Barcellona e Messi show, Champions è «blaugrana»

Pubblicato il 28 maggio 2011 da redazione

LONDRA – Due anni dopo Roma è ancora il Barcellona la squadra regina d’Europa. Il Manchester United è stato battuto di nuovo, stavolta per 3-1, al termine di una partita in cui ha fatto troppo poco, a parte il quarto d’ora iniziale, per poter impensierire la formazione di un grandissimo Guardiola, al 26/mo titolo in ‘blaugrana’, il decimo da allenatore. Il Bar&Daggera ha vinto, semplicemente, perchè è stata la squadra più forte, anzi ha confermato di essere una delle migliori formazioni in assoluto del calcio degli ultimi 40 anni con un fuoriclasse, Leo Messi, che a fine anno conquisterà il suo terzo Pallone d’Oro.


Come dice Guardiola, soltanto il tempo potrà giudicare questo Barcellona, e farne capire la reale grandezza, ma esibizioni come questa di Wembley fanno intuire che nella leggenda del pallone i vari Iniesta, Xavi, Pedro e Messi avranno il diritto di starci. Così come Abidal, in campo da titolare a due mesi e mezzo dall’operazione per il tumore al fegato, incredibile ma vero, ed alla fine il primo ad alzare la Coppa, grazie alla fascia da capitano datagli dai compagni.


Questo Barcellona, della finalissima di Wembley e della ‘manita’ del Real, e quello della doppia semifinale di Champions sempre contro gli arcirivali ‘blancos’, è una vera delizia per gli occhi di chi ama il calcio, e con l’occasione si prende la sua quarta Champions nello stadio rifatto che porta il nome di quello in cui nel 1992 vinse la prima Coppa, che ancora si chiamava dei campioni, ai tempi in cui Guardiola era un maestro dal campo.


Tutto il Barcellona ha dato spettacolo, giocando il suo calcio di possesso palla, e tocchi rapidi e ravvicinati, con cui ha avvinto nella ragnatela un Manchester rimasto a guardare, inesistente in alcuni dei suoi uomini più attesi, come Giggs, il ‘Chicharito’ Hernandez (a poco gli è servito pregare inginocchiato nel centro del campo prima del calcio d’inizio) ed anche la coppia centrale Ferdinand-Vidic, che finora aveva disputato una campagna europea perfetta. Ma su tutti si è messo in evidenza Messi, sempre più vicino ai miti di Pelè e Maradona, al quale manca soltanto vincere un Mondiale per entrare nel paradiso dei due divini del calcio.


A Wembley è stato fenomenale, tirando fuori dal suo immenso bagaglio tecnico giocate da rimanere con la bocca aperta, oltre ad una rete segnata con un bellissimo sinistro dal limite al 9′ del secondo tempo. Nell’occasione nessuno dello United ha tentato d’impedirgli di concludere e questo è un errore da non fare in un match del genere, anche se l’azione ‘blaugrana’ anche in questa circostanza era stata fulminea quanto spettacolare. Per Messi, e questo è un altro dato che sottolinea la sua grandezza, è stata la 12/a rete in 13 partite di questa Champions.


Il Bar&Daggera era passato in vantaggio con Pedro, primo calciatore spagnolo nella storia del Dream Team catalano a segnare in una finale della massima competizione europea, che aveva trasformato di destro uno splendido assist di Xavi (davvero l’erede di Guardiola in campo). Lo United aveva avuto una bella reazione d’orgoglio, l’unica della sua partita, pareggiando solo sette minuti dopo con l’irriducibile Rooney, dopo uno scambio con Giggs in posizione sospetta. Il Barcellona aveva poi ripreso il pallino del gioco senza però riuscire a concretizzare. Ci riusciva al 9′ della ripresa con Messi e da allora rimaneva padrone assoluto del campo, tanto che dopo occasioni a raffica con Dani Alves, Iniesta e il solito Messi arrivava inevitabile il gol del 3-1, con Villa servito al limite dell’area da Busquets che aveva rubato palla a Nani. Destro ‘a giro’ del n.7 e nulla da fare per Van der Sar, con la difesa degli inglesi ancora una volta sorpresa dalla velocità e precisione delle azioni del Bar&Daggera, bello come il Real di Di Stefano, il Brasile ed il Santos di Pelè, l’Ajax ‘totale’ di Cruijff ed il Milan di Sacchi. Da oggi c’è anche il Barcellona: Guardiola come tecnico è giovane ma già merita di stare nella storia.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

Archivio Ultima ora