Vittoria all’ultimo respito per i biancocelesti

Pubblicato il 25 marzo 2012 da redazione

ROMA – All’ultimo assalto la Lazio ritrova vittoria e strada per la Champions. E’ il 43’ della ripresa quando Modibo Diakité (secondo centro in serie A), di testa sbuca alle spalle di tutti ed infila Agazzi.
La squadra di Edy Reja resta aggrappata al terzo posto ed aggiunge tre punti importantissimi in classifica, dopo i ko con Bologna e Catania. Anzi, incrementa il vantaggio sul Napoli, fermato sul 2-2 dai siciliani, e sull’Udinese, sabato sera 1-1 a Palermo. E’ obbligatorio raccontare dalla fine questi 90 minuti, perché le emozioni sono tutte sui titoli di coda. Compreso il palo colpito da Candreva al 49’ ed il doppio miracolo di Marchetti un minuto prima, per respingere il tiro di Ekdal e poi fermare il tentativo di tap-in di Astori. Un doppio intervento che vale come un gol dell’ex ed almeno quanto la rete di Diakité, per impegno e generosità il migliore in campo già prima di andare a segno.
Primo tempo a impatto emotivo zero. Complice forse il clima decisamente primaverile, in campo mancano solo coperte e cestini delle vivande per imbandire un picnic sul prato dell’Olimpico. E’ subito evidente (e comprensibile) che al Cagliari il punto iniziale va più che bene.
La squadra di Massimo Ficcadenti si difende in 11 ed attacca in due (Pinilla e Ibarbo, con la sporadica comparsata di qualche centrocampista). Ci si aspetta che sia la Lazio a fare la partita, pungolata dal desiderio di tornare a vincere dopo il blackout seguito al derby. Invece, dopo una trentina di minuti, Rocchi e compagni sembrano aver già esaurito la benzina, soprattutto con Hernanes e Ledesma. E finiscono per adattarsi al tran-tran macinato dal Cagliari, che non ha motivo per esporsi ad inutili rischi. Difficile spiegare ai 20.000 tifosi presenti tanta rilassatezza, ed infatti al rientro negli spogliatoi piovono meritati fischi. A sopire le già scarse emozioni, contribuisce l’arbitro, Sebastiano Peruzzo, ignorando un’uscita a valanga di Marchetti su Ibarbo (22’), fortemente a rischio rigore. Stesso trattamento per lo spintone in area a quattro mani (Ariaudo-Astori) sulla schiena di Rocchi (41’). Serve la scossa e Reja (squalificato, siede in tribuna al fianco del presidente Lotito) ordina il cambio al suo vice, Giovanni Lopez. Mauri (nemmeno uno dei peggiori) non rientra.
La Lazio si affida ai centimetri di Kozak. Si passa al 4-3-1-2. Peccato che di cross per la testa del gigante non ne arrivino. Si continua a macinare scambi stretti a centrocampo, ignorando le fasce. Rocchi prova ad impensierire Agazzi al 4’, ma la parata non è impegnativa. Escono Ibarbo (vittima di brutti fischi dalla Nord) per Ribeiro nel Cagliari e Rocchi per Alfaro nella Lazio.
Il cielo prima azzurro improvvisamente si rabbuia, piovono lampi e fulmini, ma in campo lo spettacolo resta a basso contenuto di emozioni. Alfaro si fa notare al 30’, servito da Konko, quando una sua girata impegna Agazzi a terra. Il Cagliari non ci prova nemmeno più, ormai sente la meta vicina e rinuncia anche al poco che aveva fatto vedere fin lì. Al 35’ finalmente esce un Hernanes mai in partita. Entra Candreva. Il Napoli sta vincendo, il terzo posto è ormai perso. Invece, in una manciata di minuti, cambia tutto. Prima Diakité la butta dentro, poi il Catania pareggia. I punti di vantaggio sui partenopei diventano tre. La corsa per la Champions ha ritrovato una protagonista.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora