A su salida del I Foro Latinoamericano y Caribeño de los Trabajadores, el ministro de Energía y Petróleo aseguró que asistirá a interpelación la próxima semana

Rafael Ramírez niega que exista desabastecimiento de gasolina

Pubblicato il 18 maggio 2005 da redazione


El ministro de Energía y Petróleo, Rafael Ramírez, reconoció ayer, que existe una situación irregular en el suministro de gasolina en estados del occidente del país, pero rechazó que ello se deba a problemas con la producción de combustible.


«Hemos girado instrucciones a los puntos de distribución para que mantengan inventarios mínimos en las estaciones de los estados fronterizos, con el fin de evitar el contrabando de gasolina hacia Colombia», dijo Ramírez.


Señaló que esta decisión fue tomada hace varios días con el fin de evitar la fuga de combustible hacia el vecino país, y reiteró que en nada se relaciona con una supuesta escasez por falta de inventarios.


«La situación en Zulia y Táchira es normal. Puedo garantizar que Maracaibo está mejor abastecida de gasolina que Caracas», afirmó Ramírez.


No obstante, informaciones emanadas de los estados fronterizos dan cuenta de una situación irregular con el suministro de combustible. De hecho, voceros de la Federación de Distribuidores de informaron que el 60 por ciento de las estaciones de servicio de la Costa Oriental carecen del producto.


En torno a su ausencia ante el parlamento el martes pasado el ministro de Energía y Petróleo, Rafael Ramírez, se comprometió a asistir a «todas las comisiones» parlamentarias que lo citen y a debatir «todos los temas» que le planteen en la Asamblea Nacional. 


«Hemos sido convocados para el miércoles y vamos a ir», declaró a su salida del I Foro Latinoamericano y Caribeño de los Trabajadoras y Trabajadores Energéticos, que se lleva a cabo en la Sala Plenaria de Parque Central, en Caracas.


Además, refirió que está «a disposición de la Contraloría para cualquier averiguación» sobre Pdvsa.


En su discurso en el foro, Ramírez dijo que las empresas trasnacionales pretenden expropiar a nuestros pueblos de sus recursos no renovables y señaló que Venezuela es el epicentro de la lucha entre un sistema basado en el socialismo para alcanzar el equilibrio social y uno capitalista.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

09:21‘Immigrazione illegale diffonde terrorismo’

(ANSA) - NAYPYITAW (BIRMANIA), 20 NOV - "Conflitti e instabilità nel mondo sono in parte dovuti all'immigrazione illegale che diffonde il terrorismo". Lo ha detto la leader della Birmania Aung San Suu Kyi accogliendo nella capitale ministri degli esteri asiatici ed europei, tra i quali l'alto rappresentante della politica estera europea Federica Mogherini.

08:51Usa: è morto Charles Manson

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Il serial killer americano Charles Manson è morto a 83 anni. Lo riportano i media americani. Era stato ricoverato in un ospedale in California per l'aggravarsi delle sue condizioni di salute. Leader di una setta conosciuta con il nome di 'Family', Manson è stato uno dei killer più sanguinari della storia degli Stati Uniti. Stava scontando l'ergastolo per l'omicidio di Sharon Tate, giovane moglie di Roman Polanski, e altre sei persone a Los Angeles nell'agosto del 1969.

07:50India: offerta ricompensa a chi ‘brucera’ viva’ attrice

NEW DELHI - Intense per lo stop imposto dalla censura al debutto nelle sale previsto per l'1 dicembre, le polemiche intorno al film storico 'Padmavati' del regista Sanjay Leela Bhansali si sono ulteriormente infiammate in India dopo che ieri un gruppo marginale di difesa della 'casta dei cavalieri' ha offerto una ricompensa di dieci milioni di rupie (oltre 130.000 euro) per "chi brucerà viva la protagonista, Deepika Padukone". Tratto da 'Padmavat', un poema epico del XVI secolo, il film racconta la storia di una regina indu' (Rani Padmini, nota anche come Padmavati) che, per non cadere nelle mani del sultano di Delhi, Alauddin Khalji, al termine di un lungo assedio del Chittor Fort nel 1303 preferi' immolarsi con il fuoco insieme a tutte le altre donne.

07:44Afghanistan: liberati 30 da prigione talebani in Helmand

KABUL - Forze speciali afghane hanno liberato ieri un gruppo di almeno 30 persone, fra cui anche bambini, da una prigione dei talebani nella provincia meridionale afghana di Helmand. Lo riferisce la tv Tolo di Kabul. Fonti dell'amministrazione locale hanno reso noto che l'operazione di salvataggio e' avvenuta nel distretto di Nawzad. I prigionieri, si e' appreso, erano accusati di aver collaborato con il governo, contro gli insorti.

07:40Uragani:migliaia in corteo a Washington per aiuti Porto Rico

WASHINGTON - Migliaia di persone hanno sfilato oggi nella capitale nella marcia dell'unita' a sostegno dei fondi per i danni degli uragani a Porto Rico, che versa ancora in condizioni di emergenza. La folla, sventolando bandiere dell'isola caraibica, ha invaso il Mall ed e' arrivata sino a Capitol Hill.

07:31Trump, prossima settimana decido su import trofei elefanti

WASHINGTON - Donald Trump ha reso noto via Twitter che annuncera' la prossima settimana la sua decisione sull'importazione di grandi trofei di caccia, la cui autorizzazione ha sospeso nei giorni scorsi sull'onda delle proteste. "Sara' molto difficile farmi cambiare idea che questo spettacolo dell'orrore in qualche modo aiuta la conservazione degli elefanti o di altri animali", ha spiegato.

02:15Germania: Lindner, salta il tavolo ‘Giamaica’

(ANSA) - BERLINO, 20 NOV - Salta il tavolo dei cosiddetti partiti "Giamaica" a Berlino, dove Cdu, Csu, liberali e verdi hanno condotto delle trattative preliminari nelle ultime due settimane, per arrivare alle consultazioni di un possibile governo a quattro. Lo ha reso noto il leader dei liberali Christian Lindner, che ha annunciato di lasciare il tavolo. "Manca la fiducia di base" fra i partiti, detto Lindner, affermando ai cronisti che i liberali non vogliono "piantare in asso" gli elettori, e che, in questa situazione, "è meglio non governare".

Archivio Ultima ora