Libia, Raid Nato su Brega, molti i morti. L’Imam minaccia l’Italia

Pubblicato il 14 maggio 2011 da redazione

TRIPOLI – “Mille persone moriranno per ciascuno degli 11 imam uccisi” nel raid della Nato a Brega. Questa la minaccia lanciata nei confronti di “Italia, Francia, Danimarca, Qatar ed Emirati Arabi” (Paesi che fanno parte della coalizione dell’Alleanza Atlantica, ndr) da alcuni imam presenti ad una conferenza stampa del portavoce del Governo di Tripoli Moussa Ibrahim.


Rivolgendosi ai musulmani di tutto il mondo, i dignitari religiosi presenti alla conferenza stampa indetta dal regime di Tripoli per annunciare che i funerali degli 11 imam vittime del raid della Nato si terranno oggi, hanno incitato alla vendetta.


– Uccidete 1000 persone per ciascun imam ucciso in Italia, Francia, Danimarca, Qatar ed Emirati Arabi – hanno detto gli incitando il mondo musulmano alla rappresaglia.


Dal canto suo, la portavoce dell’Alleanza Atlantica, Carmen Romero, ha replicato alle minacce sostenendo che ”non c’è nessuna conferma che siano stati uccisi dalla Nato”.


La portavoce, alle minacce rivolte da alcuni imam a Italia, Francia, Danimarca, Qatar ed Emirati Arabi che accusano la Nato di aver ucciso almeno 16 civili – tra cui 11 imam – nel corso dei raid aerei di ieri sulla città libica di Brega, ha detto:


– Non commentiamo le minacce. Quello che dovevamo dire, lo abbiamo già detto in un comunicato ieri.


E ha ribadito come l’Alleanza è al corrente delle accuse ma non è in grado di confermare se ciò corrisponda alla realtà. La Nato esprime comunque il suo rammarico per eventuali perdite di vite umane tra i civili.


 


Fatwa contro l’Italia


E’ una vera e propria fatwa contro «Italia, Francia, Gran Bretagna, Qatar e Danimarca» quella lanciata da un imam libico, identificato come Noureddin al-Mijrah. Il religioso ha infatti invitato il mondo musulmano a uccidere «1.000 persone per ogni imam» morto ieri in un raid della Nato sulla città di Brega, in Libia. Secondo il portavoce del governo libico, Moussa Ibrahim, sono morti undici imam nel raid.


Ibrahim, citato dal sito web dell’emittente ‘al-Jazeera’, ha definito l’attacco «un crimine barbaro», precisando che i religioni sono stati uccisi mentre stavano dormendo. Il portavoce ha infine sottolineato che gli imam facevano parte di un gruppo di religiosi giunti a Brega per pregare per la fine del conflitto.


La Nato conferma l’attacco al bunker nella città di Brega, nell’est della Libia, nel quale, secondo il governo del colonnello Gheddafi, sono rimasti uccisi gli undici imam.


Secondo il membro del Comitato dei ricercatori dell’università egiziana di al-Azhar, Abdel Mouti al-Bayoumi, le minacce «non sono una fatwa, ma è propaganda di qualche religioso vicino al regime».


– Se la Nato pensava di bombardare un edificio militare allora si è trattato di un errore – spiega al-Azhar, una delle massime istituzioni islamiche mondiali -. Secondo la sharia la morte per errore prevede un risarcimento in denaro, la deya, pari al valore di quattro chili d’oro.


Per il sottosegretario all’Interno Francesco Nitto Palma la fatwa contro l’Italia e altri Paesi europei «non va assolutamente sottovalutata».


– E’ evidente – commenta – che certe dichiarazioni puntano a stimolare un risvolto religioso che finora non aveva caratterizzato la vicenda libica. E, sotto il profilo della sicurezza, certamente aggiungono un ulteriore profilo di attenzione.


Mentre il sottosegretario agli Esteri Alfredo Mantica sottolinea:


– Due cose sono sicure nella vicenda libica: che più mezzi di comunicazione ci sono, meno chiarezza si fa sugli eventi; e che comunque noi non facciamo crociate contro nessuno.


Mario Scialoja, ex ambasciatore e membro del Consiglio di amministrazione del Centro Islamico Culturale d’Italia, si dice da parte sua convinto che l’intervento in Libia non provocherà «una ‘guerra di religione’ poiché è da prima della guerra italo-turca che la Libia vive una situazione di convivenza, sia pure difficile».


Intanto, il presidente del Consiglio nazionale transitorio Mahmoud Jibril è stato ricevuto alla Casa Bianca. Gli Stati Uniti considerano il Cnt «un interlocutore legittimo e credibile per il popolo libico», ha dichiarato, secondo quanto riferito da una nota, Tom Donilon, consigliere per la sicurezza degli Stati Uniti, al termine dell’incontro a Washington con il leader dei ribelli libici.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

13:50Russia: Navalni presenta ricorso a ‘presidium’ Corte Suprema

(ANSA) - MOSCA, 18 GEN - Alexei Navalni ha presentato ricorso al 'presidium' della Corte Suprema russa per contestare la sua esclusione alle presidenziali russe del prossimo 18 marzo. "Abbiamo presentato un ricorso in cui chiediamo al presidium della Corte Suprema di invertire le decisioni prese dai tribunali di grado inferiore", ha detto a Interfax Ivan Zhdanov, avvocato di Navalni. La Corte Suprema ha dichiarato a Interfax che il tribunale ha ricevuto il ricorso ma la data in cui sarà preso in considerazione non è stata fissata. Il 25 dicembre scorso la Commissione Elettorale Centrale russa ha deciso di non registrare il gruppo di elettori creato per sostenere la candidatura di Alexei Navalni alle presidenziali (escludendolo di fatto dalla corsa al Cremlino). Il 30 dicembre la Corte Suprema ha respinto l'appello di Navalni contro la decisione della Commissione.

13:41Moscovici, solo auspicio è che governo italiano sia pro-Ue

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Siamo sempre stati attenti ai bisogni dell'Italia perché sappiamo che è un grande Paese, un Paese al cuore della zona Euro. Il solo auspicio che ho, sul piano politico, è che il prossimo governo italiano, qualsiasi esso sia, perché sono gli italiani che votano, sia un governo pro-europeo". Così il commissario europeo Pierre Moscovici rispondendo ad una domanda.

13:34Lega: Sollecito, Bongiorno? spero che ce la faccia

(ANSA) - PERUGIA, 18 GEN - "Giulia Bongiorno può dare un contributo importante per una giustizia che dia fiducia": ne è certo Raffaele Sollecito, difeso dalla penalista, ora candidata per la Lega alle prossime elezioni, nel processo per l'omicidio di Meredith Kercher terminato con l'assoluzione dell'ingegnere informatico. Il quale ha commentato con l'ANSA la notizia. "Sono contento della sua candidatura, spero che ce la faccia" ha detto Sollecito parlando dell'avvocato Bongiorno. "Certo - ha aggiunto -, se avrò la possibilità le darò il mio voto". Il giovane parla del legale come di "una persona oculata". "Non prende mai - ha proseguito - decisioni a caso ma le sue azioni sono sempre ponderate. E' una persona corretta - ha concluso Sollecito - che non dà mai adito a sorprese". (ANSA).

13:34Maltempo, l’aeroporto di Amsterdam sospende tutti i voli

(ANSA) - BERLINO, 18 GEN - L'aeroporto Schiphol di Amsterdam ha sospeso oggi tutti i voli e le ferrovie nazionali olandesi hanno bloccato tutti i treni a causa della violenta tempesta che si abbatte in queste ore sul Paese. Lo scalo ha annunciato in un tweet che i voli sono sospesi "fino a nuovo avviso" in seguito al maltempo. La Klm aveva giù annullato oltre 200 voli prima dell'arrivo della tempesta.

13:27Siria: Ong, 110.000 bambini in fuga da Idlib

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nelle ultime settimane "oltre 110.000 bambini sono stati costretti ad abbandonare le proprie case a causa dei combattimenti in corso a Idlib, nel nord della Siria, in un nuovo grave movimento di sfollati interni". Lo denuncia Save The Children in un comunicato. "L'escalation dei combattimenti nella parte meridionale di Idlib - su legge nel testo - ha dato luogo a uno dei più gravi spostamenti di massa ai quali si è assistito in Siria dall'inizio del conflitto". Oltre 7.000 persone "in media, si spostano ogni giorno. I bombardamenti hanno portato alla chiusura centinaia di scuole e raso al suolo case e ospedali. Molti hanno trovato rifugio all'aperto, dove sono esposti a temperature gelide, o in edifici abbandonati".

13:22In aula col velo: praticante, sconvolta ma contenta

(ANSA) - BOLOGNA, 18 GEN - "Quando il giudice mi ha detto no ero davvero sconvolta, ma sono contenta di quello che ho fatto". Così Asmae Belfakir, la praticante marocchina di 25 anni, torna sull'episodio di ieri al Tar di Bologna, dove un giudice le ha detto che non poteva stare in aula col velo islamico. Lei si è rifiutata di toglierselo ed è uscita. La ragazza ne ha parlato con l'ANSA al tribunale ordinario di Bologna, dove è arrivata per un'udienza. Si è detta "molto colpita" dai tanti messaggi di solidarietà ricevuti. "Ci sono rimasta molto male, ho partecipato a tante udienze e una cosa del genere non mi era mai successa. Il cartello e la norma affissa sulla porta del giudice da ieri è su tutti i social network e sotto ci sono tanti commenti che dicono che il giudice ha ragione, ma non è così", ha aggiunto. "Le norme - ha spiegato - vanno lette, conosciute e interpretate. Uno prima si informa, legge, studia e poi si discute". Si tratta, ha detto in tribunale a Bologna "di una battaglia giuridica".(ANSA).

13:20Germania: Forsa, dopo accordo governo Spd crolla a 18%

(ANSA) - BERLINO, 18 GEN - Crollano al 18%, stando al sondaggio Forsa, i socialdemocratici tedeschi di Martin Schulz, che si apprestano a votare domenica sull'accordo raggiunto con l'Unione di Angela Merkel, per dire la parola decisiva sulle consultazioni di governo. Stando al rilevamento l'Spd perde ben due punti, rispetto alla settimana scorsa, scivolando sotto la soglia psicologica del 20%. Cdu-Csu sono al 34%.

Archivio Ultima ora