L’ultimo treno

Pubblicato il 08 agosto 2010 da Mauro Bafile

Non è un segreto. Non lo era ieri e non lo è oggi. Ma sì un argomento che molti avrebbero preferito non dover affrontare – almeno non in questo periodo estivo – o addirittura continuare ad ignorare convinti, chissà, che il problema scompare se non se ne parla. Ergo, se si ignora… Invece, tutt’altra è la realtà.

Si è giunti al capolinea. Pare che non ci siano dubbi. La sgradevole notizia del Centro Italiano Venezolano di Ciudad Ojeda ci obbliga a mettere i piedi a terra. Oggi siamo inesorabilmente di fronte ad una realtà scomoda, alla quale non possiamo più dare le spalle. E’ vero che l’esproprio, da quel che emerge dal servizio di Monica Vistali pubblicato giovedì scorso, mette in luce trame di potere, intrighi politici ai quali siamo estranei; ma lo è anche che, se le circostanze interne del nostro sodalizio fossero state diverse, difficilmente si sarebbe visto coinvolto in una disputa che ha il sapore di una sfida pre-elettorale. Probabilmente, anzi ne siamo certi, il Sindaco non avrebbe ravvisato gli estremi per la drastica decisione.

E’ chiaro che i nostri Centri sociali, tutti senza eccezioni, sono il riflesso delle nostre realtà regionali. Ma lo sono anche di quelle politiche, economiche, istituzionali e sociali. Se in una regione è radicata l’industria del sequestro, è normale che nel nostro sodalizio di sera ci siano poche attività. Si evita di uscire dopo l’imbrunire per prudenza, che in tali circostanze non è mai troppa. Se l’economia della città, come ad esempio quella di Ciudad Ojeda, è duramente colpita dal fenomeno delle occupazioni accompagnato da quello degli espropri, è logico che anche i connazionali – per lo più industriali, agricoltori e commercianti -, si trovino in grosse difficoltà. E’ probabile che alcuni abbiano perso la propria fattoria a causa delle occupazioni abusive e che altri, invece, si siano visti espropriare l’azienda che avevano creato più di cinquant’anni fa o della quale erano azionisti. Ed allora, oggi, non hanno come pagare le rette mensili di un club sociale. Come ha ammesso il presidente del Centro Italiano Venezolano di Ciudad Ojeda, Oscar Framiglio, di quasi 200 soci solo una quarantina, quest’anno, non sono morosi e continuano a pagare religiosamente il loro canone mensile di 25 bsF. Una cifra che in una metropoli può apparire irrisoria e forse anche ridicola. Ma che per un piccolo centro urbano, per una famiglia economicamente in crisi, rappresenta una enormità. Alle casse del Centro Italiano Venezolano di Ciudad Ojeda è venuto a mancare denaro. Quindi, la Giunta Direttiva si è vista nell’impossibilità di provvedere all’adeguata manutenzione dell’infrastruttura. Da lì le piscine in disuso, qualche bagno non funzionante, alcune sale senza aria condizionata e via di seguito. Insomma, diciamolo pure con franchezza, era un sodalizio in affanno, come d’altronde ve ne sono altri. Che dire dei Centri sociali di Coro, Punto Fijo e San Carlos? O del Club di Cumanà e la Casa d’Italia di Ocumare del Tuy? Esistono, è vero; ma solo sulla carta. Hanno ormai chiuso i battenti. Nessuno più li frequenta. Alcuni addirittura sono in svendita. E’ questa una realtà che pochi ignorano; che da anni puntualmente è acclusa all’ordine del giorno delle assemblee ordinarie o straordinarie di Faiv; che emerge ogni qualvolta si è alla vigilia dei giochi Fedeciv, appuntamento che i clubs in crisi regolarmente disertano. E’ questa la realtà che il presidente di Faiv, Mariano Palazzo, ha illustrato alla Voce. Lo ha fatto presentando semplicemente i fatti; con onestà, noncurante delle reazioni di chi preferisce tacere o nascondere. Insomma, pane al pane, vino al vino, come è logico che sia. E come indica il buonsenso.

Certo, una volta messo il dito nella piaga è indispensabile correre ai ripari. Insomma, affrontare il problema e cercare una soluzione che non allontani i pionieri dai nostri circoli, che non privi coloro che non hanno denaro di un luogo sicuro di svago e, soprattutto, che offra ai giovani una ragione per frequentarlo. Non sarà facile.

Quello che Faiv dovrà svolgere sarà un ruolo di grande responsabilità. All’attuale esecutivo si offre l’occasione di riscattare l’istituzione, di scuoterla dal letargo in cui è sprofondata a causa delle circostanze e di imprimergli uno stile proprio. La società, nel bene e nel male, si evolve e così anche le nostre istituzioni. Viviamo altri tempi, assai diversi da quelli che toccò vivere ai pionieri. E’ vero. Oggi le circostanze offrono a Faiv l’occasione di interpretare un ruolo nuovo, che non è più solo quello di fungere da raccordo tra le nostre associazioni. E’ sua responsabilità farsi promotrice di un ampio dibattito in seno alla nostra Collettività; un dibattito franco e sereno sulle funzioni che i nostri sodalizi, le nostre associazioni hanno svolto nella Venezuela dei pionieri e che dovranno svolgere in quella dei nostri figli; un dibattito propositivo dal quale possano emergere idee e soluzioni per combattere la crisi e mantenere in vita i luoghi che per anni hanno rappresentato il cuore dell’italianità e dell’integrazione al tempo stesso. Insomma, un salvagente per quei Centri Italiani Venezolani e quelle Case d’Italia – come ad esempio quelli di Cagua, Carora, Guarenas, Puerto Cabello, San Cristóbal ed altri ancora – che oggi lottano per sopravvivere e poco riescono a scuotere dall’indifferenza ex soci e possibili nuovi soci. E’ questo l’ultimo treno. Non possiamo permetterci il lusso di perderlo.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora