Monti: «Art. 18? vicenda chiusa. Deciderà l’Aula»

Pubblicato il 20 marzo 2012 da redazione

ROMA – ‘’Non avevamo alternative: per avere il sì della Cgil avremmo svuotato la riforma e perso il sostegno degli altri’’. Mario Monti, nel corso della lunga giornata che lo ha portato a ‘strappare’ con il sindacato di Susanna Camusso, lo ripete a tutti gli interlocutori, anche i più autorevoli.
– Altre strade – ripete – non c’erano.
Il premier tira dritto anche sul nodo delicatissimo dell’articolo 18: porterà la riforma del lavoro ‘’cruciale per la crescita e l’occupazione’’ in Parlamento senza un’intesa preventiva con le parti sociali. Persuaso di poter convincere i partiti a sostenerlo, nonostante il niet del primo sindacato italiano metta in seria difficoltà il Pd di Pier Luigi Bersani.
Assensi e dissensi, chiarisce il capo del governo, saranno semplicemente ‘’verbalizzati’’. Non ci sarà nessun accordo firmato. A decidere, chiarisce con tono perentorio, sarà il Parlamento, giudice sovrano e unico vero interlocutore dell’Esecutivo. Perchè il dialogo è importante, ma è venuto il tempo di mandare in soffitta i ‘’veti’’ di questo o quel sindacato e con essi la ‘’cultura consociativa’’ che scaricava il costo delle intese sulla collettività.
Il premier è ancora più perentorio: sull’articolo 18, quello che non va giù alla Cgil, la partita è ‘’chiusa’’, non ci saranno ulteriori trattative. Monti è convinto di aver fatto il massimo. Lo dice anche a Giorgio Napolitano, nella telefonata ricevuta proprio mentre è davanti ai giornalisti.
– L’ho informato del buone esito della trattativa – scandisce il professore.
Al Quirinale si erano raccomandatati con il governo di fare di tutto per chiudere con l’intesa di tutti. Ma Monti ripete che non era possibile: il ‘no’ della Camusso era insormontabile. Certo, in pubblico parla di ‘’consenso di massima’’ sulla riforma e limita lo scontento della Camusso al solo articolo 18. In realtà tutti chiedono piccole modifiche, piccoli ritocchi. Ma nessuno, tranne la Cgil, boccia la sua proposta. E così la linea, salvo possibili miglioramenti, è quella di toccare il meno possibile. Lo dice lui stesso: la partita con le parti sociali è sostanzialmente archiviata.
Il pacchetto è fatto e modificarlo sarebbe pericoloso. Certo, qualche concessione ci potrà essere in Parlamento, come avvenuto su altre misure. Ma molto dipenderà dallo strumento legislativo che il governo deciderà di usare. Su questo, si ragiona, la scelta fra decreto legge e legge delega, o ddl sarà presa di intesa con il capo dello Stato, ma l’obiettivo è e resta fare il prima possibile. Lo dice chiaramente il ministro Fornero, alla quale Monti non risparmia elogi intestandole per intero il merito della riforma. Ma lo chiarisce lui stesso, spiegando di aver voluto chiudere il confronto prima del viaggio in Asia. Perchè solo così potrà avere un’arma in più per convincere gli investitori stranieri a puntare sull’Italia. Eccolo un altro motivo che lo ha spinto a forzare la mano, spronando – insieme a Vittorio Grilli – Elsa Fornero anche quando il ministro avrebbe preferito trattare di più.
Monti, invece, ha vestito i panni del ‘falco’ insistendo sulla necessità di decidere con o senza l’assenso di tutti. Anche perchè, ha confidato a qualcuno, mercati e istituzioni internazionali avrebbero diffidato di una riforma che metteva tutti d’accordo.
Ciò non significa che non veda i rischi insiti nell’aver deciso di tirare dritto. Perchè ora le tensioni si rifletteranno sul Pd. Ecco perchè, ammette, il no della Cgil lo ‘’preoccupa’’. Ma non tanto da annacquare una riforma che, tra l’altro, toglie ogni ‘’alibi’’ alle imprese che superata la fase congiunturale negativa dovranno investire e assumere. Del resto già l’altra si era capito che i margini di dialogo erano strettissimi. Posizione confermata poi ieri: le sole concessioni fatte riguardano il delicatissimo tema dei licenziamenti disciplinari (lasciando la possibilità del reintegro). Espediente che consente di tenere al tavolo la Uil di Angeletti. Per il resto, il presidente del Consiglio alza un muro di cortese indifferenza davanti alle richieste sindacali. Ora però dovrà convincere il Parlamento che questa è davvero l’unica strada percorribile.

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora