CRESCITA

Draghi: ‘’No ad aumento tasse ma controllo selettivo della spesa’’

Pubblicato il 21 marzo 2011 da redazione

MILANO – Un aumento delle tasse in Italia non è attuabile, mentre si dovrebbe puntare a un controllo selettivo della spesa. E’ quanto ha affermato il governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, nel suo intervento a una lezione sull’euro all’Università Cattolica di Milano.


– Aumentare le aliquote fiscali – ha detto Draghi – è fuori discussione: comprometterebbe l’obiettivo della crescita, sottoporrebbe i contribuenti onesti a una insopportabile vessazione. Le aliquote andrebbero piuttosto diminuite, man mano che si recuperino evasione ed elusione.


Per Draghi ‘’non resta che il controllo della spesa, ma un controllo selettivo, orientato innanzitutto dalla distinzione fra ciò che favorisce la crescita e ciò che la ostacola’’. Commenta:
– Scelte politiche sagge non possono che poggiare su una valutazione capillare degli effetti anche macroeconomici di ogni voce di spesa.


Il governatore della Banca d’Italia ha sottolineato che ‘’il problema dell’economia italiana, non è mai superfluo ricordarlo, è la difficoltà strutturale a crescere’’.
– Il compito, difficile, della politica economica è cambiare questo stato di cose riducendo al tempo stesso l’incidenza del debito pubblico sul prodotto. Ripristinare rapidamente un solido avanzo primario e non sottrarsi all’esigenza di mettere in campo interventi che sostengano strutturalmente la crescita, questa è la sfida. Il debito pubblico italiano, già molto alto, è salito ancora – ha anche affermato il governatore -. La sua gestione è stata prudente: ne è stata progressivamente allungata la vita media residua, pur in un contesto che rimaneva incerto e volatile.


Per Draghi ‘’la situazione patrimoniale di imprese e famiglie è nel complesso solida. La propensione dei risparmiatori verso strumenti finanziari ad alto rischio è bassa. L’indebitamento è contenuto, anche se concentrato in passività a tasso variabile, intrinsecamente più rischiose’’.
– Senza l’Unione (europea, ndr) – ha detto ancora Draghi – il semplice coordinamento di decisioni nazionali non avrebbe prodotto risultati altrettanto rapidi ed efficaci. Alcuni Paesi, incluso il nostro, potevano essere travolti dalla crisi.


Draghi ha spiegato che ‘’alla crisi globale degli ultimi tre anni la politica monetaria dell’area ha dato una risposta pronta, decisa. Le aspettative d’inflazione sono rimaste saldamente ancorate anche nel pieno della crisi, permettendo di agire per preservare il funzionamento dei mercati, sostenere il credito, evitare il tracollo dell’economia. I tassi di mercato monetario sono stati portati vicini allo zero e sono state adottate misure eccezionali di creazione di liquidità’’.


Il governatore della Banca d’Italia ha poi tracciato un bilancio sulla moneta comune europea:
– La costruzione monetaria europea funziona. L’euro non è in discussione – ha sottolineato -. L’euro è oggi la seconda valuta internazionale: la sua incidenza nelle riserve valutarie mondiali è del 27 per cento. Prima dell’Unione, quella delle valute sostituite dall’euro era cumulativamente del 18 per cento.
Ha poi concluso che ‘’gli effetti di questa crisi sono destinati a durare per molti anni’’.
– Gli sforzi di alcuni Paesi nel risanamento dei conti pubblici o nella riorganizzazione del settore bancario dureranno a lungo – ha detto -. Non è una battaglia che si vince in un giorno.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

17:21D’Alema, Moscovici? Pensi a suo partito quasi scomparso

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Sono amico di Pier, ma in Francia il suo partito è quasi scomparso, forse dovrebbe essere quella ora la sua principale preoccupazione... Io sono appassionatamente europeista ma l'Europa non recupera il suo consenso se non cambia. Ma è possibile che in Europa ci sia ancora una sorta di paradiso fiscale come il Lussemburgo? Almeno si punti all' armonizzazione fiscale". Lo afferma Massimo D'Alema ospite della trasmissione "In mezz'ora in più" su Rai3 commentando le dichiarazioni di Moscovici sull'Italia.

17:19Raggi: legalità punto fermo, c’è riconoscimento Anac

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Legalità, trasparenza e lotta alla corruzione sono punti fermi per la nostra amministrazione". Lo scrive su Fb la sindaca di Roma Virginia Raggi che annuncia: "Abbiamo investito energie nel tavolo tecnico congiunto con l'Autorità Nazionale Anti-Corruzione. Finalmente si raccolgono i primi risultati. E sono positivi. Nella relazione conclusiva sul lavoro svolto dal Tavolo, l'Anac ha espresso apprezzamento per gli importanti e i significativi risultati raggiunti". In particolare per "l'aumento del numero di gare a evidenza pubblica". "Misure efficaci" in materia di anticorruzione nell'ambito del piano triennale di prevenzione. "Azioni correttive" "di particolare rilievo" intraprese sul "sistema di governance delle società partecipate dal Comune". Permanere di "criticità" sulla "centralizzazione degli acquisti", sulla "rotazione del personale", su una "elevata ed anomala cancellazione di Cig", cioè i codici identificativi di gara negli appalti. Sono alcuni degli aspetti messi in luce dall'Anac.

17:08Procura Spagna,arrestare Puigdemont se va in Danimarca

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - La procura spagnola chiederà l'attivazione di un mandato di arresto europeo contro l'ex presidente della Generalitat della Catalogna, Carles Puigdemont, se domani andrà in Danimarca, dove ha in programma di partecipare ad un dibattito all'Università di Copenhagen. Lo riferisce El Pais, citando un comunicato della procura, in cui si spiega che si vuole chiedere alle autorità danesi l'arresto e la consegna alla Spagna della "persona indagata". Puigdemont è in auto esilio a Bruxelles.

16:40Sms ingiuriosi e diffamazione in articolo, Sgarbi condannato

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Contrariato da un articolo sul Corriere della Sera che criticava il Padiglione Italia della Biennale di Venezia del 2011, da lui curato, il critico d'arte e politico Vittorio Sgarbi prima ha iniziato a scrivere sms con parolacce e offese all'autore del pezzo pubblicato, il giornalista Sebastiano Grasso, e poi in un articolo su Il Giornale, ha usato nei confronti del recensore considerazioni da lui ritenute diffamatorie. Ora il Tribunale di Milano, giudice Nicola Di Plotti, in sede civile, lo ha condannato a una pena pecuniaria per ingiuria e diffamazione a mezzo stampa. E inoltre alla pubblicazione, a proprie spese, di un estratto della sentenza sul Corriere della Sera che avverrà domani. La notizia è stata resa nota dall'avvocato Biagio Cartillone, patrocinante di Grasso già responsabile delle pagine dell'arte sul quotidiano di via Solferino, che ha prodotto integralmente la sentenza.

16:30Calcio: furia Insegne dopo sostituzione, Sarri ‘stai zitto’

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - C'è una piccola nube nella vittoria del Napoli a Bergamo. 'Colpa' del siparietto polemico andato in onda al 29' del secondo tempo quando il tecnico azzurro Maurizio Sarri, con la sua squadra avanti 1-0, ha deciso di sostituire Insigne con Hamsik. Ma il giocatore non la prende bene e mentre si avvia verso la panchina si lascia scappare un 'vaffa', ripreso dalla telecamere come ricostruisce anche Sky, con Sarri che lo redarguisce immediatamente dicendogli un eloquente: "Siediti, e stai zitto".

16:29Rapporto di Israele, aumenta l’antisemitismo in Europa

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 GEN - Un aumento negli "incidenti razzisti" in Europa contro gli ebrei. Lo segnalano i dati di un rapporto del Ministero della Diaspora - retto da Naftali Bennett - relativo al 2017 e ripreso oggi dai media. Secondo il rapporto, l'aumento ha raggiunto il 78% "di violenza contro gli ebrei" in Gran Bretagna, mentre in Francia uno ogni tre "incidenti razzisti" è diretto contro gli ebrei che nel paese sono meno dell'1% della popolazione. Per i dati, in Ucraina il numero degli incidenti "è raddoppiato" e più del 50% dei profughi in Europa ha "opinioni antisemite".

16:17Sci: cdm, Kristoffersen vince slalom Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL, 2 GEN - Sotto una fitta nevicata, lo slalom speciale di cdm di Kitzbuehel e' stato vinto in 1.48.49 dal norvegese Henrik Kristoffersen. Per lui, a 23 anni, è il 16/o successo in carriera ma soprattutto ha battuto in casa l'austriaco Marcel Hirscher, secondo in 1.49.46. Terzo lo svizzero Daniel Yule in 1.49.84. Per l'Italia ancora una gara non esaltante. Il migliore è stato Manfred Moelgg 9/o in 1.51.28 seguito da Stefano Gross 11/o in 1.51.40 . Chiude Tommaso Sala 22/o in 1.53.65.

Archivio Ultima ora