MY WAY: Le due ruote e i quattro anelli

Pubblicato il 21 marzo 2012 da redazione

Quando cerchiamo di stabilire il valore di qualcosa, dobbiamo sempre circostanziarlo in un ambito relativo e misurabile. E’ fondamentale stabilire qual è l’unità di misura che scegliamo, per poter dare un valore ad un oggetto. Un anello con un diamante, ad esempio, ha un valore più alto di un anello d’argento, poiché le sue caratteristiche intrinseche fanno sì che il diamante sia il minerale con il più alto indice di durezza esistente al mondo. Può capitare, però, che se fosse chiesto ad una nonna di scambiare un semplice disegnino regalatole dalla nipotina con il più bello dei diamanti, probabilmente la donna rinuncerebbe a tale proposta. Questo perché il valore affettivo di quel semplice pezzo di carta ha un ‘peso’ maggiore, tanto da essere considerato un bene quasi inestimabile per l’anziana signora.
Lo stesso discorso vale per un contesto industriale, quando si cerca di valutare un’azienda. Certo, per questo esiste la Borsa, che stabilisce il valore di mercato di un’azienda, ma non è sempre così facile fare tale valutazione. Questo perché, il valore di una società è rappresentato non solo dal fatturato, da quanto vende, ma anche da fattori ‘intangibili’, che sono parte integrante del patrimonio di una società. Ad esempio, un’automobile Ferrari non ha valore solo perché ha un ottimo motore e un bel design, ma perché rappresenta un marchio che trasmette tutt’oggi quei valori di eccellenza, di qualità e di passione che furono tipici del suo omonimo fondatore modenese.
In queste settimane si parla tanto di un’importante questione che concerne il mondo dell’industria, amplificata dalla forte eco mediatica: la possibile acquisizione da parte della casa automobilistica tedesca Audi della storia azienda bolognese Ducati, produttrice di motociclette. Il fatto che si tratti di un marchio storico e mitico, che identifica l’universalmente famoso e lodato ‘Made in Italy’, ha sollevato polemiche sensate e non sull’argomento. Personalmente, non considero negativo un eventuale trasloco della Rossa da Borgo Panigale alla Germania, né per l’Italia, né per la Ducati stessa. A pensarci bene, la Fiat sta aumentando sempre di più la propria partecipazione nel colosso americano Chrysler e non credo che negli Stati Uniti stiano soffrendo per questo, tutt’altro: sono lieti di avere avuto una società in grado di rianimarla, conservando i posti di lavoro negli USA e facendo aumentare in un tempo relativamente breve le vendite. In sostanza resterà il marchio Chrysler come prima, solo che a guidare l’automobile ci sarà un manager abruzzese al posto di un americano: evidentemente, conoscendo il cinico pragmatismo a stelle e strisce, questo signore italo-canadese deve essere un buon pilota!
Il vero auspicio è che l’Italia continui a puntare sulle proprie eccellenze e, con ciò, cerco di spiegarmi meglio. I famosi e tanto apprezzati marchi italiani, da Ferrari ad Armani, da Ferrero alla Barilla, fino ad arrivare alle cravatte di Marinella sono, in realtà, il frutto della vera risorsa dell’Italia: quel bagaglio di arte, di storia, di cultura, di tradizione, di spirito d’abnegazione, che permette a tutto il ‘Made in Italy’ di primeggiare in materia di qualità, innovazione, originalità ed unicità: è questo che rende unico ed inimitabile il prodotto italiano. Da ciò deriva, questo sì, l’esigenza che in Italia si punti moltissimo sulla ricerca e sviluppo, sull’innovazione e sulla creatività, investendo in educazione, finanziando le scuole professionali, le università e la cultura in genere. Considero, infatti, che a parità di livello di educazione, un giovane italiano parta già con un grosso vantaggio, conferitogli dal Paese in cui cresce, ‘naturalmente’ così ricco di storia, di arte e di bellezza dal valore inestimabile, caratteristiche, queste, che contribuiscono in modo decisivo a dare quella maggiore competitività di cui tanto si parla al giorno d’oggi.
andreadevizio@hotmail.com
Twitter: @andreadevizio

Andrea De Vizio

  • pietro

    complimenti.Ho già scritto due commenti che non sono riuscito ad inviarti. Riprovo con un commento molto conciso.La parte morale iniziale è molto forte e ci invita a riflettere quanti al giorno d’oggi rinuncerebbero non dico al diamante ma ad una tangente per un pegno d’amore di un proprio caro?
    le nuove generazioni che insegnamenti ricevono dai nostri governanti?
    Ci offri tanti altri spunti di riflessione. Grazie

  • pietro

    Mi auguro, come dici, che lo stato investa sempre più in cultura e meritocrazia per evitare quella fuga di cervelli che sta diventando sempre più corposa e che ci sta impoverendo sempre più sia culturalmente che economicamente. La nostra nazione è ormai la più vecchia d’europa e senza le forze giovani non vi può essere crescita economica.Giusta la riflessione sugli USA ma ciò deriva non solo dal loro pragmatismo ma anche dalle forze giovani che la governano.Mi auguro di non dover fare riferimento sempre e solo a ciò che i nostri avi ci hanno tramandato ma confidare in un presente e futuro più geniale e MORALMENTE più consono ad un popolo che come dici ha un retaggio culturale unico al mondo.Confidiamo in un nuovo rinascimento.

Ultima ora

15:38Iran: Università Novara, ‘Djalali torturato per confessione’

(ANSA) - NOVARA, 18 DIC - "Ma quale confessione! E' stato torturato finché non ha dovuto dire quanto volevano i suoi carcerieri". Il professore Francesco Della Corte, direttore del Credim, il Centro di ricerca interdipartimentale in medicina dei disastri dell'Università del Piemonte Orientale per cui ha lavorato Ahmadreza Djalali, commenta così la confessione del ricercatore iraniano che in televisione ha sostenuto di essere una spia, l'accusa per cui è stato arrestato e condannato a morte. "Non è bastato che venisse condannato a morte dal Tribunale della Rivoluzione di Teheran per reati mai commessi - prosegue Della Corte - ora hanno voluto che pubblicamente si accusasse, in modo da avere una scusa, di fronte all'opinione pubblica, per poterlo uccidere".

15:37Pyeongchang: Fontana, Corea? Nel villaggio saremo protetti

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Per la situazione in Corea del Nord sono abbastanza tranquilla, perchè una volta entrati al villaggio olimpio saremo come in un bolla. Ci sentiremo, e saremo protetti, e saremo concentrati sulle gare. Quel che succede al di fuori, nei limiti, ci coinvolgerà relativamente". Arianna Fontana, portabandiera dell'Italia tra 53 giorni ai Giochi di PyeongChang, non si dice preoccupata per le tensioni internazionali caudate dalle minacce del regime di Pyeongyang. L'atleta, dopo aver ricevuto la bandiera al Quirinale dalle mani del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ribadito il suo dispiacere per il bando imposto dal Cio agli atleti russi per il doping: "Non bisogna fare di tutta l'erba un fascio. Ci sono molti atleti puliti che. Una ragazza russa che ho sentito - ha aggiunto - mi ha detto che sapranno solo a fine gennaio se potranno gareggiare. Mi dispiace, sono momenti non molto semplici".

15:36Turchia: 822 arresti per terrorismo in una settimana

(ANSA) - ISTANBUL, 18 DIC - Continuano in Turchia gli arresti di massa sotto lo stato d'emergenza post-golpe. Nell'ultima settimana, sono 822 le persone finite in manette con accuse di terrorismo. Lo rende noto il ministero degli Interni. La maggior parte (575) è sospettata di legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. Altre 148 sono state arrestate per supposti collegamenti con il Pkk curdo. Nelle operazioni contro il Pkk sono inoltre stati "neutralizzati" 28 combattenti, 9 dei quali uccisi. Detenuti anche 75 sospetti affiliati all'Isis e 24 a gruppi illegali di estrema sinistra. Dal tentato putsch dello scorso anno, in Turchia gli arresti per presunti reati di terrorismo sono più di 50 mila.

15:32Germania: Schulz chiede ministero finanze, Merkel frena

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I media tedeschi affermano che Martin Schulz rivendicherebbe il ministero delle finanze per l'Spd, nel caso in cui si arrivasse a un governo di Grosse Koalition. Ma Angela Merkel, sollecitata in materia, frena. "Parlare di una distribuzione dei ministeri, non avendo ancora neppure la certezza di costruire insieme un governo, non mi sembra la sequenza giusta", ha affermato, rispondendo alle domande dei giornalisti, in conferenza stampa, rispetto a possibili desiderata dei socialdemocratici. È stato il giornale economico Handelsblatt a scrivere oggi, in prima pagina, che il leader dei socialdemocratici vorrebbe per il suo partito il ministero delle finanze.

15:25Calcio: Coppa Italia, Pasqua arbitra Napoli-Udinese

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Questi gli arbitri, gli assistenti, i IV Ufficiali, i Var e gli assistenti Var per le partite valide per gli ottavi di finale di Coppa Italia in programma da domani: Napoli-Udinese (19/12 ore 21): Pasqua di Tivoli Mondin-Bellutti/Di Paolo/Pairetto-Fiorito); Atalanta-Sassuolo (20/12 h.15): Ghersini di Genova (Rocca-La Notte/Minelli/Giacomelli-Ranghetti); Roma-Torino (20/12 ore 17.30): Calvarese di Teramo(Paganessi-Prenna/Abbattista/Banti-Di Vuolo); Juventus-Genoa (20/12 ore 20.45): Maresca di Napoli (La Rocca-Bindoni/Marini/Mariani-Alassio).

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

Archivio Ultima ora