Sicurezza, assistenza e cittadinanza: iI puzzle di Porta a Maracaibo

Pubblicato il 27 marzo 2012 da redazione

CARACAS – “Adesso una Italia nuova si può fare”. Questo il motto che campeggia nella parte alta della pagina web del deputato eletto in America Latina, Fabio Porta. Un motto che l’Onorevole deve aver tenuto ben in mente durante la visita di lunedì alla città di Maracaibo.
Una Italia nuova e più vicina ai suoi emigrati è quella che si attendono gli italiani della capitale dello Stato Zulia. Una Italia nuova che assicuri una migliore assistenza sanitaria, dei servizi più dinamici e delle risorse più cospicue da investire nella cultura e nella formazione dei connazionali all’estero. Questo è cio che desiderano gli italo-marabini, gli italo-venezuelani e gli italiani di tutto il mondo. Questa è la missione di Porta che dal proprio sito internet proclama il suo impegno nel garantire “servizi consolari efficienti”, nel “promuovere una politica rivolta alla seconda e alla terza generazione di italiani”, nel favorire la copertura assicurativa necessaria ad “una adeguata Assistenza Sanitaria per i più indigenti”, nel “valorizzare la presenza, la storia e la cultura italiana in America Latina”.
A Maracaibo il deputato del Pd ha sostenuto un triplice incontro. Il primo, negli uffici del Patronato Inca-Cgil. Il secondo, nella sede del Consolato Generale d’Italia e il terzo alla presenza del direttivo e del presidente della Casa d’Italia, Francisco Lombardi, e del massimo rappresentante del Comites locale, Cono Siervo.
Al Patronato spazio ai temi assistenziali e pensionistici. In primo piano i disservizi causati in tutto il globo da Citibank.
Nel confronto con il Console Fernando Curatolo largo a sicurezza, sequestri, espropri e tagli ai benefici destinati alla comunità, con un occhio di riguardo per le situazioni in stato di criticità.
Nel terzo appuntamento focus puntato sugli investimenti in cultura e formazione giovanile, sulla ripresa delle trasmissioni informative prodotte da Rai International, sul supporto alle entità assistenziali, zuliane e non, e sull’approvazione della legge per il riacquisto della cittadinanza persa nei casi di naturalizzazione.
Porta si è impegnato nella calendarizzazione in Parlamento della legge suddetta. “Una promessa e una dimostrazione di interesse nei confronti di noi italiani del Venezuela, anzi dell’America Latina in generale, che ci rendono piuttosto ottimisti”, il commento di Cono Siervo.
Il presidente del Comites, insieme al membro del Cgie, Michele Coletta, ha posto l’accento sull’assistenza sanitaria reclamando “un maggior numero di medicinali” e il ritorno al sistema assicurativo per cui “ogni connazionale era in possesso di un’assicurazione attraverso cui far richiesta direttamente, senza il passo intermedio al Consolato, di cure e medicine, in clinica o in farmacia. L’accordo con Locatel – ammette – è efficace, ma è ancora troppo poco, la rapidità poi è venuta a mancare”.
La collettività non ha perso l’occasione per esprimere forte preoccupazione anche nei confronti della pluriennale mancanza di sicurezza. “Un problema latinoamericano, non solamente venezuelano – secondo Siervo -. Porta in Parlamento è solo, rappresenta il voto di una sola persona, ma non per questo rinuncerà a lottare per noi”.
Dai giovani locali è stata sottolineata la necessità di incrementare i fondi riservati alle manifestazioni culturali.
I rappresentanti delle associazioni giovanili – racconta Siervo – si sentono vittime di un abbandono da parte del Governo italiano e condannano i tagli alla cultura. Anche nella forma dei ridimensionamenti alle trasmissioni Rai, programmi che diffondono lingua e cultura italiana nel mondo intero.
Siervo, come tutta la collettività italo-marabina, si augura che dalla “graditissima” visita del parlamentare scaturisca “qualcosa di positivo” per tutti i cittadini di origine italiana all’estero.
“Un qualcosa di positivo” capace di dare un senso al triplice, quadruplice, quintuplice puzzle rappresentato dalla difficile realtà italovenezuelana.

Giovanni Di Raimondo

Ultima ora

18:57Champions: Asamoah, per vincerla bisogna battere chiunque

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - "Il Tottenham è solido, difende bene e ha battuto squadre forti nel girone". Questo il punto di vista di Asamoah, sul sorteggio di Champions League che ha accoppiato la Juventus contro gli 'Spurs'. "Se vuoi provare a vincere la Champions, devi essere in grado di battere chiunque - sottolinea -. Tutte le squadre sono difficili in Europa".

18:50Spente fiamme in capannone, trovato corpo carbonizzato

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Il cadavere carbonizzato di un uomo è stato trovato, oggi pomeriggio, dai vigili del fuoco, al termine delle operazioni di spegnimento di un incendio divampato in un capannone abbandonato a Baranzate di Bollate, nel Milanese. Al momento non è stato possibile risalire all'identità della vittima, ma i carabinieri, che stanno svolgendo gli accertamenti, ritengono che possa trattarsi di un senzatetto. Il luogo in cui è stato trovato il corpo è un anfratto in cui era stato ricavato un riparo con dei cartoni, una sorta di capanna. Non si esclude nemmeno che le fiamme siano partite proprio da un tentativo maldestro di riscaldarsi accendendo dei materiali infiammabili.

18:43Calcio: Ancelotti in panchina per match solidarietà

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Uefa e Onu hanno annunciato oggi a Ginevra che uniranno le forze per organizzare una partita di solidarietà con il sostegno del Cantone di Ginevra, della città e della Fondazione dello stadio di Ginevra. Il match, che vedrà la partecipazione di due squadre guidate da celebrità del calcio, si giocherà sabato 21 aprile 2018 alle 16. In nome della solidarietà e del riconoscimento dell'importanza dello sport nella società, 'Match for solidarity' è finalizzata a promuovere la pace, i diritti umani e il benessere nel mondo, attraverso gli obiettivi di sviluppo sostenibile stabiliti dalle Nazioni Unite. Il ricavato di questa partita sarà utilizzato per finanziare progetti umanitari e di sviluppo internazionali. Le due squadre, allenate da Carlo Ancelotti e Didier Deschamps, avranno rispettivamente come capitani Luis Figo e Ronaldinho. Gli allenatori e i capitani selezioneranno le proprie squadre nelle prossime settimane. La partita sarà arbitrata da Pierluigi Collina.

18:32Incidenti lavoro, operaio morto a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Un operaio è deceduto in un incidente sul lavoro, avvenuto in salita Tarsia, nel centro cittadino di Napoli. L'uomo stava lavorando su un terrazzo di uno stabile in Salita Tarsia quando probabilmente ha perso l'equilibrio ed è caduto. La dinamica è in fase di ricostruzione da parte della Polizia di Stato. L'operaio stava ricoprendo il terrazzo con una guaina impermeabile; nella caduta, terminata su un'automobile in sosta, ha trascinato con sé anche la bombola del gas e il cannello bruciatore che stava utilizzando. Forse sul posto c'era anche un collega.

18:25Calcio: Giampaolo, pronti a battaglia in Coppa

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina di domani. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile. Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici "Domattina - aggiunge Giampaolo - farò la valutazione di chi è disponibile. A oggi non ho la minima idea di chi far giocare. La Fiorentina? E' una squadra forte che è cresciuta e arriva a questa sfida dopo i risultati positivi con Lazio e Napoli".

18:23Tetraplegico per tre mesi in autobus a scuola nel milanese

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Tre mesi di tempo perché uno studente tetraplegico di 16 anni, milanese, ottenesse un trasporto adeguato alla scuola che frequenta fuori città, a Corsico. Nel frattempo è stato costretto ad andare sull'autobus accompagnato dalla madre o in auto col padre, perché "il Comune di Milano non ha fornito il mezzo adeguato poiché l'istituto era fuori dal capoluogo lombardo". La denuncia è di Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega: "è un episodio davvero spiacevole, sono imbarazzato nel dire che sono dovuto intervenire su un'assenza del Comune chiedendo un intervento della Regione e non mi sembra giusto che un disabile non abbia il trattamento di cui ha diritto". "La Regione nel cuore dell'estate ha trasferito le competenze per i trasporti degli studenti superiori disabili ai Comuni, - ha replicato il Comune -. Purtroppo per la decina di studenti che vanno fuori città il contributo di Regione Lombardia è molto al di sotto del costo del servizio. Quindi il Comune ha avuto bisogno di reperire le risorse".

18:19Serena Grandi a giudizio per fallimento ristorante

(ANSA) - RIMINI, 12 DIC - Serena Grandi è stata rinviata a giudizio per il fallimento, dichiarato nel 2015, della società 'Donna serena srl' che ha gestito il ristorante la 'Locanda di Miranda', nel borgo San Giuliano di Rimini. L'attrice bolognese, 59 anni, all'anagrafe Serena Faggioli, difesa dall'avvocato Christian Guidi, sarà giudicata a partire dal prossimo 12 giugno davanti al Tribunale collegiale. Stando alle accuse, Serena Grandi, in qualità di legale rappresentante della società 'Donna serena' avrebbe distratto parte dei beni strumentali, impiegati presso il ristorante, e sottratto i libri contabili e altra documentazione obbligatoria per legge relativi alla gestione della 'Locanda di Miranda'. La procedura fallimentare della società è ancora in corso davanti al Tribunale fallimentare di Rimini.(ANSA).

Archivio Ultima ora