ANNO ZERO

Santoro: Addio a ‘mamma’ Rai

Pubblicato il 07 giugno 2011 da redazione

ROMA – ‘’Andare a La7? Lo sa Mentana, chiedetelo a lui’’. Con un pizzico di ironia nei confronti del collega, che lo aveva dato ‘’a un passo da La7’’, Michele Santoro rompe il silenzio dopo la rescissione del contratto con la Rai, ma non scioglie i dubbi sul suo futuro. Anzi, non esclude di tornare a collaborare con l’azienda pubblica, come previsto dall’accordo siglato l’altro giorno. Cautela a parte, la strada verso la rete di Ti Media sembrerebbe ormai segnata, con la possibile riproposizione, almeno in una prima fase, di un format collaudato simile a quello di Annozero. Il titolo della tv privata è salito in Borsa di oltre il 17%, anche in assenza di annunci ufficiali.

La conferenza stampa convocata ieri da Santoro, dalla quale si attendevano possibili novità, è saltata. Da un lato la Rai ha ritenuto inopportuno che l’incontro si svolgesse negli studi di via Teulada. Dall’altro il giornalista, che in primo momento ha cercato una sede alternativa, dopo la lettura dei giornali avrebbe preferito rimandare le sue esternazioni all’abituale tribuna del giovedì, nell’ultima puntata di Annozero, dedicata a referendum e attualità politica, annunciando poi un’iniziativa in piazza a sostengo di Current Tv.

La scelta di Viale Mazzini continua, intanto, a suscitare critiche nell’opposizione. Il leader del Pd, Pierluigi Bersani, esprime preoccupazione per il rischio che ‘’tra Santoro che se ne va e altre cose che si annunciano il servizio pubblico resti senza pubblico’’.
– Non c’è né da gridare alla censura, ne’ da inneggiare alla liberazione – sostiene invece il portavoce del Pdl, Daniele Capezzone -. C’èr solo da prendere atto di una scelta di mercato.
– Non escludo di tornare a collaborare in Rai, e’ stata una delle cose che ho chiesto’’, ha detto Santoro ai microfoni di Agorà, confermando la buonuscita di 2,3 milioni di euro. Sembra che il giornalista si riferisse più ad una eventualità astratta, che ad una idea per l’immediato futuro. A Viale Mazzini tutti danno ormai per scontato il passaggio a La7, anche alla luce delle affermazioni di Enrico Mentana e soprattutto dell’ad della tv privata Giovanni Stella, che in un colloquio con Repubblica ha confermato l’approdo del giornalista alla sua corte, puntando anche ad un altro acquisto dalla tv pubblica. Il pensiero corre subito ai conduttori con contratto in scadenza: Giovanni Floris, Milena Gabanelli, Serena Dandini e Fabio Fazio.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

09:21‘Immigrazione illegale diffonde terrorismo’

(ANSA) - NAYPYITAW (BIRMANIA), 20 NOV - "Conflitti e instabilità nel mondo sono in parte dovuti all'immigrazione illegale che diffonde il terrorismo". Lo ha detto la leader della Birmania Aung San Suu Kyi accogliendo nella capitale ministri degli esteri asiatici ed europei, tra i quali l'alto rappresentante della politica estera europea Federica Mogherini.

08:51Usa: è morto Charles Manson

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Il serial killer americano Charles Manson è morto a 83 anni. Lo riportano i media americani. Era stato ricoverato in un ospedale in California per l'aggravarsi delle sue condizioni di salute. Leader di una setta conosciuta con il nome di 'Family', Manson è stato uno dei killer più sanguinari della storia degli Stati Uniti. Stava scontando l'ergastolo per l'omicidio di Sharon Tate, giovane moglie di Roman Polanski, e altre sei persone a Los Angeles nell'agosto del 1969.

07:50India: offerta ricompensa a chi ‘brucera’ viva’ attrice

NEW DELHI - Intense per lo stop imposto dalla censura al debutto nelle sale previsto per l'1 dicembre, le polemiche intorno al film storico 'Padmavati' del regista Sanjay Leela Bhansali si sono ulteriormente infiammate in India dopo che ieri un gruppo marginale di difesa della 'casta dei cavalieri' ha offerto una ricompensa di dieci milioni di rupie (oltre 130.000 euro) per "chi brucerà viva la protagonista, Deepika Padukone". Tratto da 'Padmavat', un poema epico del XVI secolo, il film racconta la storia di una regina indu' (Rani Padmini, nota anche come Padmavati) che, per non cadere nelle mani del sultano di Delhi, Alauddin Khalji, al termine di un lungo assedio del Chittor Fort nel 1303 preferi' immolarsi con il fuoco insieme a tutte le altre donne.

07:44Afghanistan: liberati 30 da prigione talebani in Helmand

KABUL - Forze speciali afghane hanno liberato ieri un gruppo di almeno 30 persone, fra cui anche bambini, da una prigione dei talebani nella provincia meridionale afghana di Helmand. Lo riferisce la tv Tolo di Kabul. Fonti dell'amministrazione locale hanno reso noto che l'operazione di salvataggio e' avvenuta nel distretto di Nawzad. I prigionieri, si e' appreso, erano accusati di aver collaborato con il governo, contro gli insorti.

07:40Uragani:migliaia in corteo a Washington per aiuti Porto Rico

WASHINGTON - Migliaia di persone hanno sfilato oggi nella capitale nella marcia dell'unita' a sostegno dei fondi per i danni degli uragani a Porto Rico, che versa ancora in condizioni di emergenza. La folla, sventolando bandiere dell'isola caraibica, ha invaso il Mall ed e' arrivata sino a Capitol Hill.

07:31Trump, prossima settimana decido su import trofei elefanti

WASHINGTON - Donald Trump ha reso noto via Twitter che annuncera' la prossima settimana la sua decisione sull'importazione di grandi trofei di caccia, la cui autorizzazione ha sospeso nei giorni scorsi sull'onda delle proteste. "Sara' molto difficile farmi cambiare idea che questo spettacolo dell'orrore in qualche modo aiuta la conservazione degli elefanti o di altri animali", ha spiegato.

02:15Germania: Lindner, salta il tavolo ‘Giamaica’

(ANSA) - BERLINO, 20 NOV - Salta il tavolo dei cosiddetti partiti "Giamaica" a Berlino, dove Cdu, Csu, liberali e verdi hanno condotto delle trattative preliminari nelle ultime due settimane, per arrivare alle consultazioni di un possibile governo a quattro. Lo ha reso noto il leader dei liberali Christian Lindner, che ha annunciato di lasciare il tavolo. "Manca la fiducia di base" fra i partiti, detto Lindner, affermando ai cronisti che i liberali non vogliono "piantare in asso" gli elettori, e che, in questa situazione, "è meglio non governare".

Archivio Ultima ora