre in Francia uno ogni tre "incidenti razzisti" è diretto contro gli ebrei che nel paese sono meno dell'1% della popolazione. Per i dati, in Ucraina il numero degli incidenti "è raddoppiato" e più del 50% dei profughi in Europa ha "opinioni antisemite".

16:17Sci: cdm, Kristoffersen vince slalom Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL, 2 GEN - Sotto una fitta nevicata, lo slalom speciale di cdm di Kitzbuehel e' stato vinto in 1.48.49 dal norvegese Henrik Kristoffersen. Per lui, a 23 anni, è il 16/o successo in carriera ma soprattutto ha battuto in casa l'austriaco Marcel Hirscher, secondo in 1.49.46. Terzo lo svizzero Daniel Yule in 1.49.84. Per l'Italia ancora una gara non esaltante. Il migliore è stato Manfred Moelgg 9/o in 1.51.28 seguito da Stefano Gross 11/o in 1.51.40 . Chiude Tommaso Sala 22/o in 1.53.65.

Archivio Ultima ora