TERZO POLO

Terzo Polo torna in pista, ora coordinamento unico

Pubblicato il 06 gennaio 2011 da redazione

ROMA – Strattonato, conteso da entrambi gli schieramenti, bersaglio del ‘’calciomercato’’ per ingrossare le file della maggioranza, il Terzo Polo – dopo la pausa natalizia – torna in pista e annuncia di voler dar seguito (con i fatti) agli annunci programmatici di fine anno assicurando che ora il coordinamento parlamentare tra Udc, Fli, Mpa, Api e Liberal democratici, che complessivamente ‘pesa’ per centinaio di voti, comincerà ad operare. E per concertare le mosse comuni si riunirà con cadenza anche settimanale.


– Sui temi di fondo saremo uniti e all’attacco – assicura Francesco Rutelli, allontanando i dubbi di chi vede nell’eterogeneità dello schieramento un suo punto di debolezza. Quanto ai temi etici sui quali il Pdl punta a dividere il polo appena nato, il leader di Api, puntualizza che non devono essere ‘’un alibi’’ per la maggioranza. E mentre non è ancora sciolto il nodo del nome da dare al nuovo schieramento, a tornare a parlare di ‘terzo polo’ come entità politica ‘unica’ è nche Lorenzo Cesa che annuncia battaglia, in vista della ripresa dei lavori parlamentari, al governo e alla maggioranza.


Se il concetto di opposizione ‘responsabile’ non viene meno, il segretario centrista non manca però di stigmatizzare l’atteggiamento – a suo dire – ‘’sconcertante’’ del presidente del Consiglio.
– Assistiamo con grande sconcerto – scandisce infatti Cesa – al toto-acquisti di parlamentari condito da un’opera sistematica di disinformazione. Siamo perplessi – sottolinea – perchè avevamo sperato che nella maggioranza maturasse una consapevolezza reale dei problemi del Paese, delle sue difficoltà e della necessità di nuovi e più corretti rapporti tra maggioranza e opposizione. Speranza che le parole di Tremonti sulla crisi possono solo in parte soddisfare. E che comunque non possono essere sufficienti.
Secondo i centristi, a cui si affiancano anche l’Api di Rutelli e le colombe di Fli, il Governo continua infatti a non occuparsi dei problemi del paese pur essendo questa la condizione per offrire un atteggiamento ‘non ostile’.


– Non possiamo accettare – dice Rutelli – che i temi bioetici, che sono importanti, diventino per la maggioranza un alibi per non affrontare i temi su cui è disastrosa e fallimentare la politica del governo: cioè la famiglia.
In attesa di segnali più incoraggianti dalla maggioranza – ma le parole di Cicchitto di oggi poco lasciano sperare – sia Cesa che Rutelli cercano di chiamare alla compattezza i propri alleati avvertendoli anche dei pericoli delle ‘sirene’ berlusconiane. Per il leader di Api ‘’se c’è qualcuno che compra ci deve essere anche qualcuno disposto a vendere ma io spero che non ci sia nessuno che si vende’’.


– E’ fin troppo ovvio che ciascuno risponderà dei propri comportamenti davanti agli italiani – premette Cesa che poi dà appuntamento ai partiti del nuovo Polo per ‘’l’assunzione di atteggiamenti comuni e coerenti sul piano parlamentare’’. A iniziare dal caso Bondi. Ma è su tutti i principali temi sul tappeto – assicura – che si dovrà intensificare ‘’un coordinamento tra Udc, Fli, Api, Mpa e Liberal Democratici’’ perchè ‘’scorciatoie non ce ne sono per nessuno’’. Così come non c’è più spazio per ‘’scelte individuali o di partito’’. Anche perchè, come spiega il presidente dell’Udc Rocco Buttiglione, nel terzo polo ‘’si sta lavorando al programma per dare risposte al paese’’. Meno propenso al dialogo con la maggioranza appare Fabio Granata che guarda più ai movimenti di Berlusconi che ai primi passi del nuovo pol.


– Cercano di annientarci – dice l’esponente di Fli – ma hanno semplicemente ‘acquistato’ tre dei nostri parlamentari. La risposta a tutto questo – dunque – non può essere un richiamo a generici sensi di responsabilità o improbabili patti di legislatura. La risposta – spiega – deve essere politica e culturale e deve essere alternativa a Berlusconi.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

11:16Calcio: Fiorentina annuncia Pezzella, oggi visite mediche

(ANSA) - FIRENZE, 18 AGO - La Fiorentina ha ufficializzato l' "acquisto a titolo temporaneo con diritto di riscatto" di German Pezzella, difensore di 26 anni. L'argentino è stato prelevato dal Real Betis. Nato a Bahia Blanca il 27 Giugno del 1991, in carriera ha indossato, oltre la maglia del Betis, anche la casacca del River Plate, con la quale ha vinto la Copa Libertadores, la Copa Sudamericana, La Recopa Sudamericana e un Campionato Argentino. Nell'ultima stagione Pezzella ha giocato 37 partite, realizzando un gol. Vanta inoltre 20 presenze e tre reti con la maglia della Nazionale Under 20 argentina. Il calciatore, arrivato ieri sera a Firenze, effettuerà le visite mediche nella giornata di oggi.

10:54Cinese uccisa in Sardegna: un arresto dopo 4 mesi

(ANSA) - NUORO, 18 AGO - Svolta nelle indagini sull'omicidio di Lu Xia Chan, la commerciante cinese di 37 anni uccisa a coltellate il 10 aprile scorso nel suo negozio a Budoni, sulla costa nord orientale della Sardegna. Una persona, che gli inquirenti ritengono responsabile del delitto, è stata arrestata dai Carabinieri della Compagnia di Siniscola e del Reparto operativo di Nuoro. Una svolta che arriva in seguito ad accurate indagini dei militari che sulla scena del delitto avevano rinvenuto delle tracce ematiche. E' grazie agli esami del Dna sul sangue che si è arrivati all'arresto. La donna, che viveva a Posada, paese poco distante da Budoni, col marito e due figli piccoli, era stata accoltellata dopo le 19 poco prima della chiusura del negozio. L'ipotesi sul movente dell'omicidio fino a oggi è stata quella della rapina.

10:44Incendi: rogo nell’agrigentino, piromani ragazzi 14 anni

(ANSA) - SCIACCA (AGRIGENTO), 18 AGO - Due ragazzi di 14 anni di Sciacca (Ag) sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei minori di Palermo con l'accusa di incendio doloso. Ai carabinieri hanno confessato di avere dato fuoco a delle sterpaglie nella zona in contrada Isabella, ai piedi del monte San Calogero. Le fiamme si sono poi propagate, interessando ancora una volta il bosco. Un incendio che ieri ha bruciato almeno 5 ettari di macchia mediterranea. Per le operazioni di spegnimento è stato necessario l'intervento di un elicottero dell'esercito. Alcuni testimoni hanno permesso agli investigatori di risalire all'identità dei due ragazzini, che dopo avere appiccato le fiamme sono fuggiti con le loro biciclette tornando nelle loro case.

10:33Barcellona: catalani in lutto, minuto silenzio con il Betis

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - "L'FC Barcellona vuole esprimere il suo profondo dolore e il disgusto assoluto per l'attacco terroristico che ha colpito il cuore della nostra città, la Rambla de Barcelona. Il Club desidera inviare il proprio sostegno e pensiero alle vittime, alle loro famiglie e amici, così come alla gente di Barcellona ei suoi visitatori". E' il messaggio che la società blaugrana ha pubblicato sul proprio sito dopo l'attacco di ieri pomeriggio. Tutte le bandiere presso le strutture del club, vi si legge ancora, sono a mezz'asta in segno di rispetto ed i giocatori della Liga, che comincia oggi con i primi due anticipi, indosseranno il lutto al braccio. Domenica sera, prima del calcio d'inizio contro il Betis, il Camp Nou osserverà un minuto di silenzio in memoria delle vittime dell'attentato.

10:12Campione ultratrail nudo su M.Bianco per protesta divieti

(ANSA) - AOSTA, 18 AGO - Per 'protestare' contro le nuove imposizione introdotte per l'ascensione del Monte Bianco dal versante francese, Kilian Jornet Burgada, campione spagnolo di ultratrail (corsa in montagna) e di scialpinismo, si è fatto fotografare nudo sulla cima della montagna. Lo ha comunicato lo stesso Burgada con un post su twitter. Il suo gesto vuole contestare la recente decisione del sindaco di Saint-Gervais, Jean-Marc Peillex, di 'obbligare' tutti gli alpinisti diretti sul tetto delle Alpi dalla via Normale ad avere con sè un'attrezzatura adeguata all'alta quota. Decisione presa dopo l'ennesimo incidente che ha coinvolto un ultratrailer, salito verso la vetta con equipaggiamento leggero e poi disperso. "Se si sale dal versante italiano quindi è legale?" ha scritto Burgada nel tweet. "Che si vergogni", la risposta del primo cittadino sempre via twitter. (ANSA).

09:14Barcellona: si teme per un italiano di Legnano

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Si teme per la vita di un italiano dopo l'attentato che ha colpito Barcellona: si tratta di Bruno Gulotta, residente a Legnano, in Lombardia, che era in vacanza nella città catalana con la moglie e i figli. Gulotta, 35 anni, al momento dell'attacco si trovava sulla Rambla e sarebbe rimasto ucciso dal furgone killer che è piombato sulla folla provocando almeno 13 morti. Al momento tuttavia non ci sono conferme ufficiali della notizia.

08:53Barcellona: ambasciatore a Madrid,3 italiani feriti

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - 'All'ambasciata italiana in Spagna risulta finora che tre connazionali sono rimasti feriti nell'attentato a Barcellona'. Lo ha detto a '6 su Radio 1' l'ambasciatore a Madrid Stefano Sannino.

Archivio Ultima ora