Camusso: «La partita non è chiusa Ora sciopero generale»

Pubblicato il 21 marzo 2012 da redazione

ROMA – Dieci anni fa (il 23 marzo del 2002) la Cgil di Sergio Cofferati riempiva il Circo Massimo in difesa dell’articolo 18. Oggi la Cgil di Susanna Camusso si prepara a scendere di nuovo in piazza perchè, dice, ‘’per noi l’articolo 18 è uno strumento fondamentale per la difesa dei lavoratori’’. Assicura battaglia, ma si appella anche al Parlamento perchè ‘’intervenga’’ per modificare la riforma sul mercato del lavoro, a partire proprio dall’articolo 18.
– Il governo sostiene che la partita è chiusa – dice Camusso riferendosi alle parole del premier Mario Monti – ma deve essere chiaro che per noi la partita non è chiusa.
Proprio all’indomani dell’ultimo tavolo a Palazzo Chigi, la Cgil riunisce per l’intera giornata il direttivo per fare una valutazione delle norme proposte dal governo e proclama un pacchetto di 16 ore di sciopero, di cui 8 ore per assemblee nei luoghi di lavoro e 8 ore per lo sciopero generale con manifestazioni territoriali. La data non è ancora decisa.
– La individueremo quando conosceremo l’iter parlamentare – spiega Camusso nel corso di una conferenza stampa indetta durante una pausa dei lavori del parlamentino di Corso d’Italia, conclusosi con l’approvazione del documento con 95 voti a favore, 2 contrari e 13 astenuti (che rispecchia la minoranza interna).
La Cgil promette una mobilitazione che sarà ‘’dura e articolata’’ che punta a ‘’portare a casa dei risultati’’ durante il dibattito parlamentare ‘’prima che si avvii un biennio di espulsioni di massa nelle aziende’’, afferma il segretario confederale Fulvio Fammoni, aprendo la riunione del direttivo questa mattina.
Dura la Fiom. Il segretario generale delle tute blu della Cgil, Maurizio Landini, parla di ‘’una follia, che cancella l’articolo 18’’. In una riforma del mercato del lavoro che ‘’non riduce la precarietà, non estende gli ammortizzatori ma rende solo più facili i licenziamenti.
– La contrasteremo con ogni mezzo, con ogni forma di protesta democratica, nelle fabbriche e nel Paese – assicura.
Ieri molte aziende metalmeccaniche – riferisce il sindacato – si sono già fermate per le due ore di sciopero già proclamate dalla Fiom in difesa dell’articolo 18. Il leader della Cgil precisa che un ‘’giudizio più articolato e preciso’’ sull’intera riforma ‘’lo daremo quando, prima o poi, saremo in possesso di tutti i testi’’. Ma, intanto, sostiene che ‘’siamo di fronte ad un governo che scarica sui lavoratori e pensionati tutti i veri costi delle operazioni che vengono fatte’’. E ‘’non ha attenzione alla coesione sociale’’.
Questo pomeriggio ci sarà l’incontro conclusivo per la stesura dei testi e per verbalizzare le varie posizioni. Appuntamento al quale si ritroveranno nuovamente tutte le nove sigle delle organizzazioni sindacali e datoriali, con i rispettivi leader, a confronto con il ministro del Lavoro, Elsa Fornero. Appuntamento a cui arriverà il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, già con il nome del suo successore che verrà designato in mattinata.

Sale lo scontro sulla riforma
ROMA – Attenzione e misura. Per valutare una riforma che non è ‘’solo l’articolo 18’’ e che necessariamente deve comportare dei sacrifici per tutti, visto che ‘’le risorse sono e saranno limitate’’. Nel giorno in cui si infiamma la polemica politica e i sindacati riuniscono i propri vertici sulla proposta del governo per la riforma del lavoro, dal Presidente della Repubblica arriva un richiamo alla moderazione, e un invito a tutti, governo in primis, a prendersi le proprie responsabilità. Invito che non spegne però la ‘rabbia’ della Cgil che, fa sapere, considera la partita tutt’altro che chiusa.
Ma nemmeno in casa Uil sono soddisfatti dell’esito di una ‘’trattativa anomala’’, come l’ha definita il segretario generale Luigi Angeletti, che avrà bisogno ancora di modifiche per ottenere un giudizio positivo. E lo stesso leader della Cisl Raffaele Bonanni, più ‘conciliante’ rispetto alla posizione del governo, ammette che sui licenziamenti si è arrivati sì a una ‘’mediazione ragionevole’’ ma che la soluzione è un ‘’compromesso’’ che ‘’può essere migliorato’’. Mentre dall’Ugl – come ribadisce il segretario Giovanni Centrella – arriva un ‘’sì sofferto’’.
Dalle ‘opposizioni’, dalle quali nessuno certo si aspettava sostegno all’esecutivo, arriva una bocciatura della riforma, con Bossi che chiarisce che ‘’ogni cosa che fa il governo Monti è sbagliata’’ e l’Idv che si spinge già a minacciare ‘’il Vietnam parlamentare’’. Ma anche dallo stesso Pd, pur diviso, dopo lo sfogo di Bersani (questo ‘’non si può chiamare accordo’’), arrivano prima l’avviso di Rosy Bindi (‘’il governo va avanti se rispetta la maggioranza’’) e poi, un po’ a sorpresa, anche il monito di Massimo D’Alema, che bolla il testo sui licenziamenti come ‘’pericoloso e confuso’’.
A poche ore dal tavolo ‘’decisivo’’ per la scrittura del ‘verbale’ stilato nella lunga riunione dell’altra sera a Palazzo Chigi, insomma, il clima è tutt’altro che sereno. E a complicare ulteriormente il quadro arriva inizialmente anche una valutazione della Funzione Pubblica che, pur chiarendo che bisognerà attendere ‘’l’esito della definizione del testo’’ per vedere ‘’gli effetti’’ che la riforma potrebbe avere ‘’sugli statali’’, ha prospettato però l’ipotesi che le nuove norme sui licenziamenti si applichino anche per la Pubblica Amministrazione, visto che anche ai lavoratori pubblici si applica lo Statuto dei lavoratori. Un’ipotesi, bocciata dai sindacati e chiarita dal ministero che ha spiegato che le modifiche all’art.18 contenute nella riforma del mercato del lavoro ‘’non riguarderanno gli statali’’.

Ultima ora

12:18Scherma: Arianna Errigo 2/a nella sciabola in cdm a Cancun

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una fiorettista sul podio della sciabola. E' accaduto sulle pedane messicane di Cancun dove Arianna Errigo, che col fioretto in mano ha conquistato sin qui un argento olimpico individuale ed un oro a squadre, due volte campionessa del Mondo, due volte campionessa europea, vincitrice di sedici prove di Coppa del Mondo, è finita seconda al termine del Grand Prix FIE. A fermare la scalata dell'azzurra verso il gradino più alto è stata solo l'ucraina Olga Kharlan che ha fermato l'azzurra 15-6.

12:13Bomba devasta negozio a pochi giorni da inaugurazione

(ANSA) - NICOTERA (VIBO VALENTIA), 17 DIC - Una bomba ha devastato la notte scorsa, a Nicotera, il negozio "Splendidi e Splendenti" la cui inaugurazione era attesa a giorni. L'attività commerciale presa di mira con un ordigno, fatto esplodere intorno alle 4.15, è situata nel centro storico del paese. Ingenti i danni, ancora in corso di quantificazione. Sul posto, per spegnere l'incendio seguito alla deflagrazione, sono intervenuti i vigili del fuoco. Le indagini sull'accaduto sono state avviate dai carabinieri. Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi. Quella predominante è che si sia trattato di un avvertimento preventivo che alza il livello di attenzione e di preoccupazione nella zona feudo del clan di 'ndrangheta dei Mancuso. (ANSA).

12:08Auto: San Marino festeggia i 50 anni della Fams

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Una serata ricca di emozione e grande partecipazione. Così è stato il Gala della FAMS che ha festeggiato a Palazzo Kursaal a San Marino, i suoi 50 anni di attività. Tra le massime autorità della Repubblica erano presenti il segretario di Stato allo Sport Marco Podeschi e il presidente del CONS, Comitato Olimpico Sammarinese, Gian Primo Giardi. Tantissimi i campioni delle quattro ruote e tanti i personaggi che sono stati premiati perché, a vario titolo, hanno contribuito al successo della Federazione Auto Motoristica Sammarinese in questo ultimo mezzo secolo. Gradito e sentito il videomessaggio, proiettato in sala, inviato da Jean Todt, presidente FIA nonché presidente onorario della FAMS e ambasciatore della Repubblica di San Marino, a testimonianza della sua grande vicinanza a San Marino e alla FAMS.

12:05Sci: Hirscher in testa gigante Badia, azzurri indietro

(ANSA) - ALTA BADIA (BOLZANO), 16 DIC - Il campione austriaco Marcel Hirscher in 1.12.15 e' al comando dopo la prima manche dello slalom gigante di cdm di Alta Badia sula classica pista Gran Risa. Hirscher ha vinto in serie le ultime quattro edizioni di questa gara eguagliando i successi sulla Gran Risa di Alberto Tomba. Secondo tempo per il norvegese Henrik Kristoffersen in 1.12.32 e terzo a sorpresa lo sloveno Zan Kranjec in 1.12.48. Miglior azzurro, dopo la prova dei primi trenta migliori atleti, e' il trentino Luca De Aliprandini 10/o in 1.13.30 e autore di una ottima manche rovinata pero' da un grave errore quando con la spalla destra e' finito dentro la quarta porta. Poi vi sono Riccardo Tonetti al momento 13/o in 1.13.52, Manfred Moelgg in 1.13.70, Roberto Nani in 1.13.99 e Florian Eisath in 1.14.13. e

12:04Pakistan: Quetta, attacco a chiesa, saliti a 7 i morti

(ANSA) - ISLAMABAD, 17 DIC - Almeno sette persone sono morte e altre 25 sono rimaste ferite oggi in seguito a un attacco di un commando di quattro kamikaze contro la chiesa metodista Bethel Memorial a Quetta, nella provincia pachistana di Balochistan. Fonti delle forze di sicurezza hanno indicato che al momento dell'attacco all'interno dell'edificio di culto c'erano almeno 400 persone che seguivano il servizio religioso domenicale. Dei quattro kamikaze, due sono morti e altri due sono riusciti a fuggire prima dell'arrivo delle forze speciali pachistane. Secondo il ministro dell'Interno del Balochistan, Mir Sarfraz Bugti i militanti, pesantemente armati, hanno tentato di prendere ostaggi all'interno della chiesa, ma non ci sono riusciti. Per il momento nessun gruppo ha rivendicato l'operazione terroristica.

11:09Brexit: sondaggio, ‘no’ in vantaggio record di 10 punti

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - I sudditi di Sua Maestà sembrano far marcia indietro sulla Brexit. Il 51% degli elettori britannici si dice ora contrario all'addio all'Ue contro il 41% che voterebbe di nuovo per il divorzio: il distacco di 10 punti e' il più grande mai registrato dal referendum del 23 giugno 2016. E' quanto emerge da un sondaggio esclusivo commissionato dal quotidiano britannico The Independent alla società demoscopica BMG Research.

08:45Honduras: sorella presidente morta in incidente elicottero

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 17 DIC - Hilda Hernandez, sorella del presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez, è morta, con altre cinque persone, in un incidente di elicottero, schiantatosi su una montagna vicino alla capitale Tegucigalpa. La donna, 51 anni, era addetta alle comunicazioni per il fratello, ed era stata ministro dello sviluppo sociale durante la precedente amministrazione dell'allora presidente Porfirio Lobo. L' elicottero militare trasportava Hernandez, quattro membri della sua scorta e un pilota. Era decollato dall'aeroporto internazionale di Tegucigalpa alla volta della sua residenza a Comayagua, 60 chilometri dalla capitale. Poco dopo, l'aeronautica ha dato il velivolo per disperso. I resti dell'elicottero sono stati poi trovati sulle montagne vicine a Tegucigalpa, senza sopravvissuti. Hernandez è coinvolto in una disputa sulle elezioni presidenziali in cui ha conquistato il 43% dei voti contro il 41,4% del candidato di opposizione Salvador Nasralla. Il vincitore non è stato ancora proclamato ufficialmente.

Archivio Ultima ora