La tradizione dell’eleganza maschile di Sastreria Rasetta

CARACAS – Fin dagli anni ’50 il nome di Rasetta è stato sinonimo di eleganza maschile e buon gusto non solo in quel di Maracay, città sede della marca, ma in tutto il territorio nazionale tra quelli che affidano il proprio stile solo nelle mani di esperti artigiani dell’ago e filo, sarti per cui ogni vestito è un’opera d’arte.
Rasetta è un vero esempio di tradizione famigliare, che in 60 anni ha mantenuto fede ai principi del fondatore, unendo qualità e raffinatezza prima come Sastreria Di Martino y Hermanos D’Aloisio, poi come Sastreria Super Moderna, Rasetta Sastreria Super Moderna, fino al nome attuale di Rasetta.
In linea con la tradizione familiare, l’attuale direttore, Gerardo Rasetta, ingegnere di professione ma sarto per retaggio, ha voluto perfezionarsi prima presso la London College of Fashion dell’Università di Arte di Londra partecipando poi nel 2007 al Golden Shears Awards con i più noti sarti della Gran Bretagna, e poi impratichirsi delle tecniche per realizzare i modelli di vestiti da uomo nel Centro Studio Ligas di Torino.
Rasetta ha sempre potuto fare affidamento con l’appoggio di importanti imprese dell’industria della confezione maschile come Deuma, c.a., OMMCA, Travanti de Venezuela, Camiseria Romero e maestri sarti come Giovanni Donnaruma e Francisco Javier Atehortua, e così ha potuto scalare le più alte vette nel mondo dell’abbigliamento maschile anche grazie alle stoffe di prima qualità utilizzate nelle confezioni.
Ed in questi giorni, in occasione del Fashion Nacional presso il CIEC dell’Università Metropolitana, il pubblico potrà apprezzare i capi elaborati da Gerado Rasetta nello spazio “Venezuela viste de moda”, un’occasione unica per valutare le nuove tendenze della moda maschile.

Condividi: