EMBAJADOR

EEUU: Rechazo a embajador tendrá consecuencias

Pubblicato il 20 dicembre 2010 da redazione

WASHINGTON – La decisión de Venezuela de rechazar al nuevo embajador de Estados Unidos, Larry Palmer, “traerá consecuencias” en las relaciones bilaterales, advirtió este lunes el portavoz del Departamento de Estado, Philip Crowley.

“Le dejamos claro a Venezuela que este tipo de acciones tendría consecuencias”, señaló Crowley en rueda de prensa.

“Hemos estado discutiendo este tema con las autoridades venezolanas por meses. Les hemos advertido que si le retiraban el plácet (a Palmer), tendría un impacto en las relaciones”, dijo Crowley.
El presidente de Venezuela Hugo Chávez afirmó el sábado que no permitirá el ingreso al país del embajador designado por Estados Unidos, Larry Palmer, a quien nuevamente acusó de “irrespetar” a su gobierno.
Chávez se refirió a unas respuestas de Palmer a un cuestionario durante el proceso de ratificación en el Senado, en las que aseguró que en Venezuela había presencia de las guerrillas colombianas y que las Fuerzas Armadas tenían influencia cubana y la moral baja.

La decisión de rechazar a Palmer es “irrevocable”, afirmó un comunicado de la Cancillería venezolana el mismo sábado.
Palmer aún debe ser ratificado por el Senado estadounidense.

Ratifican rechazoa Palmer

La República Bolivariana de Venezuela a través del ministerio para Relaciones Exteriores entrega al Gobierno de los Estados Unidos una nota de protesta, en rechazo “a las recientes de declaraciones de voceros del Departamento de Estado sobre Venezuela”.

La misiva fue entregada por el director de Despacho Temir Porras Ponceleón a la Encargada de Negocios de la embajada estadounidense, acreditada en Caracas, Darnall Steuart.
El documento expresa “que en informaciones de prensa, el Senado de los Estados Unidos ‘se encuentra a un paso de confirmar’ la nominación de Larry Palmer como Embajador, designado de ese país en Caracas, pese a las inaceptables declaraciones de Palmer que provocaron la revocatoria del beneplácito de estilo que el Gobierno Bolivariano había otorgado de buena fe”.

La encargada de negocios de Estados Unidos, Darnall Steuart, acudió a la casa Amarilla para una reunión con el vicecanciller de la República. A su salida del encuentro la funcionaria norteamericana lamentó que Venezuela mantenga firme su posición de rechazo a la designación de Larry Palmer como embajador en Caracas.

No obstante, Steuart sostuvo que la administración de Barack Obama, no ha cambiado de parecer, pese a la negativa del Presidente Hugo Chávez.
“Larry Palmer tiene una combinación única de de experiencia, habilidad y sabiduría para representar de manera exitosa, a nuestro país en Caracas, lamentamos la negación del gobierno de Venezuela y el retiro del beneplácito”.

Darnall Steuart además hizo énfasis en la necesidad de mantener los lazos bilaterales entre ambos países, “creemos que es importante mantener las relaciones diplomáticas a nivel de embajadores”, reiteró.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

22:46Corea: Sud stregato da popstar del Nord, possibile concerto

(ANSA) - SEUL, 21 GEN - Tra flash di fotografi e grande attenzione dei media, Hyon Song Wol, leader della pop band tutta al femminile nordcoreana, le Moranbong, molto amata da Kim Jong Un, ha attraversato la zona demilitarizzata insieme ad una delegazione ufficiale di Pyongyang per visitare alcuni siti olimpici, e nella penisola coreana si vocifera di una sua esibizione musicale in occasione dei giochi olimpici invernali di Pyeongchang. Lo scrive il Guardian. Hyon Song Wol - che è apparsa in diretta alla tv sudcoreana mentre stringeva mani e saliva su un treno - ha infatti visitato alcune possibili arene per lo show, tra queste quella di Gangneung, dove parteciperà in ogni caso ad una performance artistica dell'ensemble Samjiyon (140 persone tra musicisti, cantanti e ballerini), concordata durante i colloqui al confine sulla partecipazione degli atleti di Pyeongyang ai Giochi. Hyon, che fa parte del Comitato centrale del Partito dei Lavoratori nordcoreano, non ha rilasciato dichiarazioni.

22:40M5S: da Di Maio a Fico, i “big” capilista a plurinominali

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - I "big" del M55, stando alle liste dei vincitori delle parlamentarie, risultano tutti capolista ai plurinominali. Probabile - anche se c'è da considerare il fattore quote rosa - che gli esponenti siano stati anche i più votati. Primi nei loro collegi, infatti, risultano il leader M5S Luigi Di Maio, Roberto Fico, Paola Taverna, Carla Ruocco, Manlio Di Stefano, Danilo Toninelli. Primi Alfonso Bonafede e Riccardo Fraccaro, esponenti molto vicini a Di Maio, e Carlo Sibilia in Campania.

22:21Calcio: Monchi, cerchiamo sempre innesti per il futuro

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - "Dzeko? Ora per noi sono importanti le prossime partite, quello che si farà sarà sempre pensando al meglio per la squadra. Lavoro 365 giorni all'anno, siamo sempre pronti a cercare innesti, ma non stiamo cercando un sostituto di Dzeko. Solo un giocatore per il futuro": lo dice il ds della Roma Monchi prima della partita contro l'Inter a San Siro. Il tema del mercato resta sempre al centro, anche per l'Inter che oggi accoglie Rafinha arrivato a Milano in serata. E il direttore sportivo Piero Ausilio racconta la trattativa: "E' stata difficile perché il Barcellona non voleva privarsene se non in prestito. Ma noi siamo l'Inter, non possiamo lavorare per gli altri. Abbiamo insistito per avere il diritto di un'opzione. Ci piace lavorare su giocatori che possono essere dell'Inter anche in futuro, se no non ci interessano". E sulle prossime operazioni: "Il mercato è imprevedibile, potremmo anche restare così. Nessun giocatore ci ha chiesto la cessione".

21:56Grecia:migliaia in piazza contro accordo su nome Macedonia

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Oltre 50.000 persone sono scese in piazza oggi a Salonicco, nel nord della Grecia, per protestare contro un possibile accordo con la Macedonia ex jugoslava sull'uso del termine 'Macedonia', che i greci rivendicano come esclusivamente ellenico. In piazza molti esponenti del clero più conservatore, dell'estrema destra di Alba Dorata, e rappresentanti delle comunità greche all'estero (che in Grecia vengono definite 'diaspora'). La regione diede i natali ad Alessandro Magno, vanto della cultura e della storia ellenica, e la contesa con Skopje sul nome definitivo dell'attuale Fyrom ('Former yugoslavian republic of Macedonia') è da 27 anni uno degli argomenti più spinosi della politica estera greca, anche se la maggioranza della popolazione sembra meno interessata al tema rispetto a qualche anno fa. Nel 1992, infatti, un milione di persone (quasi un decimo della popolazione greca) sfilarono sempre a Salonicco scandendo lo slogan 'i Makedonia einai Ellinikì', ovvero 'la Macedonia è greca'.

21:52LeU: Grasso, posso ricostruire la sinistra, quindi il Paese

(ANSA) - ASTI, 21 GEN - "Penso di poter ricostruire la sinistra, ricostruire la politica, ricostruire un partito e quindi ricostruire il Paese". Così Pietro Grasso, leader di Liberi e Uguali, ad Asti per un'altra tappa in Piemonte, dopo l'avvio questa mattina a Torino, della campagna elettorale. "I valori della sinistra sono fondamentali, i valori della nostra Resistenza sono quelli che hanno portato la liberazione del nostro Paese e quindi alla Costituzione, che quest'anno ha compiuto 70 anni", aggiunge.

21:31Calcio: Rafinha a Milano, domani le visite con l’Inter

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Rafinha è arrivato a Milano e domani mattina svolgerà le visite mediche con l'Inter. Il centrocampista brasiliano è il secondo rinforzo per il club nerazzurro in questa sessione di mercato. Arriva in prestito dal Barcellona con diritto di riscatto fissato a 35 milioni di euro più 3 di bonus. Rafinha non ha fatto dichiarazioni, ma ha sorriso ai giornalisti che lo attendevano in aeroporto. Questa sera potrebbe assistere alla partita contro la Roma dalla tribuna di San Siro, anche se per il momento non ci sono ancora conferme ufficiali.

21:29Calcio: serie A, Cagliari-Milan 1-2

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Prima vittoria stagionale in rimonta e prima esterna sotto la guida di Gattuso per il Milan a Cagliari nel primo posticipo serale della 21/a giornata di serie A, conclusosi 1-2 alla Sardegna Arena battuta dal maestrale. Il Milan ha cercato di fare da subito la partita, stringendo nella loro metà campo i rossoblù, ma è stato il primo a capitolare quando all'8' un tiro di Barella dal limite ha battuto Donnarumma. I rossoneri hanno ripreso a masticare gioco cercando spesso Kalinic, che al 34' è stato atterrato in area. Kessiè ha trasformato il rigore e 6' dopo ha raddoppiato sfruttando un bell'assist dell'attaccante croato. Nella ripresa, i padroni di casa hanno cercato il pari, con maggior intensità dal 35' col Milan in 10 per espulsione di Rodriguez per doppia ammonizione, ma un po' Donnarumma e un po' gli errori di misura hanno impedito al risultato di cambiare. Il Milan sale a quota 31, al settimo posto, scavalcando Atalanta, Udinese e Torino. Il Cagliari resta a 20, in zona pericolosa.

Archivio Ultima ora