Islanda, erutta un volcano voli intilt al Nord Europa

I voli sono stati sospesi su tutta la Gran Bretagna, l’Irlanda e la Danimarca, mentre in Norvegia è stato chiuso lo scalo di Oslo ed interdetto il traffic aereo su gran parte del nord del Paese.

Difficoltà si registrano anche in Svezia e in Belgio, dove potrebbe essere chiuso in giornata l’aeroporto di Bruxelles. Conseguentemente, si susseguono le cancellazioni e I ritardi dei voli diretti verso questi Paesi o di quelli la cui rotta interseca lo spazio aereo islandese. Ironicamente, sottolinea il sito di informazione Ice-News, l’aeroporto internazionale di Keflavik nel nordovest dell’Islanda rimane aperto: le ceneri si muovono verso est. “Si erano già verificate eruzioni in Islanda, che avevano prodotto nuvole di cenere. Ma mai di queste dimensioni”, ha ditto alla Cnn il portavoce delle autorità dell’aviazione civile norvegese.

In Svezia la navigazione aerea èstata totalmente interrotta la note scorsa a nord dell’aeroporto di Skellefteaa, 200 chilometri a sud del circolo polare, e nel resto del paese ci sono numerosi ritardi e non sono esclusi altri blocchi. Anche nel nord della Finlandia ci sono delle interruzioni ai voli.

Il vulcano, il sesto per grandezza dell’Islanda, si trova sotto il ghiacciaio Eyjafjallajokull, circa 160 chilometri ad est della capital Reykjavik. “L’eruzione sta facendo fondere parti del ghiacciaio”, ha confermato il responsabile della Protezione civile islandese, Rognvaldur Olafsson. Il blocco del traffic aereo è dovuto al fatto che le ceneri vulcaniche causano scarsa visibilità e potenzialmente possono danneggiare I reattori degli aerei.L’eruzione haprovocato anche inondazioni nella parte meridionale dell’isola che non hanno provocato vittime né danni significativi. L’area interessata dall’eruzione era stata evacuate dalle autorità, circa 800 persone sono state trasferite in luoghi più sicuri.

Condividi: