Lavoro, Napolitano: “Grave se non si arriva a un accordo”

Pubblicato il 19 marzo 2012 da redazione

ROMA – ‘’Penso che sarebbe grave la mancanza di un accordo cui le parti sociali diano solidalmente il loro contributo’’. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, parlando alla vigilia dell’incontro di oggi a palazzo Chigi sulla riforma del lavoro. Napolitano ha scambiato alcune battute con i giornalisti dopo aver partecipato, a Montecitorio, alla commemorazione di Marco Biagi.
– Mi aspetto – ha affermato parlando della trattativa – che anche le parti sociali mostrino di intendere che è il momento, come abbiamo detto facendo il bilancio dei 150 anni dell’unità nazionale, di far prevalere l’interesse generale su qualsiasi interesse e calcolo particolare. Lo richiedono le difficoltà del paese, i problemi che sono dinanzi al mondo del lavoro e delle giovani generazioni.
Ieri si sono sussgeuiti gli incontri, in attesa del super-vertice di oggi. Napolitano ha incontrato il presidente del Consiglio Mario Monti e il ministro del Welfare Elsa Fornero al Quirinale, poi in serata c’è stato un incontro tra la Fornero e i leader dei sindacati, ancora al lavoro per trovare un’intesa sull’articolo 18 da contrapporre alla proposta del governo.
Una linea comune, al momento di andare in stampa, non è ancora stata trovata. La proposta Cisl sui licenziamenti disciplinari da presentare all’esecutivo non ha trovato l’ok né della Cgil né della Uil. “Non c’è nessun documento condiviso” ha detto la leader della Cgil, Susanna Camusso.
A confermare come i sindacati non abbiano ancora una posizione unitaria è stato anche Giorgio Santini, segretario generale aggiunto Cisl. E’ “ancora aperta ma va risolta” la discussione tra Cgil, Cisl e Uil sui licenziamenti disciplinari e per motivi economici, ha detto ribadendo l’ipotesi di mediazione su cui la confederazione di via Po, con scarsi successi, ha tentato di coagulare il consenso di Cgil e Uil.
– Noi guardiamo ad un modello tedesco per cui sarebbe il giudice a decidere se reintegrare il lavoratore o indennizzarlo ma prevedendo la specificazione delle causali nei contratti sancendo ad esempio il diritto al reintegro nei casi più gravi di licenziamento disciplinare mentre per altri si potrebbe ottenere un indennizzo più alto. Noi comunque faremo di tutto perché si trovi il consenso.
Mentre il segretario Maurizio Landini ha avanzato al comitato centrale della Fiom la proposta di proclamare per oggi “almeno due ore di sciopero per dire che non siamo disposti ad accettare modifiche all’articolo 18’’. Uno sciopero da effettuarsi in tutti i luoghi di lavoro, con modalità decise dalle Rsu e dalle strutture territoriali, ritenendo “necessario che qualsiasi ipotesi di accordo dovesse essere raggiunta, sia approvata e sia sottoposta al voto referendario, vincolante, di tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori coinvolti’’.
– Credo con molta sincerità che una riforma raggiunta con il consenso delle parti sociali abbia un valore aggiunto che la stessa riforma senza quel consenso non avrebbe – ha detto il ministro Fornero. Il mio impegno è massimo perché si raggiunga un’intesa con le parti sociali.
Il ministro ha spiegato di capire ‘’che da parte del sindacato ci sia un attaccamento simbolico a regole e garanzie che fanno parte della sua storia. Ma le cose cambiano e nessuno vuole togliere in senso punitivo. Chiediamo un passo avanti per il Paese e i giovani’’.
Il ministro ha anche annunciato che il governo presenterà entro il prossimo 30 giugno un decreto legge per affrontare il problema dei lavoratori esodati.
– Capisco l’ansia da parte delle molte persone che hanno accettato di uscire dal lavoro, ma quelle procedure erano soluzioni troppo facili che scaricavano tutto sulla comunità.
Poi, a chi le chiedeva se il governo andrà avanti comunque sulla riforma dell’articolo 18 anche se al momento non c’è condivisione tra i sindacati su una proposta unitaria, Fornero ha risposto: “A lavorare sì, andiamo avanti a lavorare”, auspicando ‘’una posizione condivisa dei sindacati”.
Sul tema del lavoro ieri è intervenuto anche il presidente della Camera Gianfranco Fini. Bisogna ‘’uscire dalla logica della tutela del posto di lavoro per entrare in quella della tutela del lavoratore’’ sono state le parole di Fini, secondo il quale ‘’la politica, in tema relazioni industriali e di riforma del mercato del lavoro, non può solo limitarsi” a recepire le posizioni delle parti sociali, ma deve ‘’individuare le soluzioni adatte ai nostri tempi”.

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora