La Ferrari omaggia il tifoso Sic: “Sempre con noi”

ROMA – “Correre a Sepang è adesso più difficile per tutti”. Il pilota della Ferrari Fernando Alonso ricorda così, tramite Twitter, il suo ‘tifoso particolare’ Marco Simoncelli che ha perso la vita sulla pista di Sepang il 23 ottobre dello scorso anno, alla Curva 11. E ieri proprio sul circuito malese si sono recati i piloti della Ferrari, quindi anche Massa, in occasione del Gran premio che comincerà oggi con le prove libere. Erano presenti anche i fisioterapisti Matteo Orsi ed Edoardo Bendinelli e Massimo Rivola, Massimo Balocchi e Roberta Vallorosi, tutti in rappresentanza di tutta la Scuderia Ferrari di cui il ‘Sic’ era un grande tifoso. Alonso e Massa hanno portato una tavola da segnalazione pit-board con un messaggio dedicato al pilota del team Gresini: “Sic, sempre con noi”. “Non sarà più la stessa cosa: tornare qui d’ora in poi farà sempre pensare a Marco – ha spiegato Alonso -. Penso che la famiglia Ferrari e tutti gli italiani che amano lo sport e il motociclismo lo ricorderanno per sempre. La sua morte è stata una di quelle cose che non ti saresti mai aspettato, ed un momento molto triste che mi ha lasciato con brutti pensieri per alcuni giorni, con una grande tristezza ed un senso di impotenza. Marco lo ricorderemo sempre e sarà sempre un eroe per tutti noi”. Alonso aveva voluto rendere omaggio a Simoncelli anche in occasione del Wroom 2012 a Madonna di Campiglio, quando aveva voluto farsi fotografare con in testa una parrucca di riccioli per ricordare il ‘Sic’. Anche Massa ha detto la sua: “abbiamo voluto andare alla Curva 11 per fare un gesto che ricordasse Marco – è stato il commento del brasiliano -. Credo che fosse il minimo che potessimo fare per lui, per la sua famiglia e per tutti i suoi tifosi. Credo che tutti questo fine settimana correranno col pensiero a Sic”.

Alonso: “Spero nella pioggia”
“In Malesia, con una gara normale, potremmo concludere più indietro rispetto all’Australia, ma se fosse una gara strana, magari con la pioggia, allora potremmo anche finire davanti”.