Un dolore senza frotiere

Pubblicato il 04 aprile 2005 da redazione


CARACAS.- Nelle chiese, nelle piazze antistanti, gruppi di venezuelani hanno vissuto l’agonia e poi la morte del Santo Pontefice con la tristezza di chi sente che sta perdendo una persona di famiglia, una persona particolarmente cara. Papa Giovanni Paolo II è stato un Pontefice molto amato in Venezuela. I due viaggi fatti in questa terra, che per molti restano ricordi indimenticabili, hanno creato un legame particolarmente profondo con l’intera popolazione. In ambedue le occasioni centinaia di migliaia di persone hanno pernottato all’aperto in attesa del suo arrivo, ansiosi di ascoltare le sue parole e riceverne la benedizione. Ed è proprio la benedizione che, seguendo la tradizione locale dei figli che la chiedono in saluto dai genitori, cercavano dal Pontefice quelli che avevano la possibilità di avvicinarglisi.


Come ha ricordato il Cardinale Castillo Lara, era questa una delle caratteristiche del popolo venezuelano che ricordava con maggiore tenerezza e simpatia Giovanni Paolo II.


La prima volta che il Papa ha toccato suolo venezuelano è stato nel 1985. Ha visitato Caracas, Maracaibo, Mérida e Puerto Ordaz.


L’emozione della popolazione in ognuna di queste città era immensa e c’è stata una vera e propria corsa alla migliore accoglienza. A Caracas intere famiglie hanno accampato durante tutta la notte per aspettare la messa della mattina seguente e hanno preparato per lui un lungo tappeto con petali di fiori. Sempre a Caracas si è conclusa la sua visita con un incontro, tramutatosi in gran festa, che il Pontefice ha voluto con i giovani. Un incontro al quale hanno partecipato circa 40mila ragazzi e che si è realizzato nell’Università Centrale. A Maracaibo Papa Wojtila ha ricevuto una delegazione di indios Yupca e Warao che gli hanno portato i doni che si offrono ai grandi amici e alla sua Messa hanno partecipato più di un milione di fedeli. A Merida lo ha accolto una pioggia di petali e a Ciudad Guayana la popolazione ha preparato per lui una sedia fatta ad Ureña con legno locale e velluto francese. Gli orafi di El Callao gli hanno regalato una bellissima chiave d’oro.


Nel 1996 il Papa ha di nuovo baciato suolo venezuelano. Ha trovato un paese inginocchiato da una grave crisi economica e politica. E in quell’occasione ogni sua parola è stata un’esortazione alla pace, alla solidarietà, al superamento degli interessi personali in favore di quelli collettivi. Il Papa ha capito subito che il Venezuela era entrato in uno dei periodi più difficili della sua storia. Una storia che ha seguito con attenzione facendo ascoltare la sua voce anche quando non arrivava nessun segnale da altri. E la sua parola è stata di grande conforto per la nostra Collettività. I suoi sono stati sempre messaggi di pace e di concordia, di solidarietà per le vittime di Vargas e delle recenti alluvioni.


Nel suo ultimo viaggio il Santo Padre ha inaugurato il tempio della Vergine di Coromoto, patrona del Venezuela, sorto a Guanare, città nella quale la Vergine è apparsa al Cacique Coromoto e a sua moglie per ben due volte.


In occasione delle esequie del Pontefice il Venezuela sarà rappresentato dal cardinale Castillo Lara che ha ricoperto in passato, l’incarico di governatore del Vaticano.


A detta del Cardinale Lara Papa Giovanni Paolo II dovrebbe essere beatificato subito perchè esistono prove di suoi miracoli nella cura di malati terminali.


Indipendentemente da ciò che deciderà la Chiesa in questo senso è certo che pochi Pontefici nella storia della Chiesa Cattolica sono riusciti a superare tutte le barriere, sia quelle fisiche che quelle religiose, ideologiche o politiche. Il mondo intero oggi ne piange la morte. In Brasile sono stati decretati sette giorni di lutto, in Argentina tre, in Messico milioni di fedeli si sono riuniti in preghiera, Fidel Castro ha inviato un messaggio di cordoglio al Vaticano ricordando la visita che il Pontefice ha realizzato a Cuba e in genere ogni paese del Sudamerica sta vivendo il lutto con grande partecipazione e tristezza. Per quello che ci riguarda, in Venezuela, il Presidente Hugo Chávez, nel decretare cinque giorni di lutto nazionale, ha rivolto parole di dolore e cordoglio per la scomparsa di un Papa che ha conosciuto personalmente. Di lui ha ricordato la grande umanità, le lotte per la giustizia, la povertà e la pace. Ieri una oceanica messa è stata officiata dal Nunzio Apostolico Andrés Dupuy nella Chiesa Chiquinquirà e il prossimo martedi il Cardinale Castillo Lara la officerà nella Chiesa Don Bosco, prima di partire per partecipare alle esequie del Pontefice in Vaticano.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

01:32Calcio: Chelsea soffre, col Norwich passa solo ai rigori

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Soffre il Chelsea di Conte in Fa Cup. Sono serviti i rigori ai Blues per decidere la gara con il Norwich e accedere al quarto turno della Coppa: avanti con Batshuayi a segno al 10' del secondo tempo, il Chelsea si fa acciuffare nel recupero subendo la rete di Lewis. Sull'1-1 anche dopo i tempi supplementari, la squadra di Conte dal dischetto però fa la differenza (5-3) e si guadagna seppure a fatica il passaggio di turno.

00:54Calcio: Messi sbaglia rigore, Barca cade in Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Barcellona non è imbattibile. Con un gol di Melendo all'88' l'Espanyol si aggiudica il derby di Coppa del Re, valido per l'andata dei quarti di finale. Dopo aver dominato il match, i blaugrana si devono arrendere anche di fronte alla serata super del portiere dell'Espanyol, Diego Lopez, che para anche il rigore calciato da Lionel Messi. Tra una settimana al Camp Nou il ritorno che vale l'accesso alla semifinale.

00:30Calcio: Psg a valanga in Ligue1, Ranieri beffato al 95′

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Un Psg senza pietà liquida la pratica Digione (travolto 8-0 con) e mantiene a debita distanza (-11) il Lione da stasera secondo solitario in classifica dopo il successo per 2-0 sul campo del Guingamp e la frenata del Monaco, fermato ieri dal Nizza. Nella 21ma giornata di Ligue1, al Parco dei Principi è stata davvero una formalità per la squadra di Unay Emery, già sul 4-0 dopo il primo tempo, fa altrettanto nella ripresa chiudendo con otto reti: doppio Di Maria, Cavani (che tocca quota 156 ed eguaglia Ibrahimovic come miglior realizzatore nella storia del Psg), poker di Neymar, a segno anche Mbappe. Beffa in peno recupero invece per il Nantes di Claudio Ranieri, raggiunto sull'1-1 a Tolosa da un rigore di Gradel al 95'. In Classifica guida solitario il Psg con 56 punti, davanti a Lione (45), Marsiglia (44), Monaco (43) e Nantes (34).

00:09Parte un colpo di pistola, uccide la fidanzata

(ANSA) - VILLA D'ALME' (BERGAMO), 17 GEN - Una giovane donna è morta questa sera, uccisa da un colpo di pistola, pare sparato accidentalmente dal fidanzato, una guardia giurata. L'episodio nella casa di quest'ultimo, in via dei Mille a Villa d'Almè. In casa c'erano anche i genitori del ragazzo, tra cui il padre che è un carabiniere andato da poco in pensione. L'allarme è stato immediato, ma per la ragazza non c'era più nulla da fare. Le notizie sono ancora frammentarie: all'abitazione sono giunti i carabinieri della Scientifica e il pubblico ministero di turno, Maria Cristina Rota.

23:04Calcio: Crotone, preso in prestito Benali dal Pescara

(ANSA) - CATANZARO, 17 GEN - Il centrocampista Ahmad Benali è un nuovo calciatore del Crotone. L'annuncio è stato dato dalla società che ne ha ottenuto il prestito con diritto di riscatto dal Pescara. Ventisei anni, Benali è nato a Manchester, naturalizzato libico, cresciuto nel Manchester City. Nel 2012 ha giocato a Brescia (Serie B) prima di passare al Pescara, dove ha ottenuto la promozione in Serie A nella stagione 2015/16. Lo scorso anno ha messo a segno, alla sua prima stagione nella massima serie, 6 reti, mentre nei primi mesi dell'attuale stagione ha realizzato 4 gol in 15 presenze, sempre col Pescara. Ha già preso parte al primo allenamento con i nuovi compagni.

22:36Coppa del Re: Montella batte il ‘cholo’ e respira

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Vincenzo Montella respira. Dopo i due ko in Liga, contro il Betis e l'Alaves, il suo Siviglia si riscatta nell'andata dei quarti di Coppa del Re, vincendo sul campo dell'Atletico Madrid. Finisce 2-1 per gli andalusi che pure erano andato sotto 1-0 grazie a Diego Costa (73'). Il vantaggio dei padroni di casa è durato appena 7', co, pareggio raggiunto grazie all'autogol di Moya (80'). Quando l'epilogo sembrava scontato ci ha pensato Joaquin Correa a far sorridere l'ex tecnico del Milan piombando su un pallone vagante in area e trafiggere il portiere madrileno. Nell'altro quarto di finale disputato sempre alle 19 vittoria del valencia sull'Alaves per 2-1. Anche qui vittoria in rimonta: ha aperto le marcature Sobrino (66'), poi il parrggio di Guedes (73') e il gol vittoria di Rodrigo all'82'. Il ritorno di entrambe le partite è in programma martedì 23 gennaio.

22:23Donna uccisa in Calabria: omicida condannato a 30 anni

(ANSA) - CROTONE , 17 GEN - Salvatore Fuscaldo, il bracciante 50enne di Cirò Marina, reo confesso dell'omicidio di Antonella Lettieri, la commessa di 42 anni uccisa l'8 marzo dello scorso a Cirò Marina, è stato condannato a 30 anni di reclusione dal gup di Crotone che ha accolto la richiesta avanzata dal pm Alfredo Manca a conclusione della requisitoria nel processo celebrato con il rito abbreviato. Il rappresentante della pubblica accusa ha ripercorso le tappe della vicenda, elencando le prove raccolte dal giorno dell'omicidio fino alla richiesta di rinvio a giudizio con l'accusa di omicidio aggravato dalla premeditazione e dalla crudeltà. Antonella Lettieri venne uccisa nella sua abitazione con almeno una ventina di colpi alla testa sferrati con un tubo di ferro ed undici coltellate al corpo. L'indagine è stata condotta dai carabinieri della Compagnia di Cirò Marina, con l'ausilio del Ris di Messina. L'uomo, vicino di casa della vittima, fu fermato il 16 marzo ed il 21 aprile confessò di essere l'autore dell'omicidio.(ANSA).

Archivio Ultima ora