Sull’Italia l’onta di 63 immigranti morti

Pubblicato il 29 marzo 2012 da redazione

BRUXELLES – La morte per fame e sete di 63 migranti al largo della Libia in un barcone alla deriva diventato la loro tomba, ha molti colpevoli, ma l’Italia è un po’ più colpevole di altri.
“Come primo Stato ad aver ricevuto la chiamata di aiuto e sapendo che la Libia non poteva ottemperare ai propri obblighi, l’Italia avrebbe dovuto assumere la responsabilità del coordinamento delle operazioni di soccorso’’: accusa il rapporto del Consiglio d’Europa, presentato a Bruxelles. Per quella tragedia – avvenuta a fine marzo 2011, in pieno conflitto libico – “siamo di fronte ad un catalogo di fallimenti e responsabilità collettive’’, ha denunciato la relatrice, l’olandese Tineke Strink, ricostruendo l’agonia del ‘vascello lasciato morire’ da navi ed elicotteri sotto comando Nato e di singoli paesi, tra cui Francia, Italia, Spagna e Cipro.
L’odissea comincia a Tripoli, dove 72 migranti sub-sahariani (tra cui 20 donne e due bebè) vengono costretti ad imbarcarsi dalle milizie di Gheddafi con contrabbandieri che presto si appropriano del cibo e dell’acqua a bordo. Dopo sole 18 ore di navigazione, il barcone va alla deriva. L’allarme viene dato dal ‘capitano’ che con un telefono satellitare chiama un prete eritreo che vive in Italia. Il messaggio è raccolto dal Centro italiano di coordinamento del salvataggio marittimo che per almeno dieci giorni lo rimanda in onda, avvisando le navi e gli aerei che stanno perlustrando quella zona di mare, interessata al momento dalla missione Unified protector, sotto comando Nato.
‘’Nonostante la zona si trovasse sotto alta sorveglianza militare, nulla è successo’’, ha denunciato la Strink. ‘’L’ipotesi più probabile è che tutti sapessero e che tutti abbiano voltato gli occhi da un’altra parte per non doversi accollare la responsabilità di dare un rifugio ai migranti’’.
Di certo – è la tesi del Consiglio d’Europa – sapeva la Nato, così come la nave italiana Borsini che si trovava a 37 miglia dal barcone e la nave spagnola Mendez Nuñez che era ancora più vicina, a sole 11 miglia. Entrambe provviste di elicottero. E sapeva l’elicottero dell’esercito francese che per primo si è avvicinato ai disperati del Mediterraneo lanciando loro biscotti e acqua, insieme alla promessa non mantenuta che sarebbe ritornato.
Il Consiglio d’Europa – che discuterà il rapporto nella sua assemblea il 24 aprile prossimo – vuole giustizia. In particolare, sollecita la Nato a condurre un’indagine a tutto campo e a dare le risposte che ancora mancano per spiegare questo film dell’orrore.
– Le loro navi potevano salvare queste persone e non l’hanno fatto: dobbiamo ancora capire perchè – ha detto Judith Suderland, di Human right watch.
A muoversi sarà anche la giustizia ordinaria: l’avvocato Stefane Maugendre ha annunciato che a nome di organizzazioni non governative presenterà a Parigi una denuncia contro l’esercito francese a nome dei nove sopravvissuti.
– Mi auguro che nessuna responsabilità sia riconducibile al nostro Paese, nel caso si dovesse fare una commissione d’inchiesta – ha commentato il presidente del Senato Renato Schifani che proprio ieri era a Bruxelles, sottolineando in ogni caso che ‘’non bisogna dimenticare che il nostro paese si è sempre distinto per spirito di solidarietà e di accoglienza’’.
Secondo il ministro della Cooperazione Andrea Riccardi, invece, l’Italia deve ‘’assumersi le responsabilità’’ della vicenda.
– Credo – ha aggiunto – che sia un fatto che si aggiunge alla riflessione che noi dobbiamo fare su una politica corretta di immigrazione.
Molto più dura Livia Turco, responsabile immigrazione del Pd:
– E’ un’accusa infamante ed è l’orrendo prezzo che deve pagare il nostro paese per la vergognosa politica di chiusura attuata dal governo Berlusconi-Maroni.
L’inchiesta del Consiglio d’Europa, però, un primo risultato lo ha già ottenuto. Ha ristabilito, dice infatti Laura Boldrini, portavoce dell’Alto commissario per i rifugiati(Unhcr) ‘’il principio del salvataggio in mare’’, importante per ‘’evitare che il Mediterraneo si trasformi nella terra di nessuno, dove vige l’impunità’’.

Ultima ora

13:40Calcio: Kepa e Odriozola, rinforzi spagnoli per Real Madrid

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Real Madrid è ad Abu Dhabi, dove mercoledì giocherà la seconda semifinale del Mondiale per club, contro l'Al Jazira che nei quarti ha battuto i campioni d'Asia, gli Urawa Red Diamonds giapponesi. La prima semifinale è invece quella domani tra i brasiliani del Gremio e i messicani del Pachuca. Ma a tenere banco in casa merengue è il mercato di gennaio, durante il quale la dirigenza dei campioni d'Europa vorrebbe mettere a segno un paio di colpi. L'orientamento è di puntare su giovani spagnoli, così è già stato raggiunto un accordo con il 23enne portiere dell'Athletic Bilbao, e della nazionale, Kepa Arrizabalaga. Kepa, che non rinnoverà il contratto con l'Athletic avrebbe già raggiunto, secondo quanto scrive 'Marca', un accordo della durata di 6 anni per 2,5 milioni netti a stagione. L'altro obiettivo del Real proviene anch'egli dai Paesi Baschi: si tratta del 21enne laterale destro della Real Sociedad Alvaro Odriozola, che si trasferirebbe nella capitale per giocarsi il posto con Carvajal.

13:33Orlando, Liberi e Uguali non sia bersaglio campagna Pd

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un incontro "non era previsto, ma sicuramente non considero Rossi un avversario politico. O, come dire, non riesco ancora a considerarlo un avversario politico. Quindi, sicuramente sono interessato a capire cosa sta succedendo in quell'ambito, che credo non dovrebbe essere bersaglio della nostra campagna elettorale". Lo ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando, oggi a Firenze nella sede della Regione Toscana, parlando con i giornalisti che gli chiedevano se nell'occasione avrà un colloquio 'politico' con il governatore toscano Enrico Rossi (Liberi e Uguali).

13:33Sicurezza: Milano, al via nuove misure a Palazzo Marino

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Al via le nuove misure di sicurezza a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano. A partire da oggi tutte le persone che entreranno in Comune saranno controllate dai vigili della Polizia locale, che presidiano l'ingresso, con un metal detector portatile. Inoltre saranno controllate borse e bagagli e i documenti di identità. La misura era stata annunciata dal sindaco, Giuseppe Sala, dopo il blitz di CasaPound del 29 giugno scorso nell'aula del Consiglio comunale. (ANSA).

13:29Sud: Gentiloni, condizioni per investire senza precedenti

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Abbiamo condizioni per investire e creare lavoro a Sud che sono di una convenienza senza precedenti". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, parlando al convegno promosso da "Il Mattino", a Napoli.

13:17Maltempo: Rfi, traffico ferroviario critico nel Nord-Ovest

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Traffico ferroviario ancora critico in alcune regioni del Nord-Ovest a causa del maltempo. Lo rende noto Rete Ferroviaria italiana, che ha fatto scattare il piano neve e gelo. In Piemonte la circolazione è fortemente rallentata sul nodo di Torino, in direzione Genova, a causa di un guasto tra le stazioni Lingotto e Porta Nuova. Traffico sospeso sulla Torino-Savona, da San Giuseppe di Cairo, mentre le linee Genova-Milano e Genova-Torino (via Mignanego) sono sospese nel tratto tra Ronco e Arquata Scrivia. Problemi anche alla viabilità, con disagi sulle strade e forti rallentamenti sulle principali autostrade.(ANSA).

13:09Putin in Siria, incontra Assad

(ANSA) - MOSCA, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin ha visitato questa mattina la base aerea russa di Hmeimim, in Siria, dove ha incontrato il presidente siriano Bashar al Assad e il ministro della Difesa russo Serghiei Shoigu. Putin ha ordinato l'inizio del ritiro delle truppe russe dalla Siria. "Negli ultimi due anni - ha dichiarato il leader del Cremlino - le forze armate russe e l'esercito siriano hanno sconfitto il gruppo più combattivo dei terroristi internazionali. A questo proposito - ha proseguito Putin - ho preso una decisione: una parte considerevole del contingente russo schierato nella repubblica araba siriana tornerà a casa, in Russia".

13:06Avvelenati tallio:killer non chiede nessuno,nemmeno genitori

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Non ha chiesto di nessuno, nemmeno dei suoi genitori Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso degli omicidi dei nonni materni e di una zia e del tentato omicidio di nonni materni, due zii e badante di famiglia, tramite somministrazione di solfato di tallio. A renderlo noto è il suo avvocato, Silvia Letterio: "il mio assistito non ha chiesto di nessun parente, nemmeno dei suoi genitori" ha spiegato il legale, proseguendo: "è in cella, dove mi ha detto di aver ricevuto quanto aveva chiesto". Del Zotto, appena arrivato in carcere a Monza, aveva domandato di poter avere alcuni libri sull'ebraismo, religione a cui ha detto di essersi convertito. Al momento non sono previsti imminenti nuovi interrogatori per il 27enne il quale, come ha precisato l'avvocato "non vuole rendere noto come abbia personalmente provveduto" a mettere il tallio negli alimenti dei suoi parenti, anche perché su questo aspetto, ha concluso il legale, "sono ancora in corso indagini".

Archivio Ultima ora