OMICIDIO DI CELMO

Il terrorista Posada Carriles assolto negli Stati Uniti

Pubblicato il 10 aprile 2011 da redazione

L’AVANA – Una giuria Usa ha prosciolto Luis Posada Carriles, esule anticastrista cubano di 83 anni, sulla cui testa pende anche l’accusa di aver ucciso il 32enne genovese Fabio Di Celmo, in un attentato terroristico a L’Avana nel 1997. Nel processo, tra gli 11 capi d’accusa non figurava l’omicidio dell’italiano: Carriles era accusato di spergiuro, ingresso illegale e violazione delle leggi sull’immigrazione. Avrebbe mentito, nella sua richiesta di asilo politico, sul traffico di esplosivi al quale sarebbe seguito l’attentato in cui morì Di Celmo. “Gli Usa proteggono il terrorista Carriles in franca violazione delle Leggi Internazionali”, ha detto il presidente del Parlamento cubano, Ricardo Alarcón, che ha definito “una farsa”, il processo. Carriles organizzò molteplici attentati, come confidò al New York Times in un’intervista rilasciata nel 1998. Per quasi mezzo secolo è stato in servizio permanente su tutto l’arco centro-americano. Nel ‘78 fu arrestato in Venezuela (riuscì a evadere) per l’attentato contro un aereo civile cubano (morte le 73 persone a bordo); nel ‘97 seminò di bombe gli hotel dell’Avana (fra le vittime Di Celmo); nel 2000 a Panama fu arrestato mentre organizzava un attentato contro Fidel. Gli Usa hanno detto no alle richieste di estradizione di Venezuela e Cuba (“potrebbe essere torturato”).


Era il 4 settembre 1997 quando Di Celmo morì in un attentato organizzato dagli anticastristi, mentre sorseggiava un drink nell’hotel capitolino Copacabana. Di Celmo, nell’isola con il padre per motivi di lavoro, stava aspettando amici italiani nella hall quando venne investito dall’esplosione di una bomba. Quello stesso giorno erano già esplosi altri 2 ordigni in altrettanti alberghi a l’Avana, mentre il giorno dopo un’esplosione devastò la Bodeguita frequentata da Hemingway.


Carriles fu arrestato nel ‘76 in Venezuela con l’accusa di aver organizzato l’attentato che fece precipitare un jet cubano alle Barbados, a bordo 73 persone tra cui l’intera squadra giovanile cubana di scherma. Fuggì dal carcere nell’85 e 15 anni dopo fu condannato come protagonista di uno dei complotti orditi per uccidere Fidel. Per la CIA lavorò dal 1965 al ‘76.


Carriles inizia la sua ‘carriera’ come collaboratore segreto della polizia batistiana, poi è tramite tra polizia cubana e FBI. Nel 1961 si trasferisce a Miami. Negli Usa diventa membro dell’operazione 40 (organizzazione militare CIA creata da Eisenhower per eliminare Capi di Stato che si oppongono alla politica Usa) e dell’operazione che stava preparando l’invasione a Baia dei porci. È assessore per la sicurezza in Guatemala, El Salvador, Cile, Argentina e Venezuela.


Dopo l’arresto in Venezuela, viene trasferito prima in Costa Rica e poi a El Salvador attraverso aerei privati della Fondazione Nazionale Cubano-Americana (organizzazione di cubani di Miami). Nel 1998 il New York Times intervista Carriles che ammette di essere l’organizzatore degli attentati a Cuba e di aver agito alle dipendenze della Fondazione Nazionale Cubano-Americana che, a tal fine, gli ha elargito 200 mila dollari.
Richiede l’asilo politico per evitare l’estradizione richiesta da Cuba e dal Venezuela. Nel 2007 esce dal carcere su cauzione. A poche ore dal processo, il giudice texano fa cadere l’accusa di immigrazione clandestina, Carriles si trasferisce a Miami dove vive con la sua famiglia.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

12:56Attacco Londra: un minuto silenzio in ricordo vittime

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - Un minuto di silenzio in ricordo delle vittime dell'attacco di ieri di fronte a Westminster è stato rispettato alle 9.33 ora locali (le 10.33 in Italia) nel Parlamento a Londra e nel Regno Unito.

12:56Imprenditore a rischio furti, ok Tar per detenzione pistola

(ANSA) - GENOVA, 23 MAR - Un imprenditore può usare un'arma legittimamente detenuta per difendere i beni aziendali all'interno del luogo dove viene esercitata l'attività, quando esiste il pericolo d'aggressione, in particolare di furti. È una delle motivazioni con cui il Tar della Liguria ha accolto il ricorso di un impresario che si era visto negare dal Prefetto di Savona il rinnovo dell'autorizzazione al porto di pistola per difesa personale. L'impresario aveva denunciato diversi furti di gasolio presso la propria ditta, evidenziando inoltre la necessità di trasportare spesso denaro contante per il pagamento di clienti e fornitori. Il Tar ha annullato così il provvedimento che aveva impedito il rinnovo del permesso per porto di rivoltella e ha condannato il Ministero dell'Interno al pagamento delle spese di giudizio (duemila euro). "La comunicazione dei motivi ostativi si è limitata a rilevare che il ricorrente potrebbe avvalersi dei servizi del sistema bancario per evitare il trasporto di elevate somme di denaro, e che non ha subito minacce, aggressioni e reati di altro genere contro la persona - spiega il Tar nella sentenza - Tali motivazioni non erano mai state ritenute sufficienti a negare il dimostrato bisogno per il rilascio della licenza per porto di pistola". L'ordinamento, prosegue il Tar, considera "scriminante - e dunque consentito - l'uso di un'arma legittimamente detenuta anche al fine di difendere i propri beni all'interno di un luogo ove venga esercitata un'attività imprenditoriale, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d'aggressione". Il Tar aggiunge che l'uso dei contanti "sembrerebbe essere riferibile ad esigenze di fornitori e clienti", non del ricorrente che ha dimostrato di avere nel recente passato denunciato "svariati furti di gasolio presso il piazzale della propria ditta". (ANSA).

12:54F1: Vettel, la Ferrari fa grandi progressi

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "A marzo è presto per sapere se saremo in lizza per il titolo, lo vedremo ad ottobre-novembre". Prudenza con la "p" maiuscola da parte del ferrarista Sebastian Vettel, nella prima conferenza stampa della nuova stagione di Formula 1, alla vigilia della tre giorni del Gran Premio d'Australia, tappa d'avvio del Mondiale. "Guardando alle prestazioni effettuate finora dalla macchina - aggiunge il pilota tedesco - c'è stato senz'altro un grosso passo avanti rispetto all'anno scorso. Ma questo è avvenuto anche grazie alle nuove regole, è una Formula 1 diversa e quindi ogni paragone non è del tutto appropriato. Di sicuro, è la macchina più veloce che abbiamo mai guidato. Se poi saremo competitivi, siamo qui per scoprirlo". Alla Ferrari, così come fra i suoi tifosi, si spera di poter finalmente insidiare lo strapotere della Mercedes. "Loro sono stati in grande forma negli ultimi anni e chiaramente sono sempre i favoriti - ammette Vettel - Vedremo nel corso della stagione quanto terreno riusciremo a recuperare".

12:51Calcio: stadio della Roma, “delibera della Giunta in arrivo”

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Questa Amministrazione intende promuovere una delibera di Giunta che riconsideri il pubblico interesse individuando i principi per la realizzazione di un nuovo progetto. Un progetto che permetta una revisione della precedente delibera a partire da una riparametrazione e riformulazione delle opere che determinano l'interesse pubblico dell'intervento". Lo ha detto l'assessore all'Urbanistica di Roma Luca Montuori, durante la seduta straordinaria dell'Assemblea capitolina sullo stadio della Roma, chiesta dalle opposizioni in aula Giulio Cesare. "Vogliamo considerare - ha aggiunto Montuori - un insieme di fattori che possano permetterci oggi di esaminare un nuovo equilibrio di sistema, con un interesse pubblico ampliato e riferito non solo alle aree specifiche intorno allo stadio, ma esteso a tutti i cittadini che abitano fra Tor di Valle e Ostia e a coloro che fanno il loro ingresso a Roma da Fiumicino e da Civitavecchia".

12:40Tennis: Atp-Wta Miami, oggi in campo Seppi ed Errani

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Esordio per Andreas Seppi oggi al Miami Open, Masters 1000 sui campi in cemento di Crandon Park, in Florida: l'altoatesino, numero 80 Atp, affronterà il qualificato moldavo Radu Albot, n. 86. Ieri, intanto, buon debutto per Fabio Fognini: il 29enne ligure, n. 40 Atp, ha battuto 6-4, 7-5, in un'ora e 37', lo statunitense Ryan Harrison, n. 47. Al secondo turno Fognini troverà il portoghese Joao Sousa, n. 35 e 30/a testa di serie. Al secondo turno, dopo il "bye" all'esordio, c'è anche Paolo Lorenzi, n. 37 e 32/a testa di serie, che se la vedrà con il vincente della sfida in programma oggi tra il francese Adrian Mannarino (n. 67) e il qualificato tedesco Benjamin Becker (n. 186). Nel tabellone femminile, secondo turno oggi per Sara Errani, n. 102 Wta, che sfiderà la 28enne cinese Shuai Zhang, n. 33 e 30/a testa di serie. E infine secondo turno, ma domani, anche per Roberta Vinci, n. 30 e 25/a testa di serie, all'esordio dopo un "bye", contro la qualificata statunitense Taylor Townsend, 20 anni, n. 111.

12:33Attacco Londra: media, attentatore di Birmingham

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - Sarebbe originario di Birmingham, una delle 'capitali' islamiche del Regno Unito, l'autore dell'attacco di ieri a Westminster. Lo riporta l'agenzia Pa, citando le testimonianze di persone residenti nel quartiere della città inglese delle Midlands nel quale oggi la polizia ha arrestato tre dei sette presunti fiancheggiatori totali finiti sinora in manette in tutto il Paese.

12:31Egitto: portavoce, 10 soldati uccisi nel Sinai

(ANSA) - IL CAIRO, 23 MAR - La morte di dieci militari per "esplosioni" avvenute nel "centro del Sinai" viene annunciata dall'agenzia egiziana Mena citando il portavoce dell'esercito. La penisola del Sinai, soprattutto nella sua parte nord-orientale, è interessata da una guerriglia condotta da jihadisti legati allo Stato islamico che compiono frequenti attacchi contro l'esercito egiziano che risponde con sanguinose incursioni.

Archivio Ultima ora