TERZO POLO

Terzo Polo torna in pista, ora coordinamento unico

Pubblicato il 06 gennaio 2011 da redazione

ROMA – Strattonato, conteso da entrambi gli schieramenti, bersaglio del ‘’calciomercato’’ per ingrossare le file della maggioranza, il Terzo Polo – dopo la pausa natalizia – torna in pista e annuncia di voler dar seguito (con i fatti) agli annunci programmatici di fine anno assicurando che ora il coordinamento parlamentare tra Udc, Fli, Mpa, Api e Liberal democratici, che complessivamente ‘pesa’ per centinaio di voti, comincerà ad operare. E per concertare le mosse comuni si riunirà con cadenza anche settimanale.


– Sui temi di fondo saremo uniti e all’attacco – assicura Francesco Rutelli, allontanando i dubbi di chi vede nell’eterogeneità dello schieramento un suo punto di debolezza. Quanto ai temi etici sui quali il Pdl punta a dividere il polo appena nato, il leader di Api, puntualizza che non devono essere ‘’un alibi’’ per la maggioranza. E mentre non è ancora sciolto il nodo del nome da dare al nuovo schieramento, a tornare a parlare di ‘terzo polo’ come entità politica ‘unica’ è nche Lorenzo Cesa che annuncia battaglia, in vista della ripresa dei lavori parlamentari, al governo e alla maggioranza.


Se il concetto di opposizione ‘responsabile’ non viene meno, il segretario centrista non manca però di stigmatizzare l’atteggiamento – a suo dire – ‘’sconcertante’’ del presidente del Consiglio.
– Assistiamo con grande sconcerto – scandisce infatti Cesa – al toto-acquisti di parlamentari condito da un’opera sistematica di disinformazione. Siamo perplessi – sottolinea – perchè avevamo sperato che nella maggioranza maturasse una consapevolezza reale dei problemi del Paese, delle sue difficoltà e della necessità di nuovi e più corretti rapporti tra maggioranza e opposizione. Speranza che le parole di Tremonti sulla crisi possono solo in parte soddisfare. E che comunque non possono essere sufficienti.
Secondo i centristi, a cui si affiancano anche l’Api di Rutelli e le colombe di Fli, il Governo continua infatti a non occuparsi dei problemi del paese pur essendo questa la condizione per offrire un atteggiamento ‘non ostile’.


– Non possiamo accettare – dice Rutelli – che i temi bioetici, che sono importanti, diventino per la maggioranza un alibi per non affrontare i temi su cui è disastrosa e fallimentare la politica del governo: cioè la famiglia.
In attesa di segnali più incoraggianti dalla maggioranza – ma le parole di Cicchitto di oggi poco lasciano sperare – sia Cesa che Rutelli cercano di chiamare alla compattezza i propri alleati avvertendoli anche dei pericoli delle ‘sirene’ berlusconiane. Per il leader di Api ‘’se c’è qualcuno che compra ci deve essere anche qualcuno disposto a vendere ma io spero che non ci sia nessuno che si vende’’.


– E’ fin troppo ovvio che ciascuno risponderà dei propri comportamenti davanti agli italiani – premette Cesa che poi dà appuntamento ai partiti del nuovo Polo per ‘’l’assunzione di atteggiamenti comuni e coerenti sul piano parlamentare’’. A iniziare dal caso Bondi. Ma è su tutti i principali temi sul tappeto – assicura – che si dovrà intensificare ‘’un coordinamento tra Udc, Fli, Api, Mpa e Liberal Democratici’’ perchè ‘’scorciatoie non ce ne sono per nessuno’’. Così come non c’è più spazio per ‘’scelte individuali o di partito’’. Anche perchè, come spiega il presidente dell’Udc Rocco Buttiglione, nel terzo polo ‘’si sta lavorando al programma per dare risposte al paese’’. Meno propenso al dialogo con la maggioranza appare Fabio Granata che guarda più ai movimenti di Berlusconi che ai primi passi del nuovo pol.


– Cercano di annientarci – dice l’esponente di Fli – ma hanno semplicemente ‘acquistato’ tre dei nostri parlamentari. La risposta a tutto questo – dunque – non può essere un richiamo a generici sensi di responsabilità o improbabili patti di legislatura. La risposta – spiega – deve essere politica e culturale e deve essere alternativa a Berlusconi.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

15:36Biotestamento: ok Senato art.1, si riprende alle 15.30

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Dopo aver respinto tutti gli emendamenti, anche quelli a scrutinio segreto, l'Aula del Senato dà il via libera all'articolo uno del provvedimento sul testamento biologico. I sì sono stati 154, 36 i no e 4 gli astenuti. L'Aula è stata sospesa e riprenderà alle 15.30 per votare gli emendamenti rimanenti.

15:09Eternit: Pg Cassazione, processi restino ‘spacchettati’

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Pg della Cassazione ha chiesto che siano dichiarati 'inammissibili' il ricorso della Procura e del Pg di Torino contro la decisione del Gup torinese che aveva 'spacchettato' il processo per le morti da Eternit, distribuendo la competenza anche a Napoli, Vercelli e Reggio Emilia. Il Gup, inoltre, aveva optato per l'omicidio colposo anziché doloso. Lo si è appreso dai familiari delle vittime presenti a piazza Cavour a Roma. Il Pg della Cassazione, Delia Cardia, ha chiesto di dichiarare inammissibile il ricorso di Pg e Pm torinesi e la Suprema Corte depositerà la sua decisione tra stasera e domani. Il Pg, a quanto ha riferito l'avvocato delle parti civili Marco Gatti, si è espresso anche per la conferma dell'accusa di omicidio colposo anziché doloso. Rammarico per la richiesta del Pg è stato espresso dal sindaco di Casale Monferrato, Titti Palazzetti, e da Assunta Prato dell'Associazione familiari vittime dell'amianto. (ANSA).

14:58Terrorismo: faceva proselitismo su web,condannato marocchino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - È stato condannato a sei anni di carcere Mouner El Aoual, detto 'Mido', il marocchino di 29 anni arrestato lo scorso aprile nel quadro di un'inchiesta contro il terrorismo. Ospite di una famiglia italiana, risultata estranea agli episodi contestati, è accusato di avere svolto attività di proselitismo via internet. Le indagini sono state svolte dai carabinieri del Ros con il coordinamento del pm Enrico Arnaldi di Balme. Per l'uomo la Procura di Torino aveva chiesto e ottenuto il giudizio immediato. (ANSA).

14:52Calcio: Udinese-Napoli, sale a 26 il numero dei Daspo

(ANSA) - UDINE, 13 DIC - E' salito a 26 il numero dei Daspo emessi dal Questore di Udine, Claudio Cracovia, a carico di altrettanti tifosi partenopei protagonisti di alcuni episodi finiti all'attenzione della Polizia in occasione dell'incontro di campionato tra Udinese e Napoli del 26 novembre. Oltre alle tre persone, una arrestata e due denunciate, identificate subito dopo i tafferugli scoppiati nel prepartita, la misura di prevenzione è stata emessa nei confronti di 22 persone, tutte identificate, che seppure fossero regolarmente con il biglietto si erano sedute in un'area della Tribuna diversa da quella loro assegnata, intimorendo nel contempo i tifosi locali con i propri comportamenti. Un ultimo Daspo è stato emesso nei confronti di un uomo di 33 anni, individuato come autore dell'accensione di un fumogeno all'interno del settore riservato ai sostenitori della squadra ospite. E' stato anche segnalato all'autorità giudiziaria per il possesso di ordigni pirotecnici. La posizione di altri tifosi è ancora al vaglio della Questura.

14:50Perquisizioni Gdf in azienda di yacht dopo denunce clienti

(ANSA) - GENOVA, 13 DIC - Questa mattina i militari della Guardia di Finanza di Savona, su delega della Procura, hanno eseguito perquisizioni e sequestri nei confronti della società MondoMarine, che costruisce yacht, e di parte dei soci, amministratori e consulenti. Le operazioni interessano i cantieri e gli uffici di Savona, Pisa e Milano, e hanno portato al sequestro di documentazione aziendale. L'operazione nasce dalle denunce di alcuni clienti che sostengono di essere stati truffati. Le ipotesi per le quali si procede sono truffa, bancarotta, falso in bilancio, ricorso abusivo al credito mediante fatture per operazioni inesistenti e distrazione di somme dalla contabilità aziendale. Il provvedimento arriva nel pieno della crisi di MondoMarine: il 6 dicembre non è arrivato il concordato preventivo per scongiurare il fallimento ma il tribunale, preso atto dell'interesse di un soggetto (Palumbo Group Shipyard) all' affitto del ramo d'azienda, ha rinviato tutto al 19 dicembre. Da una settimana il cantiere è occupato dai lavoratori.

14:44Froome: Nibali, aspettiamo le conclusioni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Certo per il ciclismo non è un grande giorno, come non lo è per lui". Vincenzo Nibali commenta così all'Ansa la positività-choc di Chris Froome: il campione italiano, in questi giorni in allenamento in Croazia con il suo team Bahrain-Merida, dice però di aspettare a dare giudizi affrettati. "Sulla vicenda non entro nel merito - sottolinea il corridore siciliano - voglio aspettare correttamente le conclusioni".

14:34Nuoto: Paltrinieri eliminato nei 400 sl

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - L'eliminazione di Gregorio Paltrinieri dalla finale dei 400 sl è una delle poche note stonate della prima giornata dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri di Copenhagen. L'olimpionico e primatista mondiale dei 1500 sl ha nuotato in 3'44"70 ottenendo solo il 15/o crono. Piero Codia e Matteo Rivolta si qualificano per le semifinali dei 100 farfalla, rispettivamente con il primo (50"40) e il quinto tempo (50"80). Arianna Castiglioni centra dei 50 rana le semifinali col quarto tempo di 30"12 (primato italiano), con lei Martina Carraro nona in 30"30. Nella gara maschile in semifinale con il miglior tempo Fabio Scozzoli (25"90). Avanza anche Nicolò Martinenghi, nono in 26"43. Silvia Scalia nuota nei 100 dorso la sua seconda miglior prestazione in 57"91 col quarto tempo, subito davanti a Federica Pellegrini quinta in 57"95. Entrambe si qualificano per le semifinali. In finale Ilaria Cusinato nei 400 misti, Simona Quadarella negli 800 sl e la staffetta 4x50 sl maschile (miglior tempo in 1'25"33).

Archivio Ultima ora