LEGGE ELETTORALE

Fini- Berlusconi, andare avanti ma è scontro sulla Giustizia

Pubblicato il 07 ottobre 2010 da redazione

ROMA – È di nuovo scontro fra Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini sulla giustizia e legge elettorale. A parole entrambi vogliono la stessa cosa: mandare avanti la legislatura, rispettare l’impegno con gli elettori, mettere al riparo il presidente del Consiglio dall’azione dei pm. Nei fatti, la strada per evitare il ritorno anticipato alle urne resta in salita, perchè nessuno dei due si fida ed anzi entrambi puntano a sopraffare l’altro, come dimostrano le continue stoccate, ma soprattutto le posizioni diametralmente opposte sui delicatissimi temi del processo breve e delle intercettazioni. Insomma, Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini proseguono nella estenuante guerra di nervi che da mesi tiene banco nella maggioranza.


Dopo la conferenza stampa del premier, ieri è stato il turno del presidente della Camera. Il quale per dare la sua versione ha scelto ‘Annozero’, una delle trasmissioni più ‘indigeste’ al Cavaliere. Nell’intervista il leader di Fli ha detto di condividere parte delle considerazioni del premier. Non ha auspicato ‘’nè la crisi, nè tantomeno le elezioni anticipate’’. Allo stesso modo, ha sostenuto di non credere all’ipotesi di voto a marzo.
– Berlusconi ora ha il dovere di dimostrare che vuole governare – ha affermato con una punzecchiatura tesa a riconsegnare il cerino al leader del Pdl -. E in ogni caso – ha ammonito – se sarà crisi la Costituzione parla chiaro e assegna al capo dello Stato il compito di verificare se c’è la possibilità di un’altra maggioranza.
Certo, Fini ha confermato di non aver ‘’nulla da obiettare’’ ad un Lodo costituzionale che salvaguardi le alte cariche, premier incluso, ma ha ribadito che sarebbero ‘’inaccettabili norme retroattive che cancellino i processi’’. Come dire: va bene il Lodo Alfano bis, ma niente processo breve.


Il resto dell’intervista sono state note dolenti. A cominciare dalla rivendicazione del ruolo di Fli:
– La famosa terza gamba è costituita e ora nella maggioranza tutto si dovrà ‘’concordare’’.
Come a dire: l’accelerazione impressa dal Cavaliere di 5 cdm per i 5 punti programmatici dovrà fare i conti con i numeri in Aula. Fini ha toccato quindi un altro tema particolarmente inviso a Berlusconi: la riforma della legge elettorale.
– Non penso che sia una provocazione, ma un elemento di discussione – ha detto. Quanto alle dimissioni, ha ribadito di non ritenerle necessarie nemmeno quando Fli sarà a tutti gli effetti un partito.


Altro passaggio ‘ruvido’ è stato quello sul conflitto d’interessi.
– E’ un problema vero, anche se – aggiunge abbassando i toni -, non è di oggi e chi è senza peccato scagli la prima pietra, perchè anche a sinistra…


A stretto giro, in collegamento telefonico con Busto Arsizio, il premier ha replicato ai ‘paletti’ del leader di Fli. La sua premessa sembra andargli incontro.
– Noi – ha detto – andiamo avanti, sono altri che vogliono un governo tecnico per fare una legge elettorale che tolga il premio di maggioranza, tornando così ad avere moltissimi partiti e una situazione ingovernabile.


Poi, anche lui si toglie i sassolini dalle scarpe, cavalcando non solo il processo breve appena bocciato da Fini, ma riproponendo quel giro di vite sulle intercettazioni che proprio le truppe ‘futuriste’ hanno contribuito ad affossare.
– Adesso portiamo avanti l’idea di un processo in tempi certi: l’hanno chiamato subito ‘processo breve’ anche se dura sei anni e mezzo e anche qui, però, serve una riforma: dobbiamo assolutamente intervenire, così come dobbiamo intervenire sulle intercettazioni – dice Berlusconi al telefono con una festa provinciale del Pdl.
Insomma, le stoccate reciproche continuano, anche se l’impressione è che entrambi sappiano bene come la vera prova di forza su tutti questi temi si consumerà solo in Parlamento.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

17:19Raggi: legalità punto fermo, c’è riconoscimento Anac

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Legalità, trasparenza e lotta alla corruzione sono punti fermi per la nostra amministrazione". Lo scrive su Fb la sindaca di Roma Virginia Raggi che annuncia: "Abbiamo investito energie nel tavolo tecnico congiunto con l'Autorità Nazionale Anti-Corruzione. Finalmente si raccolgono i primi risultati. E sono positivi. Nella relazione conclusiva sul lavoro svolto dal Tavolo, l'Anac ha espresso apprezzamento per gli importanti e i significativi risultati raggiunti". In particolare per "l'aumento del numero di gare a evidenza pubblica". "Misure efficaci" in materia di anticorruzione nell'ambito del piano triennale di prevenzione. "Azioni correttive" "di particolare rilievo" intraprese sul "sistema di governance delle società partecipate dal Comune". Permanere di "criticità" sulla "centralizzazione degli acquisti", sulla "rotazione del personale", su una "elevata ed anomala cancellazione di Cig", cioè i codici identificativi di gara negli appalti. Sono alcuni degli aspetti messi in luce dall'Anac.

17:08Procura Spagna,arrestare Puigdemont se va in Danimarca

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - La procura spagnola chiederà l'attivazione di un mandato di arresto europeo contro l'ex presidente della Generalitat della Catalogna, Carles Puigdemont, se domani andrà in Danimarca, dove ha in programma di partecipare ad un dibattito all'Università di Copenhagen. Lo riferisce El Pais, citando un comunicato della procura, in cui si spiega che si vuole chiedere alle autorità danesi l'arresto e la consegna alla Spagna della "persona indagata". Puigdemont è in auto esilio a Bruxelles.

16:40Sms ingiuriosi e diffamazione in articolo, Sgarbi condannato

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Contrariato da un articolo sul Corriere della Sera che criticava il Padiglione Italia della Biennale di Venezia del 2011, da lui curato, il critico d'arte e politico Vittorio Sgarbi prima ha iniziato a scrivere sms con parolacce e offese all'autore del pezzo pubblicato, il giornalista Sebastiano Grasso, e poi in un articolo su Il Giornale, ha usato nei confronti del recensore considerazioni da lui ritenute diffamatorie. Ora il Tribunale di Milano, giudice Nicola Di Plotti, in sede civile, lo ha condannato a una pena pecuniaria per ingiuria e diffamazione a mezzo stampa. E inoltre alla pubblicazione, a proprie spese, di un estratto della sentenza sul Corriere della Sera che avverrà domani. La notizia è stata resa nota dall'avvocato Biagio Cartillone, patrocinante di Grasso già responsabile delle pagine dell'arte sul quotidiano di via Solferino, che ha prodotto integralmente la sentenza.

16:30Calcio: furia Insegne dopo sostituzione, Sarri ‘stai zitto’

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - C'è una piccola nube nella vittoria del Napoli a Bergamo. 'Colpa' del siparietto polemico andato in onda al 29' del secondo tempo quando il tecnico azzurro Maurizio Sarri, con la sua squadra avanti 1-0, ha deciso di sostituire Insigne con Hamsik. Ma il giocatore non la prende bene e mentre si avvia verso la panchina si lascia scappare un 'vaffa', ripreso dalla telecamere come ricostruisce anche Sky, con Sarri che lo redarguisce immediatamente dicendogli un eloquente: "Siediti, e stai zitto".

16:29Rapporto di Israele, aumenta l’antisemitismo in Europa

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 GEN - Un aumento negli "incidenti razzisti" in Europa contro gli ebrei. Lo segnalano i dati di un rapporto del Ministero della Diaspora - retto da Naftali Bennett - relativo al 2017 e ripreso oggi dai media. Secondo il rapporto, l'aumento ha raggiunto il 78% "di violenza contro gli ebrei" in Gran Bretagna, mentre in Francia uno ogni tre "incidenti razzisti" è diretto contro gli ebrei che nel paese sono meno dell'1% della popolazione. Per i dati, in Ucraina il numero degli incidenti "è raddoppiato" e più del 50% dei profughi in Europa ha "opinioni antisemite".

16:17Sci: cdm, Kristoffersen vince slalom Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL, 2 GEN - Sotto una fitta nevicata, lo slalom speciale di cdm di Kitzbuehel e' stato vinto in 1.48.49 dal norvegese Henrik Kristoffersen. Per lui, a 23 anni, è il 16/o successo in carriera ma soprattutto ha battuto in casa l'austriaco Marcel Hirscher, secondo in 1.49.46. Terzo lo svizzero Daniel Yule in 1.49.84. Per l'Italia ancora una gara non esaltante. Il migliore è stato Manfred Moelgg 9/o in 1.51.28 seguito da Stefano Gross 11/o in 1.51.40 . Chiude Tommaso Sala 22/o in 1.53.65.

16:08Attacco Kabul: fonti sicurezza, 43 morti

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - I morti dell'attacco di un commando di talebani all'Hotel Intercontinental di Kabul potrebbero essere 43, ha detto una "fonte credibile della sicurezza" alla tv Tolo. Finora i portavoce del ministero dell'Interno hanno ammesso solo sei vittime, anche se altre fonti anonime hanno alzato il bilancio a 18 morti. Intanto un responsabile della compagnia Kam Air ha comunicato a 1TvNews che undici suoi dipendenti, fra cui cittadini ucraini e venezuelani, sono morti ed altri nove risultano dispersi.

Archivio Ultima ora