Sciopero a Maggio. Camusso: «Monti ha creato ansia»

Pubblicato il 25 marzo 2012 da redazione

ROMA – Il governo dei professori ha commesso il primo ‘’errore’’, quasi una nemesi per dei tecnici: politicizzare il dibattito, ormai a livello di scontro, sull’art.18. Un errore che il segretario della Cgil Susanna Camusso ha sottolineato oggi ai microfoni di ‘’In mezz’ora’’ e Guglielmo Loy, braccio destro di Angeletti nelle trattative, ha sottoscritto qualche ora dopo.
– Con la sua intransigenza a non voler trattare con i sindacati sull’art.18, Monti ha generato ansia fra i lavoratori che ora pensano vi sia dell’accanimento – ha detto il leader Cgil che non ha nascosto la possibilità di uno sciopero generale nel momento più caldo dell’iter parlamentare, cioè a fine maggio, poco dopo le amministrative.
– Il Governo ha commesso l’errore di voler politicizzare il dibattito sull’art. 18, di aver caricato di un significato improprio uno dei tanti sistemi di tutela del lavoro e adesso si rischia il suk – aggiunge Guglielmo Loy che teme un lungo iter parlamentare ben oltre l’estate. Il rischio dei tempi parlamentari preoccupano anche il segretario della Cisl Raffaele Bonanni che vorrebbe chiudere la partita della riforma prima dell’estate.
– Bisogna farlo, se Monti non lo fa perde la faccia – dice a Domenica In.
Un percorso parlamentare che, vista la pausa per le amministrative, entrerà nel vivo a maggio quando la Cgil si prepara a proclamare lo sciopero generale.
– Accompagneremo il percorso parlamentare e lo sciopero quindi potrebbe arrivare anche a maggio -dice il leader Cgil incalzato da Lucia Annunziata. E soffia vento di sciopero anche in casa Uil.
– Non escludiamo lo sciopero – ha detto oggi Rocco Palombella segretario generale dei metalmeccanici (Uilm) che mercoledì riunisce il direttivo e in quella sede potrebbe anche arrivare chiedere ad Angeletti di indire lo sciopero generale o decidere lo sciopero di categoria. Una scelta che il segretario generale ha detto di ‘’comprendere’’. Il Parlamento dovrebbe riuscire ad uscire dalla stretta ‘’fra tra gli estremismi, da una parte e dall’altra che non favoriscono una soluzione onorevole’’. Tanto più che, a parere di Bonanni, ‘’l’unica cosa da cambiare’’ è la parte della modifica all’art.18 che rischia di far ‘’transitare attraverso il licenziamento economico altri tipi di licenziamenti’’.
Insomma ripristinare il famoso modello tedesco che chiedevano i sindacati nella loro proposta unitaria poi sparita dal tavolo della trattativa come ha raccontato oggi Camusso.
– Doveva iniziare l’ultima settimana di trattativa – ha detto ad Annunziata – quando il premier Monti si è presentato al tavolo con le parti sociali dicendo che quello era l’ultimo incontro. A quel punto il testo di proposta sull’art. 18 preparato unitariamente dai sindacati è sparito dal tavolo e io mi sono ritrovata a difenderlo da sola.
Mentre i sindacati hanno potuto leggere il testo della riforma approntato dal governo solo grazie a Confindustria che gliene ha girata una copia.

Ultima ora

19:11Studi a rischio per figli teste giustizia, programma mirato

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 16 DIC - Due giovani studenti, impossibilitati a frequentare le lezioni perché figli di un testimone di giustizia e a rischio di perdere l'anno scolastico, hanno seguito un programma mirato di formazione che alterna lezioni domiciliari ad attività didattiche a distanza. E' la soluzione - resa nota dalla Prefettura di Reggio Calabria - trovata grazie alle sinergie istituzionali che si sono attivate dopo la segnalazione di un sacerdote. Le linee guida operative obbligano all'adozione di rigide misure di sicurezza, per cui gli studi dei due ragazzi erano a rischio. Dopo la segnalazione ricevuta l'istituto scolastico reggino e l'Ufficio scolastico provinciale, è stato avviato un dialogo per individuare le più idonee soluzioni per garantire le esigenze di protezione con quelle del diritto allo studio ed alla formazione. "Le buone prassi devono diventare la regola: anche per questo è importante che il Senato approvi definitivamente la riforma sui testimoni di giustizia, commenta il deputato Pd Davide Mattiello.

19:05Trasferimento beni: giudizio immediato per Massimo Nicoletti

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Richiesta di giudizio immediato della Procura di Roma per Massimo Nicoletti, figlio di Enrico, quest'ultimo ritenuto dagli inquirenti l'ex cassiere della banda della Magliana. Il pm Luca Tescaroli gli contesta l'accusa di trasferimento fraudolento di beni finalizzato ad eludere la normativa antimafia in materia di misure di prevenzione patrimoniale. La richiesta di immediato è estesa anche a Mario Mattei, considerato un prestanome di Nicoletti. Il gip Flavia Costantini ha fissato la data del 14 febbraio prossimo per l'esame della richiesta. I due imputati avranno facoltà di chiedere di essere giudicati con il rito abbreviato.

18:50Calcio: Serie B, vincono Palermo e Bari

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Palermo batte la Ternana e conserva il primo posto nella classifica di serie B dopo 19 giornate, inseguito a tre punti dal Bari, vittorioso a Perugia. Il Cesena frena il Parma, che scivola al terzo posto accanto al Frosinone, che a sua volta pareggia, a Carpi. Un punto a testa anche per Empoli e Cremonese. Risultati: Foggia-Venezia 2-2 (ieri); Avellino-Ascoli 1-1; Carpi-Frosinone 1-1; Cremonese-Empoli 1-1; Entella-Salernitana 0-2; Palermo-Ternana 1-0; Parma-Cesena 0-0; Perugia-Bari 1-3; Pro Vercelli-Spezia 0-2. Domani si giocano Brescia-Cittadella e Pescara-Novara.

18:45Corea Nord: ‘ha hackerato milioni Bitcoin’

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - L'intelligence sudcoreana è convinta che ci sia Pyongyang dietro gli attacchi hacker alle criptovalute, in particolare Bitcoin, e che Pyongyang abbia così accumulato milioni in valuta virtuale. Lo riferisce la Bbc. Almeno 7 milioni di dollari sono stati rubati, oggi hanno un valore decuplicato di 82,7 milioni. Inoltre, gli hacker si sono impadroniti dei dati personali di almeno 30.000 persone. Secondo gli esperti, l'obiettivo dell'attacco è quello di evadere le sanzioni fiscali a cui è sottoposto la Corea del Nord. Da tempo si sospetta che Kim Jong-un abbia accumulato un presunto tesoretto di Bitcoin da usare contro le pesanti sanzioni imposte al Paese.

18:38Pd: lascia “millennial” Vichi, aveva picchiato arbitro

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Siccome "ho sempre messo davanti il bene del partito rispetto al destino personale, decido di compiere un gesto di responsabilità dimettendomi da componente della Direzione Nazionale con la promessa che il mio impegno nel Pd e nei Giovani Democratici prosegue con generosità e altruismo". Così Gianluca Vichi, il giovane "millennial" cooptato nella segreteria nazionale del Pd annuncia il suo passo indietro dopo il "gesto brutto che ho commesso in un campo di calcio" nelle Marche "durante una partita di calcio". Vichi infatti, durante l'incontro, aveva dato una ginocchiata all'arbitro.

18:30Calcio: serie A, Inter-Udinese 1-3

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - L'Inter cade in casa, prima sconfitta del campionato, nel primo anticipo della 17/a giornata di serie A, battuta 3-1 dall'Udinese. La squadra bianconera è andata in vantaggio al 14' con Lasagna, ma dopo solo due minuti Icardi (17 reti in campionato) ha pareggiato. L'Inter non è riuscita a completare la rimonta e a inizio ripresa è avvenuto l'episodio forse decisivo, con intervento della Var: su cross di Widmer la palla ha impattato sul braccio aperto di Santon in area, ma l'arbitro Mariani ha dato rimessa dal fondo prima di cambiare idea grazie al video. Accertatosi che il pallone non era uscito, ha concesso il rigore, trasformato da De Paul al 16'. Al 25', terzo gol dell'Udinese su contropiede finalizzato da Barak e l'Inter non è riuscita a reagire.

18:22Migranti: Libia, almeno 270 salvati da Guardia costiera

(ANSA) - TRIPOLI, 16 DIC - La Guardia costiera libica ha tratto in salvo almeno 270 migranti al largo delle coste del Paese nordafricano. L'ufficiale della Marina libica el-Hadi Kheil ha precisato che i migranti arabi e africani, tra cui sono presenti anche donne e bambini, sono stati portati ad una base della Marina a Tripoli. "Ci siamo persi e non sapevamo dove dirigere la nostra imbarcazione - ha spiegato Omar Yusef, sudanese -. Abbiamo chiamato la Guardia costiera. Un elicottero è arrivato e ci ha guidato".

Archivio Ultima ora