UE

I vertici dell’Unione Europea fanno quadrato contro la speculazione

Pubblicato il 10 luglio 2011 da redazione

ROMA – I vertici dell’Unione Europea serrano i ranghi contro la speculazione dopo l’attacco di venerdì e il timore che con l’apertura dei mercati salga la febbre sui debiti sovrani. Questa mattina il presidente del Consiglio Ue, Herman Van Rompuy, ha convocato una riunione alla quale parteciperanno il presidente dell’Eurogruppo Jean-Calude Juncker, il presidente uscente della Banca Centrale Europea Jean-Claude Trichet, il presidente della Commissione Europea Josè Manuel Barroso e il commissario europeo agli affari economici Olli Rehn. Ufficialmente la riunione rientra fra gli incontri che Van Rompuy e Barroso tengono regolarmente alla vigilia di ogni Eurogruppo, ma questa volta è stata estesa agli altri big.
– Non si tratta si una riunione di crisi, ma di coordinamento delle diverse posizioni sul dossier Grecia – ha assicurato il portavoce di Van Rompuy, Dirck De Backer aggiungendo poi che nella riunione del mattino ‘’non si parlerà dell’Italia’’.

Il vertice precede l’incontro dell’Eurogruppo, previsto nel primo pomeriggio alle 15.00, al quale partecipano i ministri dell’Economia e delle Finanze dei 17 Stati dell’Eurozona, e l’Ecofin di martedì. Nel doppio vertice sara’ delineata la strategia per aggredire la speculazione e puntellare la stabilità dell’eurozona. Non è escluso che dalle due riunioni escano anche indicazioni per arginare il potere delle agenzie di rating e la speculazione con limiti alle vendite allo scoperto e ai derivati.

Il capitolo più pesante sarà dedicato a cercare una soluzione comune sul secondo piano di salvataggio per la Grecia che dovrebbe coinvolgere anche le banche. Decisione che, anche alla luce dell’attacco sull’Italia, diventa sempre più necessario prendere al più presto. L’Eurogruppo varerà anche il nuovo Fondo Salva-Stati, l’Esm (l’European Stability Mechanism) che avrà una dotazione di 500 miliardi e che dal luglio 2013 andra’ a sostituire l’European Financial Stability Facility (Efsf) il veicolo finanziario creato all’inizio della crisi greca e l’European Financial Stabilisation Mechanism (Esfm).

La situazione italiana non figura formalmente all’ordine del giorno del doppio incontro, ma la manovra italiana sarà oggetto di valutazione. Tremonti esporrà le linee della manovra e riaffermerà l’impegno dell’Italia di raggiungere il pareggio di bilancio nel 2014 oltre alla determinazione di portare il decreto ‘’per la stabilizzazione finanziaria’’ a legge prima dell’estate. Nella due giorni Tremonti esordirà nella veste di coordinatore dei ministri delle Finanze del Ppe.

CRISI


Opposizioni: “Responsabili nell’interesse del paese”


ROMA – Opposizioni unite da un concetto dettato dalla necessità del confronto, già questa mattina, con la possibile ondata della speculazione internazionale su borse e titoli ma sostenuto con chiarezza e vigore da Pd, Idv e Udc durante una lunga domenica di attesa, quella di ieri: occorre ‘’responsabilità nazionale’’ dicono all’unisono i tre partiti di opposizione. Pd e Idv lanciano segnali per tutta la giornata per consolidare l’immagine di una nazione compatta nell’affrontare una possibile dura prova per tutta l’economia italiana.


L’Idv con Di Pietro annuncia che non farà ostruzionismo e che i suoi emendamenti alla manovra mireranno tutti al contenimento della spesa e saranno rigorosamente ‘’coperti’’ sul piano finanziario; il Pd di Bersani spiega che la disponibilità al confronto da parte delle opposizione sarà fattiva e concreta ma non potrà arrivare fino all’astensione.
– Non è questa che risolve il problema – spiega Pier Luigi Bersani in viaggio nel Medio Oriente -. Non credo che i mercati si aspettino la nostra astensione alla manovra. In settimana presenteremo le nostre idee che riguardano anche il contenimento dei costi della P.A. e un certo numero di emendamenti.


Di Pietro sul suo blog chiosa che ‘’lo capiscono anche i bambini che così non si può andare avanti’’. E da Bersani arriva una critica sulla ‘’compressione’’ dei tempi di discussione di una manovra da 47 miliardi di euro da chiudere in tre settimane ma anche una sottolineatura:
– Le opposizioni sentono la responsabilità nazionale davanti alla crisi economica soprattutto perchè il governo è nel marasma. Rimaniamo opposizioni – aggiunge – ma vogliamo essere propositivi.


Dunque la scelta della ‘’responsabilità’’ che si annuncia non può far mettere da parte i problemi e le soluzioni a suo tempo avanzate e richiamate dal segretario del Pd e da Pier Ferdinando Casini nella parola d’ordine: l’Italia ha tutte le risorse e tutte le energie per affrontare e vincere queste sfide.
Dal Pdl, a fronte del rigoroso silenzio che si è auto imposto il premier Berlusconi anche all’incontro di Mirabello, dove il previsto intervento è stato annullato proprio a causa delle contrattazioni odierna in borsa e delle riunioni europee per valutare i riflessi della crisi anche sul nostro paese, parla Fabrizio Cicchitto. Il capogruppo alla Camera invita la maggioranza a rinviare ad altra data le polemiche interne e l’opposizione a smetterla con l’invito di dimissioni a breve per l’esecutivo.
– Quelle dimissioni se ottenute davvero farebbero solo la gioia della speculazione internazionale, compresa quella che opera in Svizzera e che ha imprese editoriali anche in Italia – dice parlando chiaramente del gruppo L’Espresso-Repubblica. Cicchitto invita tutti ad un ‘’generale senso di responsabilità’’. in vista della apertura dei mercati.

Enrico Letta rilancia la questione tirando dentro anche l’Udc, dopo l’appello Bersani-Casini, confermato dal segretario Lorenzo Cesa:
– In una fase cosi delicata per il Paese, con la Borsa italiana e i titoli di Stato messi sotto attacco dalla speculazione finanziaria, la responsabilità nazionale deve prevalere sugli interessi politici. Sarebbe da irresponsabili – dice – gioire della debolezza del governo senza contribuire a indicare vie alternative per uscire da questa situazione.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

13:41Moscovici, solo auspicio è che governo italiano sia pro-Ue

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Siamo sempre stati attenti ai bisogni dell'Italia perché sappiamo che è un grande Paese, un Paese al cuore della zona Euro. Il solo auspicio che ho, sul piano politico, è che il prossimo governo italiano, qualsiasi esso sia, perché sono gli italiani che votano, sia un governo pro-europeo". Così il commissario europeo Pierre Moscovici rispondendo ad una domanda.

13:34Lega: Sollecito, Bongiorno? spero che ce la faccia

(ANSA) - PERUGIA, 18 GEN - "Giulia Bongiorno può dare un contributo importante per una giustizia che dia fiducia": ne è certo Raffaele Sollecito, difeso dalla penalista, ora candidata per la Lega alle prossime elezioni, nel processo per l'omicidio di Meredith Kercher terminato con l'assoluzione dell'ingegnere informatico. Il quale ha commentato con l'ANSA la notizia. "Sono contento della sua candidatura, spero che ce la faccia" ha detto Sollecito parlando dell'avvocato Bongiorno. "Certo - ha aggiunto -, se avrò la possibilità le darò il mio voto". Il giovane parla del legale come di "una persona oculata". "Non prende mai - ha proseguito - decisioni a caso ma le sue azioni sono sempre ponderate. E' una persona corretta - ha concluso Sollecito - che non dà mai adito a sorprese". (ANSA).

13:34Maltempo, l’aeroporto di Amsterdam sospende tutti i voli

(ANSA) - BERLINO, 18 GEN - L'aeroporto Schiphol di Amsterdam ha sospeso oggi tutti i voli e le ferrovie nazionali olandesi hanno bloccato tutti i treni a causa della violenta tempesta che si abbatte in queste ore sul Paese. Lo scalo ha annunciato in un tweet che i voli sono sospesi "fino a nuovo avviso" in seguito al maltempo. La Klm aveva giù annullato oltre 200 voli prima dell'arrivo della tempesta.

13:27Siria: Ong, 110.000 bambini in fuga da Idlib

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nelle ultime settimane "oltre 110.000 bambini sono stati costretti ad abbandonare le proprie case a causa dei combattimenti in corso a Idlib, nel nord della Siria, in un nuovo grave movimento di sfollati interni". Lo denuncia Save The Children in un comunicato. "L'escalation dei combattimenti nella parte meridionale di Idlib - su legge nel testo - ha dato luogo a uno dei più gravi spostamenti di massa ai quali si è assistito in Siria dall'inizio del conflitto". Oltre 7.000 persone "in media, si spostano ogni giorno. I bombardamenti hanno portato alla chiusura centinaia di scuole e raso al suolo case e ospedali. Molti hanno trovato rifugio all'aperto, dove sono esposti a temperature gelide, o in edifici abbandonati".

13:22In aula col velo: praticante, sconvolta ma contenta

(ANSA) - BOLOGNA, 18 GEN - "Quando il giudice mi ha detto no ero davvero sconvolta, ma sono contenta di quello che ho fatto". Così Asmae Belfakir, la praticante marocchina di 25 anni, torna sull'episodio di ieri al Tar di Bologna, dove un giudice le ha detto che non poteva stare in aula col velo islamico. Lei si è rifiutata di toglierselo ed è uscita. La ragazza ne ha parlato con l'ANSA al tribunale ordinario di Bologna, dove è arrivata per un'udienza. Si è detta "molto colpita" dai tanti messaggi di solidarietà ricevuti. "Ci sono rimasta molto male, ho partecipato a tante udienze e una cosa del genere non mi era mai successa. Il cartello e la norma affissa sulla porta del giudice da ieri è su tutti i social network e sotto ci sono tanti commenti che dicono che il giudice ha ragione, ma non è così", ha aggiunto. "Le norme - ha spiegato - vanno lette, conosciute e interpretate. Uno prima si informa, legge, studia e poi si discute". Si tratta, ha detto in tribunale a Bologna "di una battaglia giuridica".(ANSA).

13:20Germania: Forsa, dopo accordo governo Spd crolla a 18%

(ANSA) - BERLINO, 18 GEN - Crollano al 18%, stando al sondaggio Forsa, i socialdemocratici tedeschi di Martin Schulz, che si apprestano a votare domenica sull'accordo raggiunto con l'Unione di Angela Merkel, per dire la parola decisiva sulle consultazioni di governo. Stando al rilevamento l'Spd perde ben due punti, rispetto alla settimana scorsa, scivolando sotto la soglia psicologica del 20%. Cdu-Csu sono al 34%.

13:19Tennis: Australia, Giorgi eliminata in tre set da Barty

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Si ferma al secondo turno il percorso di Camila Giorgi all'Open d'Australia. La marchigiana, unica azzurra ancora in gioco a Melbourne dopo l'immediata uscita di Francesca Schiavone, è stata eliminata dall'australiana Ashlegh Barty che si è imposta in tre set (5-7, 6-4 6-0). Dopo due set di grande equilibrio, Giorgi ha ceduto di schianto nella terza e decisiva partita contro la più giovane e quotata avversaria (è n.17 del ranking Wta, l'italiana la n.66), che peraltro l'aveva battuta anche nei due precedenti incontri, entrambi lo scorso anno.

Archivio Ultima ora