EN EL COMITES

Patronato INAS brindó asistencia a los pensionados en Puerto Ordaz

Pubblicato il 13 giugno 2011 da Zoe D'Eugenio

El Istituto Nazionale Assitenza Sociale, INAS, nuevamente visitó la sede de Oriente ubicada en Puerto Ordaz del Comitato degli Italiani all’estero, COMITES, para atender las necesidades de más de sesenta pensionados italianos, superando el número de personas asistidas en encuentros anteriores.
Los motivos primordiales de la jornada fueron la declaración del impuesto italiano del año 2010 y atender los reclamos cotidianos que poseen los pensionados, sobre todo por el desconcierto de muchos al recibir su pensión en una entidad distinta a la habitual.


Entre los reclamos expresados por la mayoría de los presentes fue el inconveniente para cobrar su pensión. De acuerdo a comunicaciones emitidas por parte del Consulado de Italia en Venezuela, esta medida sólo será por el mes de mayo y deberá efectuarse en Western Unión en vez de Italcambio.


No obstante, los pensionados manifestaron disconformidad en la calidad del servicio, en el pago de sus cheques directamente en bolívares sin previa consulta, el cobro de la comisión con un monto mayor a la de Italcambio y por último, el requerimiento por parte Western Unión de la fe de vida o presencia del beneficiado que en la mayoría de los casos, tienen impedimentos para realizarlo.


La Coordinadora Nacional del patronato INAS, María Teresa Mastromatteo, explicó que la incertidumbre manifestada por el colectivo, se suscita en el pago de la pensión de algunos italianos en los meses de mayo y junio, por lo desconocen si la medida se hará de forma permanente en Western Unión.


Nueva sede


Mastromatteo, anunció la apertura de una sede del Patronato INAS en Puerto Ordaz para el mes de julio, con el objetivo de atender a todos los pensionados de la zona sur del país como lo es Ciudad Guayana, Ciudad Bolívar, Upata, El Pao, El Manteco y de ciudades lejanas como Santa Elena de Uairén, entre otros.


“Lamentablemente las distancias en Venezuela son enormes y es por ello que existe la importancia de tener oficinas en todo el territorio del país, porque no es lo mismo trasladarse de Santa Elena de Uairén a Caracas que hasta Puerto Ordaz”, indicó Mastromatteo.


Italianos de la tercera edad que padecen enfermedades o discapacidades, no pueden transportarse con facilidad, además de aquellos que no poseen vehículos y deben pagar un alto costo en transporte público para poder realizar sus requerimientos. Estas entre otras razones motivaron a integrantes del Patronato INAS a instaurar la nueva sede en Oriente.


Connacionales italianos expresaron alegría por este anuncio y tranquilidad al saber que pueden acercarse a la sede en cualquier instante que deseen sin esperar la realización de las jornadas que constantemente realizan no sólo en Ciudad Guayana sino en todo el país.


La coordinadora de INAS, señaló que Anna María Pacitti será la encargada de asistir a los italianos, quien tiene vasta experiencia por haber desempeñado labores como asistente del Vice Consulado de Puerto Ordaz, por lo que conoce la normativa consular, dominio del idioma italiano, paciencia y carisma para brindar amable atención.


La sede tendrá lugar en el Centro Comercial María Luisa, planta baja, al lado de Mixto’s Restaurant, Frente al Hospital Américo Babó de la Ferrominera y se obtuvo en colaboración de las gestiones del presidente del Comites, José Rosario Puleo, la junta directiva y su secretaria Conchita Cenci.


Veterano agradecido


Quirino Carcerieri de 95 años, es el pensionado con más edad de los presentes en la sede del Comites. Nacido en Roma en abril de 1916, vivió hasta sus 30 años de edad en Pescara y por motivos de trabajo, viajó con una petrolera inglesa a la ciudad de Caracas, adoptando a Venezuela como su segunda patria.
Acompañado de su yerno, Julio César Machado, Carcerieri acudió con gran vitalidad y elegancia a la jornada realizada por el patronato INAS para la declaración de sus impuestos y otras gestiones referentes a su pensión.


Carcerieri y su yerno expresaron su agradecimiento y complacencia por el buen trato y dedicación que las integrantes del patronato y la asistencia de la secretaria del Comites tienen con cada uno de los italianos, que en su mayoría son de la tercera edad y requieren mayor paciencia al momento de ser atendidos.
Una vez más, a través del Comites de Oriente y Patronato INAS, lograron el objetivo de atender y darle una mano al ciudadano italiano, alcanzando la complacencia de los connacionales.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

00:40Terremoto: tre scosse nelle Marche

(ANSA) - ANCONA, 28 APR - Tre scosse di terremoto si sono susseguite nel giro di mezz'ora nelle Marche. La prima, di magnitudo 3.5 é stata registrata con epicentro a Preci alle 23.09 dai sismografi dell'Ingv. Successivamente sono stati registrati altri due eventi di magnitudo 4 e 4.1 sempre nel Maceratese ma con epicentro a Visso, rispettivamente alle 23.16 e 23.19. Le scosse sono state distintamente avvertite dalla popolazione.

23:53Brexit: May, contro toni duri Merkel serve leader Gb forte

(ANSA) - LONDRA, 27 APR - I toni duri di Angela Merkel verso Londra dimostrano che la Gran Bretagna ha bisogno di un leader fermo per negoziare la Brexit da posizioni forti. Così Theresa May in un comizio elettorale tenuto stasera nella provincia inglese. La premier Tory ha sostenuto che il capo dell'opposizione laburista, Jeremy Corbyn, favorevole a una linea negoziale più soft con l'Ue sarebbe troppo "debole" al tavolo delle trattative con Bruxelles. "Abbiamo visto oggi parlare la cancelliera Merkel, ne abbiano ascoltato le dichiarazioni e abbiamo visto come, in effetti, ci saranno momenti in cui i negoziati potranno essere duri", ha sottolineato May. Per questo ha chiesto anche agli elettori laburisti di votare per lei affinché il Regno Unito abbia "la mano più forte possibile". Dalle elezioni dell'8 giugno possono uscire solo due premier alternativi, ha insistito: "e la scelta è fra cinque anni di leadership forte e stabile con me e una coalizione del caos con alla guida Jeremy Corbyn, un leader debole nel negoziare la Brexit".

23:49Francia: Macron con giovani banlieue, ‘Le Pen qui non viene’

(ANSA) - PARIGI, 27 APR - Costretto ieri alla svolta del bagno di folla nella fabbrica di Amiens, Emmanuel Macron gioca adesso d'anticipo e incalza Marine Le Pen. Questo pomeriggio, in una visita nella banlieue parigina di Sarcelles, è rimasto a lungo fra i ragazzi di un club di sport. I giovani di un'associazione per l'inserimento nello sport, dove si è recato in visita l'aspirante presidente, hanno attorniato Macron facendogli domande sulle sue proposte per l'inserimento di chi vive in banlieue. "E' insopportabile che si venga discriminati a parità di meriti - ha risposto Macron firmando autografi e stringendo mani - voi dovete però sapere che la preparazione è importantissima". Poi la stoccata a Marine Le Pen, in comizio a Nizza: "Il programma per i giovani di banlieue è una delle tante differenze con Marine Le Pen", ha detto Macron. "Lei qui non viene, non può venire. Perché lei dice solo che quelli come voi se ne devono andare".

23:49Venezuela, proteste, denunciato l’arresto di 14 giornalisti

(ANSA) - CARACAS, 27 APR - Il sindacato nazionale dei giornalisti venezuelani (Sntp) ha denunciato che negli ultimi 25 giorni sono stati arrestati 14 cronisti o tecnici dei media audiovisivi mentre coprivano le proteste di piazza convocate dall'opposizione contro il governo di Nicolas Maduro. Secondo un comunicato del Sntp, dall'inizio della nuova ondata di manifestazioni si sono registrati 90 attacchi contro la libertà di informazione, con 106 cronisti o tecnici vittime di aggressioni che sono attribuibili all'80% alla Guardia Nazionale, la principale forza antisommossa usata dal governo contro la protesta. I relatori per la libertà di stampa dell'Onu e della Commissione interamericana per i diritti umani, David Kaye ed Edison Lanza, hanno esortato il governo di Caracas a "liberare immediatamente tutti coloro che sono stati detenuti perché svolgevano il loro lavoro di giornalisti" e "rispettare il diritto alla libertà di espressione e di opinione".

23:45Gb: regina senza corona a cerimonia inaugurazione Parlamento

(ANSA) - ROMA, 27 APR - Per la prima volta in oltre 40 anni la regina Elisabetta II non indosserà la corona imperiale di stato e vestirà in modo informale, senza mantello e strascico, in occasione della cerimonia di inaugurazione del Parlamento britannico che si terrà a fine giugno dopo le prossime elezioni generali. Lo scrive il Telegraph, precisando che la prima volta che la sovrana non portò la corona in tale occasione avvenne nel marzo del 1974, mentre nel 1984 venne anche cancellato il servizio dell'ordine della Giarrettiera, l'ordine cavalleresco più importante del Regno Unito. Il cambio di programma, annunciato oggi da Buckingham Palace, prevede che l'apertura del Parlamento avverrà il 19 giugno. Secondo alcuni analisti la scelta della data permetterebbe alla regina di partecipare ad Ascot che si tiene dal 20 al 24 giugno.

23:45Usa: United patteggia con passeggero trascinato da volo

(ANSA) - WASHINGTON, 27 APR - Il medico del Kentucky, David Dao, che era stato trascinato via da un volo United lo scorso nove aprile dopo essersi rifiutato di cedere il suo posto ad un membro dell'equipaggio, ha raggiunto un accordo con la linea aerea, il cui ammontare non e' stato rivelato rimarrà confidenziale. Lo hanno annunciato gli avvocati di Dao. Le immagini di Dao trascinato con forza fuori dall'aereo erano diventate immediatamente virali sul web, suscitando una marea di critiche e scandalizzando il mondo intero.

23:40Francia: ‘Né Le Pen, né Macron’, la protesta degli studenti

(ANSA) - PARIGI, 27 APR - 'Ni Marine, ni Macron, ni patrie, ni patron', 'Né Marine, né Macron, né patria, né padrone': lo slogan degli studenti delusi dai vincitori del primo turno delle elezioni presidenziali, Marine Le Pen del Front National ed Emmanuel Macron di En Marche!, è eloquente. La protesta non è stata solo verbale ma oggi si sono mobilitati una ventina di licei di Parigi con momenti di tensione con le forze dell' ordine, come anche a Rennes, in Bretagna. Le entrate di alcuni licei di Parigi bloccate da picchetti di protesta. Gli studenti, tramite social network, si sono dati appuntamento a place de la République per manifestare soprattutto contro il Front National: erano circa 500 e si sono diretti nella vicina place de la Bastille. La tensione è ben preso salita: c'é stato un lancio di oggetti con tafferugli e la polizia è intervenuta con i gas lacrimogeni.(ANSA).

Archivio Ultima ora