Gli immigrati

Pubblicato il 21 novembre 2010 da Mauro Bafile

L’immigrazione è fonte di ricchezza. Nulla di nuovo. Nessuna scoperta trascedentale, almeno per noi che viviamo l’Italia fuori d’Italia. D’altronde, è sufficiente uno sguardo alla nostra realtà. Non vi pare? Gli italiani all’estero non solo hanno contribuito con le loro rimesse al miracolo economico degli anni ’60 – quello che ha permesso all’Italia di essere annoverata tra le prime 6 economie industrializzate al mondo, tanto per intenderci – ma sono stati anche protagonisti e non semplici spettatori, nella stragrande maggioranza dei casi, della crescita economica, culturale, sociale e politica dei paesi che oggi rivendicano come loro seconda Patria. Questo, ci pare, è un dato di fatto. E non c’è chi lo neghi. Tra l’altro, non ne avrebbe gli argomenti.


Oggigiorno, nessuno più dovrebbe dubitare che multietnicità e multiculturalità, in un mondo sempre più globalizzato, senza frontiene né distanze, rappresentino una ricchezza. E, come tale, dovrebbero essere tenute in considerazione. Ma in Italia, purtroppo, c’è ancora chi nega questa realtà. Sono quei movimenti xenofobi e opportunisti che trovano terreno fertile nell’ignoranza e si avvalgono del timore che sempre incute il “nuovo” e il “diverso”. Ci chiediamo: come non rendersi conto che quelle correnti reazionarie non sono poi diverse da quelle razziste che, in passato, obbligarono le nostre Comunità a vivere in ghetti? E non sono migliori di quelle che incitavano all’odio e incoraggiavano le discriminazioni. Come dimenticare che, non molti anni or sono, ai ristoranti si leggeva: “non si ammettono cani e italiani?


Il tempo poi ci diede ragione. Alla distanza, noi, italiani all’estero, risultammo essere una ricchezza per le nazioni che ci accolsero senza pregiudizi. Oggi, la presenza di immigranti in Italia rappresenta, se si riesce a coglierne gli aspetti positivi, un’occasione di sviluppo economico, culturale e sociale. D’altronde, le indagini della Caritas, e non crediamo che si possa mettere in dubbio la serietà dell’organismo della Cei, ne mostrano le potenzialità. Ecco alcuni numeri tratti dall’ultimo Dossier dell’organismo episcopale. Oggi in Italia, gli immigrati regolari sono 4 milioni 919 mila. Negli ultimi 10 anni, è stato registrato un incremento di circa 3 milioni. Queste possono apparire cifre senza rilenvanza. Ma non lo sono affatto. Se riportate in un più vasto contesto economico, esse assumono connotati assai interessanti. Ed infatti, proprio grazie ai quasi 5 milioni di immigrati, le casse pubbliche del Belpaese ricevono ogni anno un regalo di un miliardo di euro, per via del gettito fiscale. Non è tutto. La presenza dei lavoratori stranieri assicura alla penisola entrate pari a circa 11 miliardi di euro. Non è una bagatella. Ed ancora, la retribuzione media annuale per immigrato si stima in 12 mila euro ed i contributi in circa 400 mila. Gli immigrati sono il 10 per cento degli occupati dipendenti – impiegati soprattutto in quelle mansioni che gli italiani non sono più disposti a realizzare – ed il 3,5 per cento dei titolari d’impresa. Incidono l’11,1 per cento sul Prodotto Interlo Lordo. Pagano 7,5 miliardi di contributi previdenziali e dichiarano un imponibile di oltre 33 miliardi. Da sottolineare poi, che il bilancio Inps è in attivo grazie agli stranieri e che, a dispetto di chi con troppa facilità insiste nell’equazione immigrato=delinquente, nel triennio 2005-2008 le denunce verso gli stranieri sono diminuite del 9,5 per cento. Potremmo continuare ancora, ma ci fermiano qua. Non crediamo si debba insistere oltre per evidenziare quanto sia importante il lavoro, la presenza degli immigrati. Purtroppo, però, c’è ancora chi si permette di dare le spalle a questa realtà. Non ce ne meravigliamo. In fondo, non fanno lo stesso nei nostri confronti della nostra?


Le nostre comunità rappresentano una ricchezza incommensurabile per l’Italia. Nessuno osa sostenere il contrario. Non è demagogico, quindi, affermare che oggi siamo noi i veri ambasciatori dell’Italia all’estero. E’ una realtà che rivendichiamo con orgoglio. Di fatto, contribuiamo alla diffusione ed alla collocazione del “Made in Italy” in senso lato. Insomma, non solo alla promozione dei prodotti nostrani di consumo quotidiano ma, soprattutto, della nostra tecnologia.


Oggi ci meravigliamo della poca attenzione che il governo rivolge a noi all’estero. Ma abbiamo ragioni per manifestare sorpresa? Se non si è capaci di valorizzare la ricchezza che si ha in casa, come si può apprezzare quella che si ha fuori di essa?

Mauro Bafile

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

20:19Calcio: Kakà, la mia carriera di giocatore finisce oggi

(ANSA) - SAN PAOLO, 17 DIC - "Questo è il punto finale: la mia carriera di giocatore finisce qui". L'annuncio è di un Kakà emozionato, e arriva dai microfoni di Rete Globo. L'ex milanista era tentato da un'offerta del San Paolo, che avrebbe voluto fargli chiudere la carriera nel club dove l'aveva cominciata, "ma la mia ultima maglia - ha detto Kakà - è stata quella dell'Orlando City". "Avevo bisogno di un po' di tempo per prendere una decisione in tranquillità - ha aggiunto -, poi ho chiesto ai miei genitori, mio fratello, la mia ragazza e mia cognata, un periodo di preghiera. Sono andato in Europa per sentire l'emozione delle partite lì dove il calcio ha raggiunto il pieno potenziale. E in maniera consapevole sono giunto alla conclusione che è arrivata l'ora di ritirarmi. Cosa farò? Mi preparerò per continuare nel calcio con un altro ruolo, ma non è detto che chi è stato un grande calciatore sia bravo anche da dirigente. Mi piacerebbe lavorare per uno dei club in cui ho giocato. Il Milan mi ha fatto una proposta, vedremo...".

20:11Nuoto: Europei 25 m, Orsi oro nei 100 misti

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Dopo Luca Dotto, oro nei 100 sl, tocca a Marco Orsi rimpinguare il medagliere dell'Italia agli Europei in vasca corta in corso a Copenhagen. L'azzurro delle Fiamme Oro Roma lo fa nel modo migliore, vincendo, in 51"76, nei 100 misti. Batte in rimonta, nella frazione a libero, il russo Fesikov che cede allo sprint con 51"94. Con quest'oro, mai vinto dall'Italia, sale a ben 19 medaglie (8 individuali) il bottino azzurro agli Europei.

20:09Calcio: Allegri, scudetto ci crediamo ma attenti alla Roma

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Se spero più nel settimo scudetto o nella Champions? Credo che la Juve possa andare in fondo agli obiettivi. In Italia il campionato è più equilibrato rispetto agli anni scorsi, e cercheremo di arrivare in fondo e di dare la zampata vincente". Al termine di Bologna-Juventus, Massimiliano Allegri sottolinea che la sua squadra punta, come sempre, a vincere tutto. La Juve sembra essersi ritrovata: per Allegri "i ragazzi stanno facendo delle buone prestazioni, stiamo crescendo fisicamente e come compattezza. Abbiamo creato molto e concesso niente". "Finora i numeri del campionato sono importanti - dice ancora -, poi Napoli e Inter stanno facendo numeri altrettanto importanti e per stare in alto non potevamo fare meno di loro". Ma di chi è il merito della compattezza ritrovata? "Di chi gioca e di chi sta in panchina - risponde Allegri -. C'è grande disponibilità e i meriti sono dei ragazzi. Chi temo di più per lo scudetto? Della Roma si parla poco, ma è migliorata: ha giocatori di spessore e subisce pochissimo".

20:03Calcio: Pioli “Fiorentina meritava vittoria ai punti”

(ANSA) - FIRENZE, 17 DIC - Contro il Genoa, grazie anche alle sconfitte di Milan, Sampdoria e Torino, la Fiorentina aveva la possibilità di far un balzo in classifica e invece è arrivato un pareggio a reti bianche: "Sicuramente dispiace non essere riusciti a vincere - dice il tecnico Stefano Pioli -. Non siamo riusciti ad essere continui nella manovra nel primo tempo, nella ripresa un po' meglio, abbiamo concluso 20 volte contro un avversario chiuso. È stata una prova di maturità dei miei, siamo stati attenti, concentrati e non abbiamo rischiato, ci voleva un pizzico di fortuna anche su qualche occasione, magari sulle palle inattive. Per mole di gioco avremmo meritato la vittoria". Poi, ancora sulla gara e i risultati delle altre squadre: "Ci è mancato qualcosa dentro l'area, ci vuole anche più precisione perché su oltre 20 tiri fatti solo 4-5 sono finiti in porta. Gli avversari hanno concesso pochi spazi, dovevamo sicuramente fare qualcosa in più. Abbiamo avuto 7-8 occasioni in area, purtroppo non siamo riusciti a concretizzare".

19:54Bbc, diplomatica Gb trovata assassinata in Libano

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una diplomatica britannica, Rebecca Dykes, che lavorava all'ambasciata del Regno Unito a Beirut, è stata trovata assassinata. Lo riferisce la polizia, citata dalla Bbc online. Rebecca Dykes, è stata "violentata e strangolata". Il suo corpo è stato trovato ieri sul ciglio di un'autostrada.

19:38Chiesa: comunità Assisi “si ferma” e prega per la pace

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 17 DIC - In una domenica di shopping pre-natalizio la comunità religiosa di Assisi si è fermata per pregare per la pace in Terra Santa, portando fiammelle di pace fino alla Tomba di San Francesco. In tanti infatti si sono ritrovati al Santuario della Spogliazione per lanciare un messaggio di speranza "per Gerusalemme e per tutti i Paesi colpiti dalle avversità e dalla guerra". È stata una preghiera "intensa, ardente e fiduciosa" come l'ha definita il vescovo monsignor Domenico Sorrentino. "Una preghiera speciale - ha aggiunto - in un periodo in cui sentiamo solo espressioni di guerra, odio e violenza. Abbiamo ascoltato eventi che ci preoccupano molto; ad essi dobbiamo dare risposte che hanno il carattere della saggezza. Abbiamo un anno speciale che riteniamo particolarmente importante, l'anno della preghiera". Di fronte alla Tomba del Poverello il vescovo ha quindi letto una preghiera da lui scritta in cui si invoca la pace. Ha poi ricordato il Papa nel giorno del suo compleanno. (ANSA).

19:28Nuoto: oro Dotto a Europei 25 m, è campione dei 100 sl

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Luca Dotto conquista la medaglia d'oro nei 100 stile libero agli europei in vasca corta in corso a Copenaghen. Il velocista azzurro, campione europeo in vasca lunga a Londra 2016, ha dominato la gara regina chiudendo in 46"11 davanti al belga Pieter Timmers secondo in 46"54 e all'inglese Duncan Svott terzo in 46"64.

Archivio Ultima ora