MESSICO

Guerra fra stato e narcos, l’accordo in difesa del giornalismo

Pubblicato il 29 marzo 2011 da redazione

CITTÀ DEL MESSICO – Gestire l’informazione che riguarda la guerra fra Stato e cartelli della droga è diventato un mestiere difficile in Messico. Ne sanno qualcosa i giornalisti che sono diventati uno degli obiettivi sensibili dei killer dei narcos. Negli ultimi dieci anni sono stati quasi 70 i reporter fatti fuori dalle bande criminali.


Non solo. Creare allarmismi, enfatizzare le atrocità commesse dai cartelli potrebbe, secondo gli esperti, dare troppo peso alle organizzazioni criminali, facendole diventare importanti, rischiando di trasformarle da carnefici in vittime.


Per questo motivo più di 700 media messicani si sono ritrovati presso la sede del Museo di Antropologia di Città del Messico e hanno firmato un accordo dal nome chiarissimo: “Acuerdo para la Cobertura Informativa de la Violencia”. Un accordo che ha trovato ampio respiro nel Paese, tanto che è stato sottoscritto anche dalla società civile messicana e da più di 250 organizzazioni non governative.


L’accordo firmato stabilisce alcune linee guida per la copertura dei fatti di cronaca legati al crimine organizzato. Ad esempio si stabilisce che la copertura delle notizie debba evitare in qualsiasi modo l’uso del linguaggio e della terminologia che da sempre identificano le bande. Inoltre si fa richiesta di evitare di diffondere con le notizie di cronaca il terrore fra la popolazione. È stato anche stabilito di non dare alcun peso giornalistico alle informazioni provenienti direttamente dai cartelli che sarebbero solo utili alla loro propaganda.


“Ci sono stati giornalisti e giornali che hanno subito minacce. Alcuni media si sono esposti maggiormente denunciando i fatti. La firma sull’accordo servirà a non trasformare i media in cassa di risonanza come vorrebbero i gruppi criminali” ha aggiunto il giornalista Federico Reyes Heroles. Tutto questo mantenendo saldo il principio di indipendenza della professione giornalistica.


“Il Messico è uno dei paesi dove il rischio di esercitare la professione giornalistica è molto alto. Difficilissimo anche esercitare il diritto di cronaca. E tutto questo per colpa della pressione delle organizzazioni criminali, che minacciano fortemente anche la stessa libertà d’espressione” ha detto uno dei protagonisti della manifestazione Carlos Loret de Mola.

In effetti, l’accordo prevede lo studio di misure capaci di proteggere la vita e il lavoro delle decine di operatori dell’informazione che gravitano intorno alla cronaca della “guerra”, la solidarietà collettiva davanti a minacce o abusi e la totale lontananza dall’interferenza nella lotta al narcotraffico.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

04:06Terremoto Ischia: ultimo bilancio, due donne le vittime

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 22 AGO - Al momento sale a due morti, quattro persone tratte in salvo e tre bimbi ancora sotto le macerie il bilancio del terremoto che ieri sera ha colpito il comune di Casamicciola, sull'isola di Ischia. Poco dopo mezzanotte un uomo ed una donna sono stati estratti vivi dalle macerie, poi è stata salvata un'anziana risultata ferita. Poco fa, tratto in salvo anche il papà dei bimbi che sono ancora sotto le macerie.

01:33Barcellona: a Ciampino bare italiani avvolte da tricolore

(ANSA) - CIAMPINO, 22 AGO - I feretri di Luca Russo e Bruno Gulotta, vittime dell'attentato di Barcellona, sono sbarcati all'aeroporto militare di Ciampino avvolti dal tricolore. dal Boeing dell'Aeronautica sono scesi prima 13 familiari che hanno viaggiato con le salme dei propri congiunti, accompagnati dal sottosegretario agli Esteri, Vincenzo Amendola, e dal Capo dell'Unità di crisi della Farnesina, Stefano Verrecchia, assieme ad alcuni funzionari del ministero degli Esteri che hanno seguito tutte le fasi del rientro delle due salme in Italia. I due carri funebri si sono poi stati benedetti dal cappellano militare, don Salvo Nicotra. Quindi si è avvicinato il capo dello Stato, Sergio Mattarella, rimanendo in piedi a qualche metro di distanza in raccoglimento. In un clima di profondo ma composto dolore, è stata la volta, a turno, dei familiari di Russo e Gulotta. Alcuni si sono avvicinati ai feretri e li hanno accarezzati. I carri funebri hanno poi lasciato lo scalo per il policlinico Gemelli per lo svolgimento dell'autopsia.

01:19Terremoto a Ischia: Ingv, 4.0 nuova stima magnitudo

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Al momento il valore di 4.0 è la stima più attendibile della magnitudo terremoto avvenuto a Ischia. Il valore è riportato sul sito dell'Ingv e si riferisce alla magnitudo calcolata sulla base della durata dell'evento (MD). Il precedente valore di 3.6 si riferiva invece alla magnitudo locale (ML). I sismologi del Centro Nazionale Terremoti dell'Ingv sono al lavoro per calcolare il valore definitivo. Il primo valore della magnitudo, pari a 3.6, è stato calcolato in modo automatico, come sempre quando si verifica un terremoto. Il nuovo valore di 4.0 si è basato sui dati rilevati dalla rete simica dell'Osservatorio Vesuviano dell'Ingv, che ha quattro stazioni a Ischia. Il valore definitivo della magnitudo, chiamato magnitudo momento, viene calcolato dai ricercatori e si basa sulla stima del momento sismico, ossia su una durata più ampia del sismogramma. Insieme alla nuova stima, la rete sismica dell'Osservatorio Vesuviano ha permesso di ricalcolare la profondità dell'evento da dieci a cinque chilometri.

01:09Terremoto Ischia: 25 feriti, tre dispersi, un morto

(ANSA) - NAPOLI, 22 AGO - Venticinque feriti (dei quali due in pericolo di vita), tre persone disperse, una donna deceduta: è l'ultimo bilancio delle conseguenze del terremoto registrato poco prima delle 21 nell'isola di Ischia secondo quanto riferiscono fonti del Comando provinciale dei carabinieri.

00:46Terremoto Ischia: Napoli ‘vicini a famiglie colpite’

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - ''Vicini alle famiglie colpite dal terremoto: Ischia''. Con un breve tweet che termina con un cuore azzurro sul suo profilo social, il Napoli, impegnato domani nel ritorno del preliminare di Champions League a Nizza, dimostra la sua vicinanza alla popolazione di Ischia colpita dal terremoto.

00:21Trump e Melania ammirano eclissi, lui sbircia senza occhiali

(ANSA) - WASHINGTON, 21 AGO - Anche Donald Trump e Melania hanno osservato l'eclissi di sole in Usa: il presidente e la first lady l'hanno ammirata dal Truman Balcony della Casa Bianca. Ma il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha sbirciato per qualche secondo il sole durante l'eclissi senza occhiali protettivi, contravvenendo così ai consigli ripetuti da più parti di proteggere accuratamente gli occhi.

00:13In America tutti pazzi per la ‘eclissi di sole del secolo’

(ANSA) - WASHINGTON, 21 AGO - Tutti pazzi per l'eclissi del secolo. Dal Pacifico all'Oceano Atlantico, l'America intera si è fermata per assistere a un evento definito dagli esperti 'storico', uno spettacolo che non accadeva da 99 anni: il 'sole nero', totalmente oscurato dalla luna e che è scomparso lungo un 'coast to coast' che ha tenuto oltre 200 milioni di persone col naso all'insù. Anche il presidente Donald Trump e la first lady Melania hanno assistito allo show dal balcone della Casa Bianca, mentre il mondo ha assistito all'eclissi più social di sempre in tv o sulla rete. 'The Great American Eclipse' - come è stata ribattezzata - è partita dagli scogli rocciosi di Yoquina Head, a sudovest di Portland, in Oregon, accolta dalle grida di entusiasmo di milioni di persone scese in strada. Erano le 10.20 ora locale (le 19.20 in Italia). In un'ora e mezza circa l'eclissi, sfrecciando da ovest a est, ha oscurato il cielo in 12 Stati, attraversando per 4 mila chilometri il cuore degli Usa fino alle coste della South Carolina.

Archivio Ultima ora