Briatore: “In Malesia una delle più belle gare di Alonso”

ROMA – “Questa èla Formula1 che ci piace. Quando è il pilota che fa la differenza e non la macchina. Sono questi i Gp che la gente vuol vedere e non un campionato dove conta solo l’aerodinamica”.

Parole in versi targate Flavio Briatore che, a 24 ore dal trionfo Ferrari in Malesia, esalta l’impresa del ‘suo’ Fernando Alonso.

“Credo che questa in Malesia sia una delle sue più belle gare. I primi otto giri sotto la pioggia sono stati da manuale, lì ha fatto la differenza. Alonso è stato un mostro, ha fatto una corsa che deve entrare nell’antologia della Formula1. ASepang hanno sbagliato un po’ tutti, l’unico che non ha fatto errori è stato lo spagnolo. Gare come quella di domenica servono a far riavvicinare i giovani alla Formula1”. “La Ferrari- aggiunge ai microfoni di Gr Parlamento il manager italiano e scopritore di Alonso – aveva bisogno di una vittoria che è arrivata al momento giusto. A Maranello devono fare uno step importante sull’asciutto, hanno un secondo di differenza che è difficile da recuperare. Dovranno fare degli upgrade in vista delle gare europee e speriamo che quelli della Rossa siano migliori di quelli che faranno gli altri”.

Poi Briatore affronta anche il capitolo Felipe Massa in chiara difficoltà dall’inizio della stagione e al centro di indiscrezioni su un possibile taglio già nel corso della stagione: “non penso che sia un problema attuale, in qualifica era a soli due-tre decimi da Alonso e ci sta. Devono restare tutti uniti. Non è Massa il problema della Ferrari, Perez – ha aggiunto Briatore a proposito del possibile sostituto di Massa – ha fatto una gara. L’anno scorso non aveva impressionato nessuno, deve dimostrare di essere un pilota Ferrari. Ora alla Ferrari devono solo lavorare per migliorare la vettura”.

Infine il manager italiano elogia le Pirelli: “sulle gomme Pirelli non c’é più da dir niente, è un fatto consolidato. Si possono fare solo i complimenti”

Condividi: