Guerra elenca procedure Inps-Citybank Garavini (Pd): “Non funzionano”

Pubblicato il 26 marzo 2012 da redazione

ROMA – Per verificare l’esistenza in vita dei pensionati italiani all’estero, Citibank ha avviato e, in corso d’opera, modificato le procedure di accertamento per “ovviare ai disagi” dei connazionali. Questo quanto sostenuto dal sottosegretario per il lavoro e le politiche sociali, Maria Cecilia Guerra, che a Montecitorio ha risposto all’interpellanza urgente di Laura Garavini, (Pd-Europa), che ha ringraziato il sottosegretario e il Governo per la disponibilità a seguire da vicino la situazione, ma che ha sottolineato come le misure “non siano sufficienti” e stiano portando ad un “peggioramento della situazione”.
Garavini ha ricordato che la questione riguarda “circa 400 mila con nazionali pensionati”, cui nel 2011 è stata richiesta per due volte la certificazione dell’esistenza in vita, con misure, per quanto riguarda Citibank, “talmente complesse che addirittura funzionari dei consolati italiani hanno espresso perplessità sulla correttezza di tali richieste”. Garavini ha spiegato che anche chi ha adempiuto alle richieste Citibank si è visto sospendere la pensione “in modo del tutto arbitrario”.
Guerra ha svolto un articolato intervento in cui, però, si è limitata ad elencare le procedure attuate dalla banca e i “correttivi” decisi in corso d’opera, quando sono emerse le prime evidenti difficoltà. Il tutto, ha sottolineato Guerra, con l’Inps in “costante contatto” con Citibank “per sollecitare l’adozione di modalità esecutive delle verifiche che siano in grado di contemperare la certezza dei pagamenti da parte della banca con quella del diritto del pensionato ad un servizio efficiente, senza che sul medesimo gravi un onere probatorio particolarmente impegnativo”. Citibank “ha predisposto diversi sistemi di accertamento basati sulla richiesta di attestazione del pensionato avallate da “testimoni attendibili”, cioè autorità legittimate a ciò (sia rappresentanze diplomatiche italiane che autorità locali); sulla richiesta di certificati di esistenza in vita; sulla localizzazione di una rata di pensione presso sportelli di un operatore locale (partner di appoggio) per le riscossione personale da parte del pensionato”.
Il sottosegretario ha ricordato che tenuto conto che il servizio di pagamento viene svolto in più di 120 Paesi, con prassi giuridiche, amministrative, finanziarie differenziate, la gestione del servizio è caratterizzata da peculiari elementi che incidono sulla qualità della comunicazione, richiedendo capacità di ascolto e monitoraggio delle iniziative”. A monitorare è soprattutto l’Inps “attraverso l’analisi delle segnalazioni che pervengono dai pensionati, attraverso le indicazioni dei consolati e dai patronati”.
Alle difficoltà lamentate dai pensionati, sollecitato dall’Inps, Citibank ha proposto soluzioni: “è stato richiesto che le verifiche siano condotte con modalità tali da evitare di sottoporre i soggetti interessati a spostamenti personali, spese o altri disagi” ha detto Guerra. È seguito un intervento sul fronte-modulistica (ora Citibank accetta i moduli di certificazione di esistenza in vita emessi da enti pubblici locali), l’implementazione dei funzionari locali abilitati ad autenticare la sottoscrizione del pensionato rilasciata sul modulo di attestazione dell’esistenza in vita e l’ammissione di nuove figure dei cosiddetti “testimoni accettabili”.
Soluzioni anche per i pensionati infermi, ricoverati o in carcere:
– È stata elaborata una procedura alternativa, prevede che il modulo di attestazione dell’esistenza in vita sia compilato da soggetti facilmente raggiungibili dal pensionato o dalle persone che lo assistono, quali il medico curante o il tutore, il funzionario della casa di cura/riposo o della struttura carceraria.
Quanto al rifiuto di alcuni pubblici ufficiali locali che autenticano le firme di riportare nel modulo le informazioni circa l’istituzione di appartenenza, l’indirizzo della stessa e il nominativo del funzionario, Inps e Citibank “hanno concordato che gli unici campi la cui compilazione è necessaria sono quelli relativi a nome e indirizzo dell’organizzazione; tali informazioni possono anche essere completate dal pensionato se il testimone accettabile non voglia provvedere alla compilazione. È stato chiarito che nessuna conseguenza è prevista per il pensionato se il “testimone accettabile” non conservi una copia dell’attestazione dell’esistenza in vita”.
– Alla luce di quanto emerso – ha concluso Guerra – ritengo che l’attività posta in essere da INPS e Citibank possa considerarsi risolutiva delle prime problematiche; manifesto, comunque, l’interesse e l’attenzione del Governo ad affrontare e risolvere le eventuali problematiche che dovessero permanere o presentarsi in futuro.
Un impegno “apprezzato “ da Garavini che però ha precisato:
– Queste misure adottate Citibank non hanno ancora sortito effetto. Tant’è che mi sono mobilitata per trasformare l’interrogazione parlamentare in interpellanza urgente, per segnalare al Governo il fatto che non si sia andati ad una soluzione, bensì a un ulteriore peggioramento. È impossibile raggiungere gli enti preposti per via telefonica. Quanto alle email, se pervengono risposte non sono utili per risolvere le questioni. Non sono tornate indietro centinaia di ricevute di ritorno rispetto a raccomandate spedite e rimane anche il dubbio se la modulistica inviata sia pervenuta.
La cosa più grave, comunque, rimane la sospensione delle pensioni: ecco perché, ha ribadito, “non posso che fare appello al Governo affinché si insista e si tenga aperto il confronto con l’ente previdenziale” perché, nonostante tutto, “le questioni non sono risolte; anziché avere una risoluzione o una diminuzione delle segnalazioni, queste si stanno moltiplicando e stanno informando anche delle interruzioni dei pagamenti e dell’effetto, poi, devastante che l’iter burocratico sta avendo”.

Ultima ora

11:17Moto: Australia, Petrucci “aiutare Dovizioso? non necessario

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Aiutare Dovizioso ? non penso che ne abbia bisogno. Io farò la mia gara e spero sempre di stare davanti": Danilo Petrucci reduce dal brillante terzo posto nel motogp di Motegi in Giappone in sella alla sua Ducati Pramac, rilancia le sue quotazioni e speranze in vista del motogp di Phillip island in Australia, che si correrà domenica. Petrucci è stato a lungo in testa alla gara domenica scorsa, prima di cedere le armi al duello finale che ha visto protagonisti Marc Marquez e Andrea Dovisioso, con quest'ultimo poi vincitore. "A Motegi -dice il pilota italiano in conferenza stampa- avevo una linea diversa, non è che mi sia fatto sorpassare da Dovizioso. E' stato un sorpasso normale. Aiutarlo? Non penso che abbia davvero bisogno del mio aiuto, nel 99% delle volte è più veloce, sia in gara sia nelle qualifiche e non abbiamo delle indicazioni particolari dal team". (ANSA).

11:12Bankitalia: P.Chigi, Gentiloni tutelerà autonomia

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Fonti di Palazzo Chigi smentiscono le ricostruzioni "di vario segno" apparse oggi sui quotidiani in merito alla vicenda Bankitalia. Le stesse fonti sottolineano che sul tema della Banca d'Italia le decisioni del Presidente del Consiglio "saranno basate sulle prerogative a lui attribuite dalla legge ed ispirate esclusivamente al criterio di salvaguardia dell'autonomia dell'Istituto".

11:12Cannabis: Camera, ok pdl su uso medico, passa al Senato

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Sì dell'Aula della Camera alla proposta di legge sulla coltivazione e la somministrazione della cannabis ad uso medico. I voti a favore sono stati 317, 40 i contrari, 13 gli astenuti. Il testo passa al Senato. Contro hanno votato i deputati di Fi e Lega. Direzione Italia si è astenuta.

11:11Don Pallù a Firenze, all’aeroporto accolto da canti

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - Ha ringraziato il Signore appena arrivato all'aeroporto di Firenze don Maurizio Pallù, il missionario di origine fiorentine rapito e poi liberato in Nigeria nei giorni scorsi. Ad accoglierlo una folla di fedeli, molti dei quali condividono con lui il cammino neocatecumenale, amici ed un gruppo di giovani che l'hanno salutato cantando canzoni religiosi accompagnandosi con la chitarra. Don Pallù ha abbracciato tutti. Ad attenderlo anche il sindaco di Firenze Dario Nardella che ha incontrato il sacerdote in forma privata appena è sceso dall'aereo. "Il Signore ci ha aiutato": sono state le prime parole del sacerdote, appena atterrato: "Cristo è risorto, è il Signore della vita e della morte - ha poi aggiunto - Evangelizzeremo la Nigeria, l'Africa, il mondo".

11:06Moto: Australia, Rossi “dolori a spalla dopo ultima caduta”

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Ancora problemi e problemini fisici per Valentino Rossi, in quest'anno davvero sfortunato pe rlui. "Sono sofferente alla spalla per la caduta in Giappone, ma sembra che non sia rotto niente" ha detto oggi il Dottore a Phillip Island, dove domenica si correrà il motogp. "Mi fa un po' male, spero che non mi dia fastidio mentre guido. E' importante continuare a lavorare al box per l'anno prossimo ma anche per il finale di quest'anno, a cominciare da questo weekend. Spero che si corra sull'asciutto, sul bagnato siamo in grande difficoltà". (ANSA).

11:04Traffico di migranti: operazione Gdf, arresti nel Salento

(ANSA) - LECCE, 19 OTT - I finanzieri del Nucleo di Polizia tributaria di Lecce, dello Scico di Roma e della Sezione Operativa navale di Otranto (Lecce) stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare restrittiva della libertà personale nei confronti di sette persone ritenute appartenenti ad un gruppo criminale trans-nazionale dedito al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina via mare. L'inchiesta è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Lecce.

11:00Usuraio e falso cieco arrestato dai finanzieri a Taranto

(ANSA) - TARANTO, 19 OTT - Usuraio e falso cieco: sono le accuse contestate a un 63enne di Taranto, ex dipendente di banca, ora in pensione, arrestato e posto ai domiciliari dai militari del Nucleo di polizia tributaria in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Giuseppe Tommasino su richiesta del sostituto procuratore Lucia Isceri. Su disposizione dell'autorità giudiziaria è stato eseguito nei confronti del 63enne un sequestro preventivo per equivalente di beni e disponibilità finanziarie, fino alla concorrenza della somma di 100mila euro. Le indagini sono partite nel settembre 2016 in seguito alla denuncia presentata da una persona che si era rivolta all'uomo per ottenere un prestito e aveva dovuto pagare interessi a tassi da usura. Ma le vittime dello 'strozzinaggio' sarebbero state numerose, tra le quali persone in stato di bisogno e piccoli imprenditori, come il titolare di uno storico esercizio commerciale della città vecchia di Taranto, costretto alla chiusura.

Archivio Ultima ora