NAPOLI-INTER 2-0

È Super Cavani il Napoli avanza

Pubblicato il 25 gennaio 2012 da redazione

NAPOLI – Al Napoli basta un super Cavani per eliminare l’Inter dalla Coppa Italia ed agguantare, dopo 15 anni, la semifinale in cui affronterà (con partite di andata e ritorno) il Siena. L’uruguaiano, ad inizio e fine del secondo tempo, realizza una doppietta e mette il sigillo su una vittoria complessivamente meritata per gli azzurri. D’altronde l’Inter, decimata da infortuni e dall’influenza, fa quello che può. La squadra di Ranieri è pressoché assente nel primo tempo. Quasi non pervenuta. E interrompe così la serie d’oro di otto vittorie consecutive, tra campionato e coppa Italia.


Il Napoli, almeno, è più volitivo, anche se la prima parte della gara è quasi da dimenticare. Il ritmo della gara è infatti blando e compassato. L’Inter, che Ranieri ha dovuto reinventare all’ultimo momento a causa delle assenze di Pazzini e Lucio, colpiti da un attacco influenzale, ricalca la partita disputata nel derby contro il Milan. I nerazzurri sono estremamente prudenti. Maicon e Chivu raramente sostengono il centrocampo con la loro consueta spinta sulle fasce laterali. Evidentemente sono troppo preoccupati di limitare le incursioni di Maggio e Zuniga ed impiegano il loro tempo principalmente e presidiare l’area di rigore. Il Napoli mantiene costantemente il predominio del gioco e la palla è quasi sempre nella metà campo degli avversari. Tuttavia agli azzurri manca quella aggressività e quell’ardore che in passato ne hanno sempre contraddistinto il gioco, soprattutto al San Paolo ed in particolar modo quando la squadra di Mazzarri si è trovata di fronte ad un’avversaria titolata.


Il gioco dei partenopei è un po’ troppo schematico, ripetitivo, come un compitino assegnato a casa dalla maestra da svolgere con diligenza e porecisione, ma senza passione. Gli azzurri riescono a creare anche qualche occasione da gol, con Maggio, Hamsik ed Aronica, ma non si ha mai la sensazione di un loro strapotere di gioco.


Nella ripresa, però, il tema della gara cambia radicalmente perché il Napoli, dopo soli cinque minuti, va in vantaggio, grazie ad un rigore che Cavani prima si procura e poi trasforma. E’ a questo punto che l’Inter si sveglia. Ranieri ha già sostituito Obi con Alvarez, la cui maggiore propensione al gioco offensivo contribuisce a spostare l’asse delle azioni nella metà campo dei partenopei. La pressione dei nerazzurri produce subito un pericolo con Milito che reclama inutilmente un rigore (e viene ammonito) e poco dopo una chiarissima occasione con Alvarez che, servito alla perfezione da Sneijder, conclude debolmente su De Sanctis. Mazzarri a questo punto mette in campo Pandev al posto di uno spento Lavezzi, ed il Napoli scommette ormai solo sui suoi contropiedi. In un paio di tali circostanze gli azzurri falliscono buone opportunità. A mano a mano che passa il tempo la pressione dei nerazzurri diventa quasi un assedio. Il Napoli però è abile nel fiondarsi all’offensiva appena se ne offre la possibilità. Così nasce una clamorosa occasione fallita da Gargano. E così nasce anche il raddoppio di Cavani, con un’azione personale, che proprio allo scadere del recupero lo consacra, ancora una volta, ‘re’ del San Paolo.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

12:11Zimbabwe: Mnangagwa, elezioni ‘in quattro o cinque mesi’

(ANSA) - IL CAIRO, 18 GEN - Indicando un periodo più prossimo di quanto previsto finora, il nuovo presidente dello Zimbabwe - Emmerson Mnangagwa - ha detto che le elezioni nel paese si terranno "in quattro o cinque mesi". Lo scrive il sito Zimbabwe Mail. "Lo Zimbabwe terrà elezioni in quattro o cinque mesi e dobbiamo pregare di avere pace, pace, pace", ha detto il successore di Robert Mugabe a Maputo, la capitale del Mozambico dove è in visita ufficiale. Nel fare l'annuncio Mnangagwa ha promesso di tenere elezioni corrette per assicurare che lo Zimbabwe "si impegni col mondo quale Stato democratico qualificato". Sotto Mugabe le elezioni erano inficiate da brogli, intimidazioni e repressione violenta dell'opposizione, ricorda il sito. Mugabe ha governato il paese dell'Africa australe per 37 anni fino al novembre scorso quando fu costretto alle dimissioni da un intervento militare che puntava a scongiurare una passaggio dei poteri dell'ultranovantenne autocrate alla moglie Grace.

12:03Gentiloni, non scardinare sistema pensioni e fisco

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Non è il tempo di scardinare pilastri del nostro sistema pensionistico e fiscale, non è il tempo delle cicale, ma è il tempo della competenza, della serietà e dell'investimento sul futuro". Lo dice Paolo Gentiloni intervenendo all'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss, ammonendo: "Quando si parla della prossima fase politica guai a dimenticare che uno degli obiettivi" deve essere "passare dalla stabilizzazione e leggerissima" discesa del debito "a una fase di riduzione graduale, sostenibile e significativa del nostro debito pubblico, se ne parla un po' poco" ma "deve essere uno degli obiettivi fondamentali del nostro paese" . "L'Italia attraversa una fase dove è più che mai necessario coraggio e fiducia. Fuori dalla più grande crisi dal dopoguerra, con una crescita stabile", conclude Gentiloni.

11:57Londra, altri 50mln a Parigi per controllo migranti Calais

(ANSA) - LONDRA, 18 GEN - La premier britannica Theresa May si prepara a versare altri 44,5 milioni di sterline (50 milioni di euro) a Parigi perché la Francia continui a fare da 'gendarme' nei confronti dei migranti in arrivo a Calais anche dopo la Brexit, filtrando i tentativi di attraversare la Manica. E' quanto anticipa la Bbc, a poche ore dal vertice bilaterale tra il primo ministro e il presidente francese Emmanuel Macron alla Royal Military Academy di Sandhurst: l'incontro tra i due leader è previsto nel primo pomeriggio, con una conferenza stampa congiunta in programma per le 17 locali (le 18 in Italia). Londra, sempre secondo le anticipazioni della Bbc, dovrebbe anche impegnarsi ad accogliere più migranti da Calais, in particolare minori non accompagnati, sebbene il governo May in passato abbia spesso deluso le aspettative francesi in merito. La stampa britannica appare piuttosto critica, in particolare il filo-Tory Daily Telegraph, sulle 'concessioni' del Regno in fatto di immigrazione.

11:53Kazakhstan: autorità, tutti uzbeki passeggeri bus in fiamme

(ANSA) - MOSCA, 18 GEN - Secondo le autorità kazake, erano tutti cittadini uzbeki i passeggeri del pullman che ha preso fuoco nella regione di Aktobe, in Kazakhstan, causando la morte di 52 persone. Lo riporta Interfax. Stando alle prime informazioni, solo cinque sono sopravvissuti, tra i quali i due conducenti "Le informazioni preliminari disponibili indicano che i due conducenti sono cittadini del Kazakhstan ed entrambi sono sopravvissuti", riferisce il portavoce del Comitato per le situazioni di emergenza del Kazakistan al ministero dell'Interno, Ruslan Imankulov. I cinque sopravvissuti alla tragedia sono stati portati in un ospedale nel distretto di Irgiz. "Hanno riportato ferite lievi", ha detto un rappresentante del dipartimento delle situazioni di emergenza regionali.

11:46Tennis: Australia, eliminato Sonego, ko con Gasquet

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Lorenzo Sonego non ce l'ha fatta. Troppo forte per lui, rivelazione di questi Australian Open, la racchetta del francese Richard Gasquet. L'azzurro ha dovuto così interrompere i suoi sogni di gloria al secondo turno del torneo di Melbourne dopo aver superato di slancio la prima prova. Sonego è stato sconfitto con il punteggio di 6-2 6-2 6-3 che lascia poco spazio all'immaginazione e la dice lunga sulla prevalenza del francese numero 31 del mondo, contro il quale poco ha potuto il 22enne torinese che può comunque essere soddisfatto del suo risultato al torneo australiano. (ANSA).

11:46Mo: Jenin, Hamas annuncia morte di un ‘martire’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 GEN - Nello scontro a fuoco avvenuto la scorsa notte a Jenin (Cisgiordania) è morto Ahmed al-Jarrar, 22 anni: lo rende noto Hamas in un comunicato in cui afferma che si tratta di un "martire delle Brigate Ezzedin al-Qassam" (il suo braccio armato) ed è anche un "martire figlio di un martire" perché suo padre Nasser al-Jarrar, ucciso dall'esercito israeliano nel 2002, era il comandante della sua ala militare a Jenin. La agenzia di stampa palestinese Maan aggiunge che a Jenin "manca all'appello" un altro giovane che la scorsa notte era con al-Jarrar. Potrebbe essere ancora sepolto nei detriti di tre edifici della famiglia al-Jarrar rasi al suolo dall'esercito. Nella notte l'esercito israeliano aveva annunciato di aver ucciso due palestinesi nello scontro a fuoco.

11:44Assalto a portavalori nel Brindisino, sparati colpi fucile

(ANSA) - TORCHIAROLO (BRINDISI), 18 GEN - Un gruppo di quattro persone a bordo di una Lancia Delta nera ha tentato di compiere una rapina ad un portavalori, con un assalto a colpi di fucile sulla superstrada Lecce - Brindisi, all'altezza di Torchiarolo (Brindisi). Diversi i colpi sparati con un fucile a canne mozze in direzione degli pneumatici del furgone e fortunatamente, nessuno è rimasto ferito anche se una guardia giurata della società Cosmopol ha riferito di essere stata sfiorata da uno dei proiettili. La carreggiata Nord della Statale è chiusa al traffico per consentire a carabinieri e polizia di effettuare i rilievi. Il portavalori è stato affiancato dalla vettura, ma la rapina non è andata a segno perché le guardie giurate non sono uscite dall'abitacolo e la banda è fuggita a piedi per le campagne circostanti. Le indagini vengono condotte dai carabinieri e dalla Squadra mobile della questura di Brindisi. Sul posto anche agenti della polizia stradale.

Archivio Ultima ora