Italia, cominciamo a puntare sui giovani?

Petrucci: “Le società facciano giocare i più giovani”
“Le società devono pensare ad investire sui giovani. Il ct della Under 21 Ferrara sta facendo miracoli, senza perdere, convocando giocatori di Lega Pro, ma quando mai si faceva in passato? I giovani bravi ci sono, vedi Borini. L’importante è che le società li facciano giocare”. Il presidente del Coni Gianni Petrucci, nel suo intervento alla tavola rotonda ‘I giovani al centro del movimento sportivo: progetti, esperienze, prospettive’, svoltosi presso l’università ‘Foro Italico’, ha ribadito l’importanza dei giovani nello sport, e in particolare, nel calcio. “A me piace la gestione della Roma – ha proseguito Petrucci- e mi piace il suo allenatore che difende i suoi giocatori e che, come Montella, ha stile e classe. Non servono fenomeni. Investire sui giovani vuol dire investire sul futuro”.

Baldini: ”Più strutture per i nostri ragazzi”
“Sono uno che vuole credere ciecamente alla politica dei giovani. Non si devono usare i giovani come un alibi se non ci sono i risultati, ma come un credo”. Lo ha detto il direttore generale della Roma, Franco Baldini, nel suo intervento alla tavola rotonda al ‘Foro Italico’. “E’ una cosa necessaria ed estremamente positiva e non declinerò da questo tipo di programma – ha aggiunto-, imparerò a considerare un prestito di un giocatore molto più costoso che non il costruire una struttura o ristrutturare una palestra per i nostri ragazzi che rimarrà per sempre della Roma. Mi chiedo cosa ha fatto la nostra generazione negli ultimi 20 anni. Mi impegnerò a ‘resettare’ il mio modo di pensare”. Il dirigente giallorosso ha poi ribadito la sua convinzione nel progetto Roma. “Quest’anno abbiamo puntato molto più sui giovani. Ci saremmo aspettati più comprensione dai media e dalle istituzioni, invece è stato più forte il supporto dai tifosi” ha sottolineato Baldini.

Berruto: “Uno sport con gli occhi dei bambini”
“Il modello Barcellona si dovrebbe imitare e trasferire non solo al calcio ma a tutti gli sport”. Lo ha detto il ct della nazionale azzurra di pallavolo, Mauro Berruto, intervenendo al convegno sui giovani.Il Barcellona – ha aggiunto Berruto – è riuscito a ‘’costruire atleti straordinariamente bravi in casa propria e li ha fatti diventare protagonisti. Per farlo bisogna tornare a guardare lo sport con gli occhi dei bambini’’ e farli muovere in contesti adatti a loro.