Afghanistan, giunte le salme degli alpini uccisi. Ad accoglierle il presidente Napolitano

ROMA – Giunte in Italia, con un velivolo C130 dell’Aeronautica militare atterrato stamani a Ciampino le salme dei due alpini uccisi lunedì in Afghanistan: il sergente maggiore Massimiliano Ramadù 33 anni, e il caporal maggiore scelto Luigi Pascazio, 25 anni, entrambi del 327/o Reggimento Genio guastatori di Torino.

Ad accoglierle il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e le massime autorità istituzionali e militari, il quale in segno di omaggio ai due caduti si è avvicinato alle bare avvolte nel tricolore poggiandovi per qualche secondo una mano e poi, mentre veniva suonato il Silenzio, è tornato tra i parenti dei due militari. Domani le esequie a Roma.

Condividi: