TERZO POLO

Terzo Polo torna in pista, ora coordinamento unico

Pubblicato il 06 gennaio 2011 da redazione

ROMA – Strattonato, conteso da entrambi gli schieramenti, bersaglio del ‘’calciomercato’’ per ingrossare le file della maggioranza, il Terzo Polo – dopo la pausa natalizia – torna in pista e annuncia di voler dar seguito (con i fatti) agli annunci programmatici di fine anno assicurando che ora il coordinamento parlamentare tra Udc, Fli, Mpa, Api e Liberal democratici, che complessivamente ‘pesa’ per centinaio di voti, comincerà ad operare. E per concertare le mosse comuni si riunirà con cadenza anche settimanale.


– Sui temi di fondo saremo uniti e all’attacco – assicura Francesco Rutelli, allontanando i dubbi di chi vede nell’eterogeneità dello schieramento un suo punto di debolezza. Quanto ai temi etici sui quali il Pdl punta a dividere il polo appena nato, il leader di Api, puntualizza che non devono essere ‘’un alibi’’ per la maggioranza. E mentre non è ancora sciolto il nodo del nome da dare al nuovo schieramento, a tornare a parlare di ‘terzo polo’ come entità politica ‘unica’ è nche Lorenzo Cesa che annuncia battaglia, in vista della ripresa dei lavori parlamentari, al governo e alla maggioranza.


Se il concetto di opposizione ‘responsabile’ non viene meno, il segretario centrista non manca però di stigmatizzare l’atteggiamento – a suo dire – ‘’sconcertante’’ del presidente del Consiglio.
– Assistiamo con grande sconcerto – scandisce infatti Cesa – al toto-acquisti di parlamentari condito da un’opera sistematica di disinformazione. Siamo perplessi – sottolinea – perchè avevamo sperato che nella maggioranza maturasse una consapevolezza reale dei problemi del Paese, delle sue difficoltà e della necessità di nuovi e più corretti rapporti tra maggioranza e opposizione. Speranza che le parole di Tremonti sulla crisi possono solo in parte soddisfare. E che comunque non possono essere sufficienti.
Secondo i centristi, a cui si affiancano anche l’Api di Rutelli e le colombe di Fli, il Governo continua infatti a non occuparsi dei problemi del paese pur essendo questa la condizione per offrire un atteggiamento ‘non ostile’.


– Non possiamo accettare – dice Rutelli – che i temi bioetici, che sono importanti, diventino per la maggioranza un alibi per non affrontare i temi su cui è disastrosa e fallimentare la politica del governo: cioè la famiglia.
In attesa di segnali più incoraggianti dalla maggioranza – ma le parole di Cicchitto di oggi poco lasciano sperare – sia Cesa che Rutelli cercano di chiamare alla compattezza i propri alleati avvertendoli anche dei pericoli delle ‘sirene’ berlusconiane. Per il leader di Api ‘’se c’è qualcuno che compra ci deve essere anche qualcuno disposto a vendere ma io spero che non ci sia nessuno che si vende’’.


– E’ fin troppo ovvio che ciascuno risponderà dei propri comportamenti davanti agli italiani – premette Cesa che poi dà appuntamento ai partiti del nuovo Polo per ‘’l’assunzione di atteggiamenti comuni e coerenti sul piano parlamentare’’. A iniziare dal caso Bondi. Ma è su tutti i principali temi sul tappeto – assicura – che si dovrà intensificare ‘’un coordinamento tra Udc, Fli, Api, Mpa e Liberal Democratici’’ perchè ‘’scorciatoie non ce ne sono per nessuno’’. Così come non c’è più spazio per ‘’scelte individuali o di partito’’. Anche perchè, come spiega il presidente dell’Udc Rocco Buttiglione, nel terzo polo ‘’si sta lavorando al programma per dare risposte al paese’’. Meno propenso al dialogo con la maggioranza appare Fabio Granata che guarda più ai movimenti di Berlusconi che ai primi passi del nuovo pol.


– Cercano di annientarci – dice l’esponente di Fli – ma hanno semplicemente ‘acquistato’ tre dei nostri parlamentari. La risposta a tutto questo – dunque – non può essere un richiamo a generici sensi di responsabilità o improbabili patti di legislatura. La risposta – spiega – deve essere politica e culturale e deve essere alternativa a Berlusconi.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

Archivio Ultima ora