Ritardi nelle trascrizioni, l’interrogazione dell’On. Fedi

Pubblicato il 03 aprile 2012 da redazione

ROMA – I ritardi dei comuni italiani nel rispondere ai Consolati provocano disagi ai connazionali all’estero. Per questo, l’onorevole Marco Fedi (Pd) è tornato ad interrogare i Ministri dell’interno, degli esteri e per la pubblica amministrazione, Cancellieri, Terzi e Patroni Griffi evidenziando, in particolare, il caso del comune di Lipari, oberato di lavoro tanto da non poter evadere quanto richiesto dai consolati di Sydney e Melbourne.
“Gli uffici consolari, per gli italiani residenti all’estero e anche per gli italiani che vi soggiornano temporaneamente, – ricorda Fedi nella premessa – hanno le competenze che altri organi della pubblica amministrazione esercitano sul territorio nazionale; tra i servizi erogati dai consolati vi sono anche quelli di anagrafe, di stato civile (nascita, matrimonio, divorzio, morte), di rilascio e rinnovo di passaporto e carta d’identità; numerose richieste inoltrate ai consolati da parte di cittadini italiani residenti all’estero, come ad esempio quelle relative allo status civitatis, si concretizzano soltanto a partire dalla trascrizione in Italia di atti relativi al soggetto interessato (nascita, matrimonio, e altro) presso lo stato civile del comune di ultima residenza o di provenienza o, come nel caso di rilascio e rinnovo del passaporto, dal benestare della questura competente per territorio, esperite le necessarie verifiche presso il comune di registrazione”.
“Il depotenziamento delle strutture consolari causato dal piano di razionalizzazione – annota il parlamentare – ha portato alla diminuzione delle risorse e del personale in esse impegnato e conseguentemente a una crisi del sistema dei servizi offerti alle comunità italiane con insufficienze operative e disagi per gli utenti; i disagi e i ritardi nel disbrigo di questo genere di pratiche, quotidianamente denunciati dai nostri cittadini all’estero, sono dovuti anche alle disfunzioni che si registrano nell’operato degli uffici anagrafe e stato civile dei comuni italiani che rispondono alle richieste dei consolati con mesi, e anche anni, di ritardo”.
“Tra le numerose segnalazioni, – evidenzia Fedi – ultima in ordine di tempo, quelle riferite da alcuni cittadini residenti in Australia sui ritardi del comune di Lipari. Secondo le comunicazioni degli interessati, infatti, i consolati di Sydney e di Melbourne non potrebbero finalizzare le loro pratiche di cittadinanza e di rilascio di passaporto in quanto il comune di Lipari, destinatario di precise richieste di trascrizioni di atti e copie di certificati, non ha provveduto a fornire riscontri; funzionari del comune di Lipari, da parte loro, hanno dichiarato che i ritardi sono dovuti ad una carenza di organico e che l’unico ufficiale di stato civile, coadiuvato da un collaboratore a progetto, oltre a dover svolgere l’attività ordinaria, ha in carico oltre 2500 trascrizioni cartacee da evadere; questa situazione, comunque, risulta diffusa sull’intero territorio nazionale e più rilevante per i comuni di piccole dimensioni interessati storicamente da fenomeni migratori”.
Il deputato chiede quindi di sapere “se non si ritenga di individuare per quanto di competenza idonee soluzioni per assicurare al comune di Lipari un adeguato livello di efficacia amministrativa, migliorando i tempi di completamento delle pratiche provenienti dall’estero e favorire il pieno rispetto delle leggi sulla trasparenza amministrativa e nei rapporti tra cittadini e pubbliche amministrazioni; se non si intendano adottare iniziative atte a garantire che gli uffici preposti al disbrigo di pratiche relative ad anagrafe e stato civile siano dotati di mezzi tecnici e personale adeguati alle necessità sulla base di una verifica anche quantitativa degli atti e delle richieste provenienti dai consolati, anche per non vanificare gli investimenti fatti su queste strutture per migliorarne l’efficienza” e infine “se non si ritenga urgente, infine, anche tenendo conto dei richiami all’efficienza e innovazione nella pubblica amministrazione pervenire da parte del Ministero dell’interno mediante il Ministero degli affari esteri a tutte le rappresentanze diplomatiche e consolari, un indirizzario aggiornato PEC o almeno di un indirizzo email convenzionale per ognuno degli innumerevoli comuni italiani che, ancora oggi, non usano la posta elettronica certificata”.

Ultima ora

17:27Calcio: diritti tv, cinque pacchetti da almeno 1 miliardo

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Punta a incassare almeno un miliardo di euro a stagione la Lega di Serie A con la vendita nazionale dei diritti tv del triennio 2018/'21. Il bando prevede 5 pacchetti, nessuno dei quali ha tutte le partite. Gli operatori (digitale terrestre, satellitare, internet) possono concorrere per il più ricco, il D: vale minimo 400 milioni di euro, copre le gare di 12 squadre (fra cui Roma, Lazio, Torino e Fiorentina), 324 eventi di cui 132 in esclusiva. I match delle altre 8 (fra cui Juventus, Napoli, Milan e Inter, per 248 eventi) sono nei pacchetti A (satellitare) e B (digitale), che valgono 200 milioni. I pacchetti C1 e C2 per internet si dividono a metà le squadre dei pacchetti A-B: milanesi da una parte, Juve e Napoli dall'altra. Ai pacchetti principali (con un prezzo minimo superiore di circa 50 milioni rispetto al 2015/'18), Lega A e l'advisor Infront ne hanno aggiunti 7 opzionali di tipo Gold (esclusivi) e Silver (non esclusivi), con alcuni diritti tv accessori utili per integrare le dirette degli eventi.

17:18‘Ndrangheta: ‘Alto Piemonte’, chieste condanne per 112 anni

(ANSA) - TORINO, 26 MAG - Centododici anni di carcere: è il totale delle pene richieste, in Tribunale a Torino, dai pm Paolo Toso e Monica Abbatecola, per 15 dei 23 imputati nel processo 'Alto Piemonte', sulle infiltrazioni della 'Ndrangheta nel torinese. La pena più alta, 17 anni, 1 mese e 16 giorni di carcere, è chiesta per Diego Raso, esponente della locale di Santhià. Tra gli imputati compaiono Saverio Dominello e suo figlio Rocco, capo ultrà della Juve, accusati di associazione mafiosa e tentato omicidio, per i quali la Procura ha chiesto rispettivamente 12 e 8 anni di reclusione. Alla sbarra, con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, anche il tifoso bianconero Fabio Germani: per lui la pena richiesta è di 5 anni di carcere. Un filone dell'inchiesta, infatti, riguarda il tentativo della criminalità organizzata calabrese di 'infilarsi' nella curva bianconera, tramite il bagarinaggio dei biglietti delle partite della Juventus. Per uno degli imputati, i pm hanno chiesto l'assoluzione. (ANSA).

17:15Calcio: nessuna offerta per il Lecco, destinato a scomparire

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - La società Calcio Lecco 1912 scomparirà. Ad annunciarlo è stato il curatore fallimentare Mario Motta, a cui il giudice del Tribunale di Lecco, Dario Colasanti, aveva affidato la società dopo il fallimento del 6 dicembre scorso. Per lunedì 29 maggio era fissata l'asta, con una base di 30mila euro, e oggi a mezzogiorno scadevano i termini per la presentazione delle offerte. Ma alla cancelleria del Tribunale di Lecco non ne è pervenuta nessuna. Il curatore fallimentare cederà quindi il titolo sportivo e poi chiuderà la società. Sul campo, la squadra aveva conquistato domenica scorsa la salvezza nel derby-playout di Serie D contro l'Olginatese.

17:06Banche: Quagliariello, subito audizione Ghizzoni al Senato

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Come primo atto da capogruppo chiederò l'immediata calendarizzazione della mozione per l' azzeramento dei vertici Consip, promossa da "Idea" su iniziativa del collega Andrea Augello e sottoscritta da oltre 70 senatori, per la quale sono già abbondantemente decorsi i termini per la procedura d'urgenza, e solleciterò una risposta alla richiesta di audizione del dottor Ghizzoni e alla richiesta di indagine conoscitiva sul caso Etruria-Unicredit presentate in Commissione Finanze dalla senatrice Cinzia Bonfrisco, vicecapogruppo vicario di "Federazione della Libertà". Tutto ciò non ha niente a che vedere con il piano giudiziario, del quale si occupa la magistratura, ma attiene alla correttezza dei comportamenti politico-istituzionali". Lo dichiara il senatore Gaetano Quagliariello, leader di "Idea" e capogruppo di "Federazione della Libertà".

17:05Calcio: processo Juve, l’udienza slitta al dopo Champions

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Dopo due ore di confronto si è chiuso con una sospensione la prima udienza del processo sportivo a carico della Juventus e del presidente Andrea Agnelli per la vicenda legata alla vendita di biglietti e ai rapporti con gli ultras. Lo slittamento, a questo punto, potrebbe portare le due parti a rivedersi innanzi al Tribunale nazionale della Figc dopo la finale di Champions del 3 giugno.

16:58Sport: doping, la Nado Italia si associa all’Inado

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - La Nado Italia è il 68/o membro dell'Institute of National Anti-Doping Organisations-Inado, associazione internazionale che riunisce le principali organizzazioni nazionali antidoping. Lo annuncia con un comunicato la stessa Nado, nel quale viene precisato che nelle prossime settimane è in programma una visita del ceo di Inado Joseph de Pencier presso la sede della Nado "per iniziare a sviluppare reciproche collaborazioni e progettualità nell'ambito della lotta al doping". La Nado Italia, si legge nel suo sito internet, è l'organizzazione nazionale antidoping, derivazione funzionale dell'Agenzia mondiale antidoping (Wada), ed ha la responsabilità esclusiva in materia di adozione e applicazione delle norme in conformità al Codice mondiale antidoping (Codice Wada), del quale è parte firmataria.

16:48Sequestrato e riportato in Italia veliero Duce, Fiamma Nera

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Rintracciata in Spagna, nel porto di Valencia, e ricondotta in Italia la "Fiamma Nera", l'imbarcazione appartenuta a Benito Mussolini sottoposta a sequestro di prevenzione nell'ambito di un'indagine del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia capitolina. La barca, fu posta sotto sequestro nel febbraio del 2016: una volta espletate tutte le procedure è stata riportata in Italia ed ora si trova nel porto di Fiumicino. Lo yacth che fu del Duce, insieme a beni di un valore di oltre 70 milioni, sono stati sequestrati a Salvatore Squillante, imprenditore originario di Sarno (Salerno). Gli accertamenti patrimoniali delle Fiamme Gialle della compagnia di Fiumicino svolti nei confronti dell'imprenditore, che da tempo si è trasferito nella Capitale, hanno permesso di appurare "la grande sproporzione tra i redditi dichiarati e l'elevato tenore di vita, frutto di una carriera criminale basata su ingenti evasioni fiscali, bancarotte fraudolente e truffe".

Archivio Ultima ora