CAMERA

Berlusconi senza maggioranza Fini regge prova Caliendo

Pubblicato il 04 agosto 2010 da redazione

ROMA – Sarà pure un «teatrino da prima repubblica», come dice Silvio Berlusconi, il patto di oggi tra Fli-Udc-Api-Mpa. Ma il premier se ne va da Montecitorio sapendo che da oggi, sulla carta, c’è una potenziale nuova maggioranza: Ma soprattutto che, al momento, se può dire di aver tratto in salvo dalla sfiducia Giacomo Caliendo, non può dire altrettanto della sua maggioranza, alla quale oggi mancano 17 voti. E pur volendo fare un calcolo ottimistico tra assenti e nuovi adepti, non si va oltre quota 309: 7 punti sotto la soglia della maggioranza assoluta alla Camera.

– Non possiamo che prenderne atto – mastica amaro il Cavaliere – ma al primo voto contrario al governo comunque si porrà il problema, si metterà in luce che tutto quello che abbiamo fatto in due anni di governo è stato vanificato da un tradimento.

Quello del co-fondatore Gianfranco Fini. Ci sarà tempo, tuttavia per valutare il da farsi: tutta un’estate di lavoro tra Roma ed Arcore, a studiare le mosse per non farsi trovare impreparato, a riorganizzare il partito (anche avvalendosi dell’istruttoria del ministro della Gioventù Giorgia Meloni) ma anche per tenere sotto monitoraggio il mutato quadro politico ed i numeri della maggioranza, pronti all’azione. Intanto domani ci sarà un nuovo vertice del Pdl, dopo quello riunito nel pomeriggio a Palazzo Grazioli, per analizzare meglio il voto di oggi e valutare ancora una volta la exit strategy delle elezioni anticipate: più probabile in primavera che a novembre – quando Bossi avrà incassato il federalismo e la situazione economica sarà migliorata -, magari con un casus belli più solido della fiducia a Caliendo, come il voto sul Lodo Alfano costituzionale.

Di certo il premier – che insiste nel dire «non mi farò logorare» – deve tuttavia registrare la sua non autosufficienza potenziale, almeno alla Camera. E Berlusconi perde oggi un’altra pedina: Chiara Moroni. che del Pdl era tesoriera e se ne va con Gianfranco Fini, dopo un percorso di avvicinamento durato mesi
Il gruppo Fli alla Camera arriva a quota 34, e brinda al risultato di oggi. E’ soddisfatto Gianfranco Fini per il confronto parlamentare di oggi e per il nuovo acquisto. Se una deputata come Chiara Moroni dice quello che dice in Aula, allora – è stato il ragionamento del presidente della Camera con i suoi – vuol dire che non c’è stato un confronto tra «garantisti e giustizialisti».


– Abbiamo dimostrato che senza di noi non sanno dove andare – dice un esponente di vertice finiano – e che, nonostante le pressioni indecenti fatte anche oggi da Berlusconi sui nostri per convincerli a votare contro la sfiducia, i finiani hanno tenuto.


In 25 si sono infatti astenuti, mentre erano assenti Tremaglia, Divella, Angeli e Consolo, hanno votato con il governo il ministro Ronchi ed il vice Urso (e non i sottosegretari Menia e Bonfiglio, in missione). Il leader Udc Pier Ferdinando Casini fa notare che le defezioni rispetto agli 85 previsti nella ‘area di responsabilitaà non sono significative.


– Noi saremmo andati male perchè siamo 75? E allora cosa si deve dire di loro? Guardate i loro numeri: la maggioranza ha 299 voti – afferma lasciando l’aula di Montecitorio. Divisi gli stessi ministri del governo sul significato del voto.


– Vuol dire che resistiamo e non si va al voto adesso – vaticina il leader leghista e ministro per le Riforme Umberto Bossi.


– E’ di tutta evidenza che adesso le elezioni anticipate sono piu’ vicine – lo smentisce un attimo dopo Altero Matteoli, titolare delle Infrastrutture.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

06:08Russiagate: Nbc, Kushner d’interesse in inchiesta Fbi

WASHINGTON - Jared Kushner, il genero e stretto consigliere del presidente Usa Donald Trump, e' oggetto di interesse dell'Fbi nell'ambito dell'inchiesta sul Russiagate. Lo riferisce la Nbc citando diverse fonti ufficiali. Gli inquirenti ritengono che Kushner abbia informazioni rilevanti per l'inchiesta. Cio' non vuol dire che e' sospettato di alcun crimine.

06:04Afghanistan: 21 Paesi il 6 giugno a Kabul per la pace

KABUL - Il governo dell'Afghanistan ha invitato i rappresentanti di 21 Paesi del mondo ad un incontro denominato 'Processo di Kabul', che si svolgerà il 6 giugno prossimo nella capitale afghana, per tentare di mettere fine al conflitto in corso. Lo ha reso noto oggi il vice portavoce del governo, Javid Faisal. Al riguardo il portavoce ha voluto sottolineare che "qualsiasi sforzo per raggiungere la pace in Afghanistan deve essere per iniziativa, guida e gestione del governo afghano". Fra i Paesi invitati vi sono quelli dell'Asia centrale insieme a Arabia Saudita, Iran, Pakistan, India, Cina, Stati Uniti e Norvegia. E' è prevista inoltre la partecipazione di rappresentanti dell'Onu e dell'Unione europea (Ue).

05:33Manchester: Gb torna a condividere informazioni con Usa

ROMA - Le autorità britanniche hanno ripreso a condividere le informazioni con gli Stati Uniti sull'attacco terroristico di Manchester. Lo ha annunciato Mark Rowley, numero 2 di Scotland Yard, responsabile dell'unità nazionale antiterrorismo citato dall''Huffington Post.

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

23:05Moglie uccisa a bastonate,rinvio a giudizio per Cagnoni

(ANSA) - RAVENNA, 25 MAG - E' stata depositata la richiesta di rinvio a giudizio per Matteo Cagnoni, il dermatologo 52enne di Ravenna, accusato di aver ucciso a bastonate la moglie Giulia Ballestri,di 39 anni. Le ipotesi di reato formulate dalla procura sono omicidio pluriaggravato da premeditazione, crudeltà e dall'avere agito nei confronti del coniuge, e l'occultamento di cadavere nella cantina della villa dove è stato compiuto il delitto. Matteo Cagnoni é in carcere dal 19 settembre scorso, giorno del fermo a Firenze, con l'accusa di avere ucciso tre giorni prima a bastonate in una villa di famiglia di Ravenna, da tempo disabitata, la moglie. Secondo quanto contestato dai Pm Alessandro Mancini e Cristina D'Aniello sulla base delle indagini della polizia, la premeditazione sul delitto la si può dedurre in particolare da due elementi: sin dal 14 settembre Cagnoni aveva dato disposizione alla segreteria della clinica di Bologna dove prestava attività ambulatoriale, di annullare tutti gli appuntamenti per il 16, giorno del delitto.

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

Archivio Ultima ora