ITALIANI ALL'ESTERO

‘Voto cittadini italiani temporaneamente all’estero’, ok al provvedimento

Pubblicato il 31 maggio 2011 da redazione

ROMA – Con 485 voti a favore (su 486 deputati presenti) e un astenuto, l’Aula di Montecitorio questa mattina ha approvato definitivamente il decreto che consente anche agli italiani temporaneamente all’estero di votare per corrispondenza al prossimo referendum.

Nel dibattito, sono intervenuti, tra gli altri anche i deputati eletti all’estero Franco Narducci (Pd), Aldo Di Biagio (Fli) e Antonio Razzi (Ir), e l’onorevole Marco Zacchera (Pdl) che ha sostenuto la necessità di modificare una volta per tutte le modalità del voto all’estero.”Vi è la necessità di regolamentare l’esercizio del diritto di voto per i cittadini italiani temporaneamente all’estero in via legislativa perché ci troviamo, di volta in volta, a discutere di un provvedimento che, sulla base della legge n. 459 del 2001, provoca un disallineamento rispetto agli obblighi previsti dalla legge testè citata”, ha esordito Narducci, che ha poi ricordato come il voto all’estero sia stato una “conquista” e che “sin dalla prima applicazione della legge 459 del 2001 si è posto il problema dell’esercizio del voto per i cittadini italiani temporaneamente all’estero per svariati motivi”.

Il deputato Pd ha quindi criticato il fatto che, ancora una volta, dalla categoria sono stati esclusi “i circa 3 mila volontari e cooperanti, che sono impiegati con contratti privati dalle organizzazioni non governative. La maggior parte di questi volontari e cooperanti in servizio all’estero non sono iscritti all’AIRE e quindi o rientrano in Italia o si doveva tener conto nella stesura di questo decreto della possibilità che concede loro la Costituzione di potere esercitare ed esprimere il loro voto. Va detto che la maggior parte di questi cooperanti ha un periodo di permanenza all’estero che è ben superiore a quanto si prevede per le categorie considerate nel decreto, vale a dire di solito mediamente 24 mesi e in nessun caso meno di 6 mesi”. Senza dimenticare “i volontari in servizio civile” che “sono circa 450 giovani di età compresa fra i 18 e i 28 anni. Essi devono assolvere un servizio civile all’estero di dieci mesi obbligatori come previsto dalla legge che consente questo tipo di servizio civile. Questi 450 giovani hanno diritto, non essendo stati compresi dal decreto tra i temporaneamente all’estero, di rientrare in Italia, il che provocherà ulteriori costi e sappiamo quanto questo slittamento della data fissata per il referendum abbia già comportato in milioni di euro per il Paese perché si è voluto rinunciare a una tornata elettorale unica, quindi bisogna aggiungere anche questi costi che non sono stati probabilmente considerati”.

“Vi sono inoltre – ha aggiunto Narducci – 8 mila persone fra sacerdoti, suore, religiosi, laici, italiani residenti temporaneamente all’estero, alle dipendenze di istituti e congregazione missionarie. Una parte di tale personale, come conferma l’ufficio missionario nazionale della CEI, è iscritta all’AIRE, una parte invece dovrà o recarsi in Italia per esercitare il voto oppure dovrà rinunciare al proprio diritto. Credo che dobbiamo regolamentare una volta per sempre questo problema che si riproporrà anche in futuro, così come si è riproposto in occasione delle ultime elezioni politiche.

Aldo Di Biagio critica “la portata limitata dei fruitori di questo diritto che non si capisce perché si limita a tre categorie (militari, funzionari e professori)” e la mancanza di una legge, che risolva la questione una volta per tutte. “Sappiamo che l’esercizio del diritto al voto è un diritto cogente, costituzionale e sancito. Pertanto la norma in esame rappresenta un riconoscimento democratico doveroso e opportuno ma il fatto che possano essere esclusi tra i beneficiari di questo diritto i circa tremila volontari del servizio civile nazionale, nonché il personale delle organizzazioni non governative operanti nel settore all’estero solleva ovviamente qualche dubbio”.

Di Biagio ha quindi chiesto al Governo “che si arrivi a colmare l’attuale vuoto normativo in materia di esercizio del voto dei cittadini temporaneamente all’estero, attraverso l’introduzione di questo diritto in un quadro normativo e sistematico, e che tale diritto venga inevitabilmente riconosciuto anche ai volontari e al personale delle organizzazioni non governative che svolgono la loro opera oltre confine”
Di altro tenore l’intervento dell’onorevole Marco Zacchera: “l’atto che andiamo ad approvare oggi per permettere il voto sacrosanto e giusto di alcune migliaia di persone costa allo Stato 700 mila euro. Per la sola organizzazione del referendum spendiamo 26 milioni di euro per il voto all’estero, dato citato dal sottosegretario Mantica. Ebbene – ha aggiunto – per questo turno elettorale spendiamo quindi quanto si spende in tutto un anno per 4,5 milioni di cittadini italiani all’estero”.

“Se come l’ultima volta per le elezioni politiche, più o meno imbrogliate, ha votato il 27 per cento degli aventi diritto, ove, domenica 12, votasse il 10 per cento, il voto di quei cittadini italiani ci sarà costato 66 euro a testa”, ha detto Zacchera, ricordando poi che “i cittadini brasiliani alle elezioni politiche, se sono all’estero, votano con il computer, votano in modo informatico. Possibile – si è chiesto – che in Italia non siamo ancora riusciti a migliorare il sistema elettorale per evitare i brogli e la stragrande maggioranza di queste spese che, alla fine, vanno, già di fatto, a ridurre ulteriormente i pochi fondi destinati all’estero?”.

“Ci vuole trasparenza, ci vuole concretezza ma anche – ha concluso – volontà di affrontare questo problema perché altrimenti domani voteremo ancora con una legge per le elezioni politiche all’estero assurda, che non ha senso e non aiuta la trasparenza”.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

20:45Pd: Renzi, candideremo Paolo Siani e Carla Cantone

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Ho scelto di iniziare con il primo nome per il Parlamento con un uomo che vive in una delle realtà in cui abbiamo fatto più fatica, in un'area culturale alla quale siamo orgogliosamente affini e che lavora in prima linea tutti i santi giorni: Paolo Siani è il nostro primo candidato. Già nelle prossime ore annunceremo altre personalità: abbiamo chiesto a una personalità della Cgil, Carla Cantone, e lei ha accettato". Lo annuncia Pd Matteo Renzi, a quanto si apprende, alla direzione Pd.

20:36Torino: p.za San Carlo, su reperti si cerca spray urticante

(ANSA) - TORINO, 17 GEN - Ventuno indagati e 346 persone offese, tra cui i familiari di Erika Pioletti. Sono i numeri della maxi inchiesta della procura di Torino sui fatti di piazza San Carlo, dove la sera del 3 giugno, durante la proiezione della finale di Champions League, ondate di panico tra la folla portarono a circa 1.500 feriti e alla morte della Pioletti. Domani, nei laboratori del Gabinetto di polizia scientifica interregionale della polizia a Torino, le parti sono state convocate in occasione di un accertamento tecnico "non ripetibile". La procura affiderà agli specialisti dei laboratori di chimica forense il compito di cercare, sui materiali recuperati nella piazza e messi sotto sequestro a scopi investigativi, eventuali residui di spray urticante. L'obiettivo è vagliare la tesi secondo cui a scatenare il panico furono i "cattivi odori" segnalati da alcuni fra i presenti. Tra gli indagati ci sono il prefetto Renato Saccone, l'ex questore Angelo Sanna, la sindaca Chiara Appendino.

20:33Triplice omicidio San Paolo, confermate condanne sicari

(ANSA) - BARI, 17 GEN - Sono diventate definitive le condanne inflitte con rito abbreviato nei confronti dei responsabili dell'omicidio del boss del quartiere San Pasquale di Bari Giacomo Caracciolese, ucciso il 5 aprile 2013, del triplice omicidio del quartiere San Paolo del 19 maggio 2013, in cui furono uccisi a colpi di Kalashnikov Vitantonio Fiore, Antonio Romito e Claudio Fanelli, e del tentato omicidio del pregiudicato Domenico Cantalice. La Cassazione ha rigettato i ricorsi di accusa e difese e ha confermato le condanne inflitte in secondo grado: 18 anni per il pregiudicato Donato Cassano, reo confesso dell'omicidio Caracciolese e 20 anni per Nicola Fumai, tra i sicari del triplice omicidio. Non è ancora definitiva, invece, la pena nei confronti di Antonio Moretti, reo confesso del triplice omicidio, condannato con rito ordinario a 30 anni di reclusione. Per il tentato omicidio Cantalice confermate le condanne a 10 anni per Vito De Tullio, a 8 anni per Luigi Milloni, a 7 anni e 4 mesi per Vito Milloni e Michele Lanave.

20:28Uefa: fairplay dà frutti, ricavi club +10%

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Il fair play finanziario ha trasformato il calcio economicamente, creando una maggiore stabilità e sostenibilità fra i club delle massime divisioni europee": lo scrive l'Uefa nell'ultima relazione comparativa sulle licenze per club, in cui rileva come i ricavi, gli investimenti e i trend di redditività "sono in continuo aumento". "Per la prima volta, gli investimenti dei club in stadi e altre attività a lungo termine - scrive il presidente Uefa, Aleksander Čeferin, nella prefazione - hanno superato il miliardo nel 2016". I 700 club delle massime divisioni stanno registrando una crescita annuale dei ricavi di quasi il 10%. Per trovare un tasso di crescita maggiore occorre tornare al 2002. Nei primi 15 campionati europei, ben 40 club dal 2010 sono finiti in mano a investitori stranieri e la Cina è stato il Paese più attivo (70%) delle ultime due stagioni.

20:25Calcio: Handanovic, Inter è gruppo unito grazie a Spalletti

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - ''Ora siamo un gruppo unito e il merito è molto di Spalletti ma anche dei ragazzi. Abbiamo ottimi calciatori, persone a posto e normali. Questo serve al gruppo per non uscire dalle righe''. E' il pensiero del portiere dell'Inter Samir Handanovic che si racconta a Inter Tv. Un passato all'Udinese in cui era stato allenato proprio da Spalletti ''con lui ero secondo portieri'' poi, con la maturità, l'arrivo in nerazzurro: ''Era un obiettivo. Il passo successivo era andare in un grande club. Se sono una bandiera? Qui sto bene e abbiamo tutto a disposizione per fare risultati e per riportare l'Inter dove merita. Se resto per sempre? Vediamo''. Handanovic è soddisfatto della Var anche se ''toglie un po' di emozione per colpa delle tempistiche''.

20:25Pd:Renzi,stop discussioni su dopo,ora casa per casa

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "La discussione interna al partito sul dopo propongo di farla dopo le elezioni: in questi 46 giorni, si va casa per casa. Ogni ragionamento sul dopo si fa dopo. Il messaggio al Pd è basta discussioni e polemiche, ora a testa alta in campagna elettorale". Lo dice il segretario Pd Matteo Renzi, a quanto si apprende, in direzione.

20:22Tangenti sanità: medico e imprenditori assolti a Foggia

(ANSA) - BARI, 17 GEN - Il Tribunale di Foggia ha assolto "perché il fatto non sussiste" l'imprenditore barese Claudio Tarantini, l'ex primario di ortopedia dell'ospedale di San Severo Luigi Fantasia e l'imprenditore foggiano Vincenzo Nuzziello. Tutti e tre gli imputati rispondevano di corruzione, il medico anche di truffa aggravata. I fatti contestati risalgono agli anni 2005-2010 e con l'assoluzione è stato anche disposto, dopo quasi dieci anni il dissequestro dei beni degli imputati. Il processo costituisce uno stralcio della più ampia indagine barese sui presunti appalti truccati nella sanità pugliese che a Bari ha portato all'apertura di oltre dieci inchieste in alcune delle quali è coinvolto anche Gianpaolo Tarantini, fratello di Claudio, al centro dello scandalo delle escort portate alle cene a casa di Silvio Berlusconi. La vicenda foggiana riguardava forniture milionarie di apparecchiature ortopediche affidate dal primario alle aziende dei due imprenditori in cambio di soggiorni in alberghi e spese per congressi medici.

Archivio Ultima ora