Una scuola biculturale

Pubblicato il 01 maggio 2011 da Mauro Bafile

La notizia, al principio, ha avuto lo stesso effetto di un fulmine a ciel sereno. Ora, dopo la pausa pasquale e ormai tornati alla quotidianità, alla sorpresa iniziale deve far seguito una profonda riflessione. D’altronde, quanto sta accadendo alla Scuola Agostino Codazzi è un campanello d’allarme che non va né ignorato né sottovalutato.


I conti non tornano. E se è vero che la matematica non è un’opinione, non di meno certo è che una scuola, anche se gestita da una associazione civile senza fine di lucro – lontana quindi anni luce dall’ottica mercantilista del ‘business redditizio’ – non è poi assai diversa da una qualunque azienda. Insomma, a prescindere dal prodotto che offre, il suo bilancio a fine anno deve chiudere in equilibrio. E se non si può, come nel caso della sezione venezolana della nostra scuola, allora è gioco forza prendere provvedimenti.


Il buon senso, di fronte ad un bilancio in passivo, consiglia quale primo provvedimento la riduzione delle spese. Qualora ciò non fosse sufficiente, si dovrà necessariamente procedere ad un incremento dei prezzi. Nel caso della Scuola Agostino Codazzi, delle rette. Ma ciò si sa, in Venezuela, non è permesso poichè non spetta alle scuole ma alle autorità competenti (Ministeri dell’Istruzione e del Commercio) determinare le percentuali d’aumento delle rette, anno dopo anno. Ed allora, non resta che l’‘estrema ratio’.


Così la Scuola Agostino Codazzi, suo malgrado, si è vista nella necessità di intraprendere, rispettando i modi e i tempi, il lungo e tortuoso cammino che conduce inevitabilmente alla chiusura della sezione venezolana dell’istituto. Vogliamo credere che questa decisione sia maturata dopo una sofferta riflessione. Il provvedimento, come di dovere, è stato comunicato al Ministero dell’Educazione durante una riunione ‘ad hoc’. E, come era da sperarsi, è stato ricevuto con sorpresa e anche con indignazione. Una reazione naturale, assai simile alla nostra, quando fummo informati della chiusura della scuola ‘paritaria’ della ‘Bolívar e Garibaldi’. Non ci meraviglia, quindi, se, nel calore della discussione, pare siano volate parole grosse ed anche qualche non troppo velato ammonimento sulla possibilità di chiudere la scuola ‘paritaria’ e di espropriare l’immobile. E’ un monito che ha preoccupato i genitori degli alunni, che hanno scritto al nostro Ambasciatore Paolo Serpi:


“Conosciuta la seconda alternativa sopra menzionata, alcuni funzionari del Ministero del Poder Popular para la Educación hanno ventilato la possibilità della chiusura del centro Educativo e l’espropriazione dell’immobile e del terreno pertinente.


Un’azione così drastica potrebbe minare quel delicato tessuto di intesa e di compenetrazione tra la comunità italiana e quella venezuelana che è stato l’obiettivo della attività educativa di questa associazione”.


Fanno bene i genitori a sollecitare l’intervento delle autorità consolari e diplomatiche, “nella ricerca della miglior soluzione possibile che possa garantire ai nostri figli la continuitá degli studi e il loro futuro”. E’una preoccupazione legittima. D’altronde, a chi non preoccupa il futuro dei propri figli? Ma, ci chiediamo, è sufficiente? Non è proprio pensando nel futuro delle   prossime generazioni che la scuola dovrebbe chiudere un capitolo di storia per aprirne uno nuovo? Insomma, consideriamo che siamo arrivati ad un momento in cui bisogna avere il coraggio e la capacità di fare una svolta epocale, conservando gelosamente come patrimonio fondamentale i valori e gli obiettivi che ispirarono i fondatori dell’istituzione a noi tutti cara.


Viviamo in un mondo globalizzato in cui il sapere non ha più frontiere. Lo sentiamo dire e ripetere tutti giorni. Oggi hanno successo nella vita soprattutto coloro che possono esibire una maggiore formazione culturale, una migliore preparazione, una più ampia conoscenza del mondo. E la Scuola Agostino Codazzi deve formare i nostri giovani ad affrontare un mondo sempre più competitivo dotandoli di un bagaglio culturale d’eccellenza. E’ questa, oggi, la sua grande sfida.


Consideriamo che la chiusura della sezione venezolana dell’istituto scolastico non deve interpretarsi come una sconfitta ma come una opportunità, non come la fine definitiva di un ciclo ma come l’inizio di un altro ancor più interessante ed entusiasmante. E’ l’occasione propizia per dar vita finalmente all’esperimento ‘biculturale’.


E’ questo un progetto che, stando ai responsabili della nostra ‘Associazione Civile Agostino Codazzi’, riposa ormai da anni nel cassetto. I tempi, oggi, sono maturi. Scuola biculturale è integrazione equilibrata dei programmi di studio italiano e venezolano in modo tale da permettere all’alunno la perfetta conoscenza delle realtà culturali italiana e venezolana, nonchè il dominio delle due lingue: l’italiano e lo spagnolo. Rappresenta anche la possibilità di permettere agli alunni il conseguimento di due diplomi: quello di ‘bachiller’ e quello di ‘liceista’. Quindi, di proseguire i propri studi in Venezuela o, se lo desidera, in qualunque università d’Europa.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

18:03Calcio: Napoli, controllo ok su condizioni ginocchio Milik

(ANSA) - NAPOLI, 11 DIC - Il calciatore del Napoli Arek Milik si è sottoposto oggi a una visita di controllo a Roma per valutare l'evoluzione della sua convalescenza dopo l'intervento di ricostruzione del legamento crociato. L'esito della visita è definito "positivo" in una nota del Napoli. "Milik oggi a Villa Stuart: positivo l'esito della visita di controllo. La riabilitazione procede nel migliore dei modi". Milik dovrebbe tornare ad allenarsi all'inizio del prossimo anno, ma nel mercato di gennaio il Napoli dovrà decidere, d'intesa con l'attaccante polacco, se cederlo in prestito per dargli la possibilità di giocare di più e ritrovare la forma migliore.

17:53Doping: Zaytsev, squalifica Russia decisione forte

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Le sanzioni del Cio nei confronti della Russia? È stata una decisione forte, supportata dai vari rapporti di studio e indagine. È una decisione complicata da gestire a livello politico. Vedremo gli atleti russi partecipare alle Olimpiadi sotto una bandiera anonima". Così il pallavolista azzurro Ivan Zaytsev a margine della presentazione dell'accordo di partnership tra Coni, Cip e Toyota. Un'occasione per parlare anche di Nazionale. "Il Mondiale in Italia si avvicina - precisa lo schiacciatore della Sir Safety Umbria - ci stiamo preparando tutti tra quelli papabili per la Nazionale. Aspettiamo con ansia questo bellissimo evento, perché l'Italia merita di ospitarlo e, come Nazionale, meritiamo di fare bella figura. Potrebbe darci nuova fiducia dopo una bellissima Olimpiade del 2016, noi ci faremo trovare pronti".

17:44Maltempo: in Veneto chiusi i passi a rischio valanghe

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Nevica ancora in Veneto solo oltre i 1400 metri di quota, e per questo motivo la società Veneto Strade ha deciso di chiudere i Passi Pordoi, Falzarego, Valparola, Giau e Fedaia, per possibili slavine durante la notte. La situazione è seguita costantemente dai tecnici di Veneto Strade e nella giornata di domani si deciderà quando riaprirli. L'indice di rischio slavine - in una scala da 1 a 5 - è al momento stimato dal centro antivalanghe di Arabba tra il grado 3 (marcato) e 4 (forte).

17:44Maltempo: forte vento nelle Marche, rami e alberi su strade

(ANSA) - ANCONA, 11 DIC - Forti raffiche di vento nelle Marche hanno tenuto impegnati i vigili del fuoco in numerosi interventi. Ad Arcevia (Ancona), lungo la Sp 48 per Montelago, un grosso albero si è abbattuto sulla sede stradale, per fortuna senza fare danni. Per rimuoverlo si è dovuto far ricorso ad una squadra di pompieri da Ancona con mezzi adeguati. Rami, alberi e tegole pericolanti sono segnalati in tutta la provincia. A Fabriano vigili del fuoco al lavoro in via Dante per la messa in sicurezza della pensilina di un distributore di carburante, con la copertura staccata dal vento. Stesso quadro in provincia di Pesaro Urbino e nell'entroterra maceratese. Per domani la Protezione civile prevede un'intensificazione dei fenomeni, con raffiche di vento fino a 60-100 km orari.

17:41Doping: Fontana, ingiusto squalificare tutti i russi

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Non ritengo giusto il fatto di squalificare tutti gli atleti, sono sicura che in molti non hanno fatto mai uso di doping". Arianna Fontana, campionessa dello short track e portabandiera azzurra ai prossimi Giochi invernali di PyeongChang 2018, commenta così il bando degli atleti russi. "Veder sfumare il sogno olimpico deve essere una sensazione bruttissima. Potranno gareggiare senza bandiera ma è un po' diverso, è una decisione dura", ha aggiunto Fontana a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota avvenuta a Roma.

17:40Ordigno stazione Cc, possibili legami con Torino

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Potrebbero esserci connessioni fra l'attentato dello scorso 7 dicembre a Roma, rivendicato dalla sigla Fai-Fri, e gruppi anarchici lottarmatisti orbitanti a Torino, dove è in corso il maxiprocesso Scripta Manent. La possibilità è al vaglio delle forze dell'ordine che si occupano del caso. Di recente ambienti anarchici hanno lanciato la campagna 'Dicembre nero', dedicata a Sebastian Oversluij, morto in Cile nel 2013, e a Alexandros Grigoropoulos, morto nel 2008. I comunicati invitano all'azione che "alimenti incendi e esplosioni contro il potere e i suoi difensori". La rivendicazione dell'attentato di Roma è a firma Fai-Fri 'Cellula Santiago Maldonado'. Il testo, a differenza di iniziative analoghe, non esprime solidarietà agli imputati del processo Scripta Manent, cosa che ha attirato l'attenzione degli investigatori. A Scripta Manent c'è invece riferimento nei comunicati di 'Dicembre nero', dove si legge che "in Italia i nostri compagni lanciano insulti ai giudici riaffermando le proprie convinzioni".

17:40Boldrini, fascismo e nazismo sono tragedie globali

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Il fascismo e il nazismo sono tragedie globali: non si tratta di cose di ragazzi, guai a essere indulgenti". Lo ha detto la Presidente della Camera, Laura Boldrini, aprendo i lavori del secondo Forum parlamentare Italia-America Latina e Caraibi.

Archivio Ultima ora