Il Pd ritira l’emendamento

ROMA – Lo spettro delle leggi ‘ad personam’ aleggia sulle norme anti-corruzione. E annuncia toni accesi in Parlamento, quando il ministro Paola Severino presenterà le nuove disposizioni del governo. Perchè l’Italia dei Valori già fa barricate contro la modifica del reato di concussione, di cui è accusato Silvio Berlusconi nel processo Ruby. E fa la voce tanto grossa, che il Partito democratico prova a ‘sminare’ il terreno dello scontro e allontanare da sè il sospetto di un ‘inciucio’, ritirando l’emendamento già presentato alla Camera proprio sulla riformulazione di quel reato.
– Non c’è alcun inciucio – assicura la capogruppo al Senato Anna Finocchiaro. Da tempo l’Ocse chiede infatti all’Italia di rivedere un reato, come la concussione, che non ha eguali in nessun altro Paese d’Europa. Perciò il Pd, spiega Finocchiaro all’unisono con la deputata Donatella Ferranti, aveva presentato sia al Senato che alla Camera la norma per cancellarlo e far ricadere i casi da esso attualmente coperti in parte nella estorsione, in parte nella corruzione. Non solo. Un emendamento in tal senso era stato presentato anche dall’Idv e, ricorda il democrat Andrea Orlando, ‘’l’Idv al Senato votò’’ a favore. E invece adesso che il governo, con il via libera di Bersani Alfano e Casini, lavora a un pacchetto di modifiche al ddl anti-corruzione, Antonio Di Pietro e i suoi annunciano barricate per evitare che ‘’l’inciucio’’ metta ‘’in salvo’’ il Cavaliere. E il leader Idv accusa la maggioranza di non avere ‘’la volontà di combattere veramente la corruzione’’.
– La riprova – sostiene – è ciò che è avvenuto a palazzo Chigi (nel vertice con Monti, ndr), dove quattro amici al bar hanno deciso, pur di sopravvivere politicamente, di limitare ulteriormente l’uso delle intercettazioni e cancellare la concussione.
Il Pd rispedisce le accuse al mittente e si ‘’rimette’’ alla proposta del governo.
– Comunque la voteremo – assicura Finocchiaro – sia con la norma che riformula la concussione, sia senza di essa.
Ma le polemiche vengono già messe in conto.

Condividi: