OMICIDIO DI CELMO

Il terrorista Posada Carriles assolto negli Stati Uniti

Pubblicato il 10 aprile 2011 da redazione

L’AVANA – Una giuria Usa ha prosciolto Luis Posada Carriles, esule anticastrista cubano di 83 anni, sulla cui testa pende anche l’accusa di aver ucciso il 32enne genovese Fabio Di Celmo, in un attentato terroristico a L’Avana nel 1997. Nel processo, tra gli 11 capi d’accusa non figurava l’omicidio dell’italiano: Carriles era accusato di spergiuro, ingresso illegale e violazione delle leggi sull’immigrazione. Avrebbe mentito, nella sua richiesta di asilo politico, sul traffico di esplosivi al quale sarebbe seguito l’attentato in cui morì Di Celmo. “Gli Usa proteggono il terrorista Carriles in franca violazione delle Leggi Internazionali”, ha detto il presidente del Parlamento cubano, Ricardo Alarcón, che ha definito “una farsa”, il processo. Carriles organizzò molteplici attentati, come confidò al New York Times in un’intervista rilasciata nel 1998. Per quasi mezzo secolo è stato in servizio permanente su tutto l’arco centro-americano. Nel ‘78 fu arrestato in Venezuela (riuscì a evadere) per l’attentato contro un aereo civile cubano (morte le 73 persone a bordo); nel ‘97 seminò di bombe gli hotel dell’Avana (fra le vittime Di Celmo); nel 2000 a Panama fu arrestato mentre organizzava un attentato contro Fidel. Gli Usa hanno detto no alle richieste di estradizione di Venezuela e Cuba (“potrebbe essere torturato”).


Era il 4 settembre 1997 quando Di Celmo morì in un attentato organizzato dagli anticastristi, mentre sorseggiava un drink nell’hotel capitolino Copacabana. Di Celmo, nell’isola con il padre per motivi di lavoro, stava aspettando amici italiani nella hall quando venne investito dall’esplosione di una bomba. Quello stesso giorno erano già esplosi altri 2 ordigni in altrettanti alberghi a l’Avana, mentre il giorno dopo un’esplosione devastò la Bodeguita frequentata da Hemingway.


Carriles fu arrestato nel ‘76 in Venezuela con l’accusa di aver organizzato l’attentato che fece precipitare un jet cubano alle Barbados, a bordo 73 persone tra cui l’intera squadra giovanile cubana di scherma. Fuggì dal carcere nell’85 e 15 anni dopo fu condannato come protagonista di uno dei complotti orditi per uccidere Fidel. Per la CIA lavorò dal 1965 al ‘76.


Carriles inizia la sua ‘carriera’ come collaboratore segreto della polizia batistiana, poi è tramite tra polizia cubana e FBI. Nel 1961 si trasferisce a Miami. Negli Usa diventa membro dell’operazione 40 (organizzazione militare CIA creata da Eisenhower per eliminare Capi di Stato che si oppongono alla politica Usa) e dell’operazione che stava preparando l’invasione a Baia dei porci. È assessore per la sicurezza in Guatemala, El Salvador, Cile, Argentina e Venezuela.


Dopo l’arresto in Venezuela, viene trasferito prima in Costa Rica e poi a El Salvador attraverso aerei privati della Fondazione Nazionale Cubano-Americana (organizzazione di cubani di Miami). Nel 1998 il New York Times intervista Carriles che ammette di essere l’organizzatore degli attentati a Cuba e di aver agito alle dipendenze della Fondazione Nazionale Cubano-Americana che, a tal fine, gli ha elargito 200 mila dollari.
Richiede l’asilo politico per evitare l’estradizione richiesta da Cuba e dal Venezuela. Nel 2007 esce dal carcere su cauzione. A poche ore dal processo, il giudice texano fa cadere l’accusa di immigrazione clandestina, Carriles si trasferisce a Miami dove vive con la sua famiglia.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

23:30Europei U21: Italia-Spagna 1-3, azzurrini eliminati

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Spagna batte l'Italia 3-1 e si qualifica per la finale dell'Europeo Under 21, in Polonia. Ha deciso una tripletta di Saul Niguez, dopo che Bernardeschi aveva firmato il momentaneo 1-1. Ma ha deciso soprattutto l'espulsione di Gagliardini, per somma di ammonizioni. Gli spagnoli venerdì se la vedranno contro la Germania, per il titolo continentale di categoria.

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

22:59Germania: evacuato grattacielo Wuppertal

(ANSA) - BERLINO, 27 GIU - Un grattacielo di Wuppertal, in Germania, deve essere evacuato perché ritenuto a rischio incendi, per la presenza di pannelli infiammabili sulla facciata. La misura precauzionale arriva dopo il disastro di Londra, dove le fiamme in un edificio di 24 piani hanno provocato la morte di 79 persone. In questo caso a provocare il rogo sarebbe stato un frigorifero difettoso, ma l'incendio è divampato velocemente, proprio a causa di pannelli simili. I residenti del grattacielo di Wuppertal potranno rientrare appena i pannelli saranno rimossi. Intanto alloggeranno in appartamenti messi a disposizione dal comune.

22:55Juve: Dani Alves ai saluti “grande anno, grazie”

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Vorrei ringraziare tutti i tifosi della Juventus per l'anno vissuto, i miei compagni per l'accoglienza e per i professionisti che sono, per aver vinto e per aver fatto arrivare la Juventus in fondo a tutte le competizioni. Penso al mio rispetto, alla mia dedizione, al mio lavoro, alla mia passione e a tutti i miei sforzi per rendere questo club un club più grande ogni giorno". Così Dani Alves saluta il clan bianconero, preannunciando di fatto la risoluzione contrattuale. In un posto su Istagram, il brasiliano chiede scusa ai "tifosi della Juve se un certo punto hanno pensato che ho fatto qualcosa che potesse offenderli, ma non era mia intenzione". Poi aggiunge: "E' che ho una maniera tutta mia di vivere le cose in modo spontaneo". "Oggi - sottolinea - termina il nostro rapporto professionale, porterò con me tutti coloro i quali lavorano con il cuore per fare della Juventus un grande club. Io non gioco al calcio per soldi, gioco al calcio perché amo questa professione".

21:54Europei U21: Inghilterra ko ai rigori, la Germania in finale

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Germania è la prima finalista dell'Europeo Under 21, in corso in Polonia. I tedeschi allenati dall'ex centravanti Horst Hrubesch hanno battuto ai rigori per 6-5 (tempi regolamentari e supplementari si erano conclusi sul 2-2) l'Inghilterra e adesso aspettano la vincente fra Italia e Spagna. A Tychy, la Germania era passata in vantaggio dopo 35', con Selke, ma gli inglesi hanno pareggiato quasi subito, al 41', con Gray, quindi sono passati in vantaggio al 5' della ripresa con Abraham, prima di essere raggiunti al 25' da Platte. Dal dischetto ha sbagliato Gerhardt per i tedeschi, imitato da Abraham e Redmond, che all'ultimo rigore si è fatto ipnotizzare dal portiere avversario Pollersbeck, che difende i pali del Kaiserslautern. La finale è in programma a Cracovia venerdì 30 giugno, con inizio alle 20,45.

21:16Malattia da uso cellulare, giudice Firenze riconosce danno

(ANSA) - FIRENZE, 27 GIU - L'uso intenso del telefono cellulare può causare l'insorgenza di malattie professionali, provocando invalidità permanente. E' quanto sottolinea il giudice del lavoro di Firenze, Vincenzo Nuvoli, nel motivare la sentenza con cui ha condannato l'Inail a corrispondere un indennizzo economico, per inabilità permanente del 16%, a un addetto alle vendite che per lavoro ha trascorso al cellulare molte ore al giorno dal 1994 al 2007 al punto da subire una patologia tumorale benigna (un neurinoma all'ottavo nervo cranico). Il giudice, anche appoggiandosi alle conclusioni di una consulenza medico-legale da lui incaricata, ritiene plausibile "la sussistenza del nesso causale tra l'uso del cellulare per motivi di lavoro e la patologia lamentata dal ricorrente". (ANSA).

21:07Sicurezza: Khezraji, Veneto fa tutto per rendersi antipatico

(ANSA) - TREVISO, 27 GIU - "Anziché cercare un'armonia con quanto accade nel resto d'Italia la Regione Veneto pare stia facendo sempre il possibile per distinguersi, spostando l'attenzione da questioni molto più serie come la Pedemontana o la disoccupazione giovanile". E' il commento di Abdallah Khezraji, storico portavoce delle comunità marocchine di Treviso e già vicepresidente della Consulta regionale per l'immigrazione, al nuovo regolamento in materia di sicurezza approvato dal Consiglio Regionale e che vieta, in particolare, di indossare burqa e niqab in uffici e sedi della sanità pubbliche. "Capisco che per convivere con l'arroganza del segretario della Lega, Matteo Salvini, il presidente veneto, Luca Zaia, abbia scarsi margini di autonomia di pensiero - riflette Khezraji - ma se il Veneto spesso appare una parte d'Italia 'antipatica' al resto del Paese, lo si deve anche a scelte di questo genere".

Archivio Ultima ora