Potolicchio: “Per il 2011 sogno il titolo della Daytona Prototipos”

CARACAS – Il pilota italo-venezolano Enzo Potolicchio, neo campione del Challenge Ferrari negli Stati Uniti, ha annunciato i suoi progetti per la stagione 2011, tra cui c’è quello di partecipare nel campionato Grand-American, nella categoria ‘Daytona Prototipos’. L’italo-venezolano vuole diventere il primo ‘criollo’ a partecipare come pilota e padrone di un team nel torneo automobilistico più prestigioso degli Usa.


La scuderia venezolana avrà come base operativa la città di Forth Lauderdale, nel sud della Florida, negli Stati Uniti. La macchina avrà un telaio Riley & Scott ed avrà un propulsore prodotto dalla Ford, anche se c’è la possibilità che sia targato BMW.


Il calendario 2011 della Grand-American ha in programma 12 gare che si svolgeranno in tracciati ubicati nella zona est e centrale degli Usa.
Potolicchio, le cui radici sono siciliane, parteciperà alla prossima stagione del Ferrari Challenge ma lo farà a bordo della F458 (nel 2010 ha guidato la F430). L’italo-venezolano ha vinto il titolo grazie ai 7 successi ottenuti nelle 12 gare svolte, l’ultima di queste vittorie quella di domenica a Watkins Glen. Anche durante il prossimo campionato Potolicchio avrà lo stesso team meccanico del 2010, composto dai venezolani Jorge e Juan Herrera, la loro relazione dura da più di un decennio.


Per quanto riguarda la sua partecipazione nella categoria prototipi, sarà una sorta di ritorno, nel 2005 Potolicchio ha partecipato ai test delle 24 ore di Daytona, la corsa più lunga e di maggior prestigio negli Stati Uniti. Allora partecipò alle prove a bordo di una Ford Riley della scuderia canadese Multimatic, con cui ottenne ottimi tempi, ma non potè schierarsi nella griglia di partenza.


In questo 2010, Potolicchio ha altri obiettivi, quello di centrare la vittoria nel mondiale di Challenge Ferrari che si disputerà nel mese di novembre a Valencia. Alla prova parteciperanno i migliori piloti provenienti dai Challenge Ferrari d’Europa, Asia ed America.

Condividi: