Hillary 2016, dopo il sì di Bill l’appoggio della Pelosi

Pubblicato il 03 aprile 2012 da redazione

NEW YORK – Hillary Clinton, l’ex first lady, potrà contare sull’appoggio dell’ex speaker della Camera, Nancy Pelosi, attuale capogruppo dei democratici a Capitol Hill, se deciderà di correre per la presidenza degli Stati Uniti nel 2016. L’ipotesi di una nuova discesa in campo di Hillary, il segretario di Stato di Barack Obama, prende corpo e riscuote consensi, poche ore dopo quello che è stato interpretato come un via libera del marito Bill, l’ex inquilino della Casa Bianca che ne ha parlato in un programma televisivo di grande ascolto.
Una nuova campagna elettorale di Hillary, che nel 2008 aveva partecipato alle primarie contro Obama, lascia sognare il partito democratico, che guarda avanti e immagina questa volta un altro ‘scontro’ di primo piano: tra la Clinton e Andrew Cuomo, il governatore dello Stato di New York, un italo-americano, per la nomination 2016. Secondo questi nuovi scenari di fantapolitica che stanno appassionando il partito democratico, il vincitore delle primarie potrebbe affrontare Marco Rubio, il senatore della Florida considerato uno dei papabili candidati alla presidenza 2016 (e alla vice presidenza 2012 in caso di vittoria di Mitt Romney, il favorito nelle primarie repubblicane). Ma non si esclude neppure una candidatura di Jeb Bush, l’ex governatore della Florida, per un eventuale duello tra dinastie: Clinton contro Bush o Bush contro Cuomo, essendo Andrew figlio dell’ex mitico governatore di New York Mario Cuomo (e l’ex marito di Kerry Kennedy, figlia di Bob assassinato a Los Angeles il 6 giugno 1968).
– Credo che Hillary Clinton dovrebbe pensare a candidarsi, e sarebbe un piacere per me se lo facesse -ha detto Pelosi, sottolineando che pur non conoscendo le intenzioni di Clinton ”sarebbe eccitante” vedere il suo nome sulla scheda elettorale tra quattro anni.
Hillary Clinton ha più volte ribadito di non voler presentarsi nel 2016. Ma le parole di Bill Clinton hanno riacceso la speranza.
– Saro’ felice se cambierà idea e deciderà di correre per la presidenza 2016. Ma la scelta spetta interamente a lei – ha precisato l’ex presidente in tv.
La Clinton, in caso di un secondo mandato del presidente americano Barack Obama, non intende continuare a fare il segretario di Stato. La rinuncia all’attuale incarico ha spinto molti a ipotizzare un ‘dream-ticket’, con Hillary al posto dell’attuale vicepresidente Joe Biden. Un sogno che va avanti dal 2008, quando Obama è stato eletto. E’ una ipotesi e sono voci che la Casa Bianca ha più volte respinto, confermando che Biden manterrà il suo posto, ma senza neppure spazzarle via totalmente. In caso di conferma alla Casa Bianca, Obama dovrà comunque procedere ad un serio rimpasto di governo, con oltre ad Hillary che vuole lasciare, il segretario al Tesoro Timothy Geithner in uscita.

Ultima ora

19:20New York Times, editore Sulzberger passa timone al figlio

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Cambio della guardia generazionale al New York Times: Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'editore Arthur Ochs Sulzberger Jr., prenderà dal primo gennaio il posto del padre alla guida della Old Grey Lady. Lo ha annunciato oggi lo stesso New York Times. Sulzberger padre ha 66 anni, era editore Times dal 1992 e resterà come presidente della New York Times Company: "Non e' un arrivederci - ha annunciato allo staff - ma dal primo gennaio la grande nave che è il New York Times avrà A.G. al timone".

19:18Francia: scontro treno-scuolabus, 2 morti e 7 feriti

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - Uno scuolabus è stato investito da un treno nei pressi di Perpignan, nel sud-est della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Secondo TF1, il bilancio provvisorio è di 2 morti e 7 feriti gravi. L'incidente è avvenuto nel comune di Millas, sull'asse ferroviario Perpignan-Villefranche de Conflent, intorno alle 16.00. Tra le vittime, precisa TF1, ci sarebbero anche dei bambini.

19:13Diritti tv: Malagò, ora copertura Giochi è completa

(ANSA) - ROMA, (ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - "Siamo molto felici per il fatto che la Rai abbia acquisito i diritti a trasmettere le Olimpiadi invernali, una cosa che integra in modo esemplare e perfetto quanto già offerto con Discovery da Eurosport". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, saluta così l'annuncio dell'accordo con Discovery per l'acquisizione dei diritti radiotelevisivi in chiaro delle Olimpiadi invernali del 2018 in Corea, che la Rai trasmetterà quindi dopo 8 anni di assenza. "Non nascondo che siamo sempre stati sponsor di questa opportunità - ha aggiunto il capo dello sport Italiano all'Ansa - per mettere in condizione il più possibile di dare visibilità alle discipline invernali, agli sponsor e chi ha investito sui progetti". "Ringrazio anche il gruppo Discovery, sono molto molto felice, complimenti a presidente e direttore generale della Rai".

19:05Russia: Sobchak attacca Putin, ‘teme competizione’

(ANSA) - MOSCA, 14 DIC - La candidata alle presidenziali in Russia e giornalista della tv 'Dozhd' Xenia Sobchak attacca Vladimir Putin con una domanda scomoda durante la conferenza stampa annuale del leader russo: "Perche' il Cremlino ha cosi' tanta paura della competizione?", chiede Sobchak, completamente vestita di rosso, denunciando che all'oppositore Alexiei Navalni non e' stato permesso di candidarsi e che "le persone sanno bene che essere leader dell'opposizione significa essere uccisi o incarcerati".

19:03Gerusalemme:sindaco Nazareth cancella cerimonie Natale

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - Il sindaco della città arabo-israeliana di Nazareth, nel nord del paese, Ali Salam, ha deciso di cancellare le celebrazioni programmate per le feste natalizie, ad eccezione di quella per l'illuminazione dell'albero di Natale e la tradizionale marcia annuale. Salam - che è musulmano - ha motivato la mossa, secondo l'agenzia ufficiale palestinese Wafa, per protesta "contro l'annuncio di Donald Trump su Gerusalemme".

19:00Migranti: Tusk,dibattito emotivo, lavorare su unità Ue

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - Sul dossier migrazione "la divisione è tra Est e Ovest", sull'Unione economica e monetaria "tra Nord e Sud". "Queste divisioni sono accompagnate da emozioni che rendono difficile anche trovare un linguaggio comune e argomenti razionali per il dibattito. Per questo dovremo lavorare sulla nostra unità in modo più intenso ed efficace". Lo afferma il presidente del consiglio europeo Donald Tusk entrando al summit, evitando però le domande dei giornalisti, che rimanda alla conferenza stampa di domani.

19:00Parla consigliera nera Casa Bianca, ‘via perche’ a disagio’

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - "Ho visto cose, situazioni che mi hanno messo a disagio": cosi' Omarosa Manigault, ex modella afroamericana divenuta uno dei consiglieri del presidente americano Donald Trump, parla alla Abc del suo improvviso addio alla Casa Bianca. "Abbiamo avuto una discussione molto franca col capo dello staff John Kelly sulle mie preoccupazioni, questioni che ho sollevato e per le quali ho deciso di dimettermi", spiega la donna: "C'erano molte cose che ho visto nel corso dell'ultimo anno che mi hanno reso moto infelice".

Archivio Ultima ora