Mostre: l’enigma della città ideale a Urbino

Pubblicato il 05 aprile 2012 da redazione

di Nicoletta Castagni

URBINO – Tra le immagini pittoriche più famose al mondo, e anche tra le più enigmatiche, la Città ideale è al centro di una grande mostra che si apre domani a Urbino, nelle sale di quel Palazzo Ducale ancora oggi simbolo della civiltà del Montefeltro, dell’assoluta armonia tra le arti, le scienza, la concezione filosofica del mondo.
Esposte 50 opere straordinariamente preziose, L’utopia del Rinascimento a Urbino nasce da un’idea di Lorenza Mochi Onori, ora direttrice regionale per i Beni culturali e paesaggistici delle Marche, che dal 2003 sognava di riunire nella Galleria Nazionale delle Marche di Palazzo Ducale le tre versioni della grande tavola, la cui realizzazione è ancora avvolta nel mistero. Forse delle spalliere o copri porta, dipinte con grande maestria pittorica, profonde conoscenze architettoniche, matematiche e prospettiche, nei secoli sono state attribuite al Laurana, a Leon Battista Alberti, a Piero della Francesca, senza che sia mai emerso nessun indizio certo.
Con la dispersione del patrimonio urbinate, due versioni sono oggi custodite rispettivamente al museo di Baltimora e a quello di Berlino, quest’ultima in cattive condizioni di conservazione, tanto che il museo non ha concesso l’autorizzazione al prestito. Quindi sono solo due le tavole che si fronteggiano nella mostra urbinate, in un percorso espositivo che, spiega la Mochi Onori, illustra come dal Medioevo si sia sviluppata l’immagine della città e come solo ad Urbino sia nata ” la sua rappresentazione quale momento filosofico e politico di equilibrio totale”. Un’armonia che dopo il regno di Federico di Montefeltro andò presto perduta, per trasformare l’espressione artistica della città in un mero simbolo del potere temporale. Per capire la differenza, prosegue la studiosa, basti pensare a Palazzo Ducale, la cui struttura, progettata dai maggiori architetti del tempo, era aperta al popolo, in una relazione di condivisione ideale con gli organi di governo e il signore. In occasione della mostra (costata circa un milione di euro), ha aggiunto Vittoria Garibaldi (curatrice con la Mochi Onori), é stato avviato un progetto di ricerca che coinvolge le università di Urbino, Bologna, Perugia e il Metropolitan Museum sulle tre enigmatiche tavole, per sottoporle ad approfondite indagini diagnostiche, da cui sono già emersi alcuni risultati importanti.
La spettrografia, ha aggiunto la soprintendente di Urbino Maria Rosaria Valezzi, ha rivelato nella tavola urbinate il buchino del compasso da cui l’autore ha fatto partire le linee di fuga, i contorni delle architetture delimitate da incisioni, il carboncino usato per i particolari, il pentimento dell’edificio centrale, in origine di forma quadrata, divenuto poi il famoso tempio rotondo dalle suggestioni classiche. Inoltre è stata evidenziata una tecnica pittorica magistrale, con l’uso di colori raffinati, tra cui il lapislazzuli per le diverse variazioni d’azzurro. Il che fa pensare che l’Alberti non abbia potuto realizzare l’opera, in quanto non si conosce in lui una tale perizia realizzativa, così come sembra cadere l’ipotesi del Laurana, ormai morto nel 1490 quando gli ultimi studi hanno datato l’opera. Anche Piero della Francesca era ormai vecchio e cieco. Sembra però probabile, ha proseguito la Valezzi, che l’opera sia di fattura fiorentina, il clima però è sempre quello della Divina Proporzione nata alla corte dei Montefeltro, dove operavano le eccellenze del tempo. Una divina proporzione che rivive nella meravigliosa piccola tavola di Perugino, un’Annunciazione di collezione privata, o nel disegno di Raffaello custodito agli Uffizi in cui il genio urbinate traccia l’ardita prospettiva di uno scorcio cittadino. Edicole, portici, tempietti, logge si susseguono nelle tavole di Fra Carnevale, Domenico Veneziano, Lo Scheggia, capolavori del ‘400 tenuti ancora adesso insieme dalla grande utopia montefeltrina della citta’ ideale.

Ultima ora

08:45Honduras: sorella presidente morta in incidente elicottero

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 17 DIC - Hilda Hernandez, sorella del presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez, è morta, con altre cinque persone, in un incidente di elicottero, schiantatosi su una montagna vicino alla capitale Tegucigalpa. La donna, 51 anni, era addetta alle comunicazioni per il fratello, ed era stata ministro dello sviluppo sociale durante la precedente amministrazione dell'allora presidente Porfirio Lobo. L' elicottero militare trasportava Hernandez, quattro membri della sua scorta e un pilota. Era decollato dall'aeroporto internazionale di Tegucigalpa alla volta della sua residenza a Comayagua, 60 chilometri dalla capitale. Poco dopo, l'aeronautica ha dato il velivolo per disperso. I resti dell'elicottero sono stati poi trovati sulle montagne vicine a Tegucigalpa, senza sopravvissuti. Hernandez è coinvolto in una disputa sulle elezioni presidenziali in cui ha conquistato il 43% dei voti contro il 41,4% del candidato di opposizione Salvador Nasralla. Il vincitore non è stato ancora proclamato ufficialmente.

08:43Russiagate: Mueller accede a migliaia email transition team

(ANSA) - WASHINGTON, 17 DIC - Il team del procuratore speciale per il Russiagate Robert Mueller ho ottenuto l'accesso a migliaia di email private mandate e ricevute da collaboratori di Donald Trump prima che si insediasse alla Casa Bianca. Materiale, riferisce l'Ap, di cui gli investigatori sono venuti in possesso non chiedendo direttamente al transition team del tycoon ma attraverso la General services administration, che spesso archivia i documenti della transizione presidenziale nei suoi computer. Una mossa che potrebbe sollevare obiezioni legali. Un avvocato del transition team ha gia' inviato una lettera al Congresso per segnalare che all'indagine di Mueller sono state fornite "rivelazioni non autorizzate" da parte di questa agenzia federale. Il materiale comprende comunicazioni di una decina di dirigenti all'epoca della transizione, tra cui Michael Flynn, che ha raggiunto un accordo con gli inquirenti per aver mentito all'Fbi.

04:33Savoia: salma Vittorio Emanuele III in arrivo dall’ Egitto

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - La salma di Vittorio Emanuele III è partita da Alessandria d'Egitto dove era sepolta nella cattedrale di Santa Caterina, per rientrare in Italia a bordo di un volo militare atteso stamani attorno alle 11. Lo ha riferito il Gr1 di Radio Rai, precisando che alla partenza erano presenti familiari e l'ambasciatore italiano al Cairo Giampaolo Cantini. Le spoglie del sovrano, a quanto si è appreso, sarebbero state portate da Alessandria in un aeroporto militare nelle vicinanze del Cairo, punto di partenza per l'Italia a bordo di un aereo militare. Il velivolo dovrebbe atterrare in mattinata in uno scalo militare del Piemonte, e la bara dovrebbe essere poi traslata al Santuario di Vicoforte, accanto a quella della regina Elena, sebbene alcuni familiari premano ancora per la traslazione nel Pantheon.

01:35Calcio: Francia, Psg a valanga e il Monaco resta a -9

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Il Paris Saint Germain risponde alla vittoria di ieri del Monaco infliggendo una dura lezione al Rennes, battuto 4-1 in trasferta con una doppietta di Neymar e gol di Cavani e Mbappè. I parigini, dopo 18 giornate, mantengono il +9 di vantaggio sui monegaschi. Fari puntati domani sulla sfida Lione-Marsiglia, match clou che mette di fronte due squadre in corsa per la Champions ed è una grande occasione per gli ospiti, guidati da Rudi Garcia sono in corsa per il secondo posto. Nonostante i gol di Balotelli, il Nizza annaspa al settimo posto e domenica ospita il Bordeaux. Tra le altre partite di oggi, il Digione ha battuto 3-0 il Lille e sale al settimo posto a quota 24, dove si trovano anche lo Strasburgo, che ha battuto 2-1 il Tolosa, e il Caen, che invece non è andato oltre lo 0-0 in casa col Guingamp. Seconda vittoria stagionale per il fanalino di coda Metz, che è riuscito a imporsi 3-1 a Montpellier.

01:05Calcio: Roma, Di Francesco “vittoria sofferta ma importante”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Questa gara era importante, avevo dato un segnale, e l'abbiamo vinta soffrendo. Si parla sempre degli episodi, che sono importantissimi, ma noi avremmo potuto fare gol prima. Abbiamo subito il primo tiro contro dopo 83', abbiamo sempre fatto la gara contro un Cagliari molto organizzato ma noi abbiamo voluto fortemente la vittoria. Ci teniamo stretti questi 3 punti". Lo ha detto l'allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la vittoria al 94' sui sardi. "Abbiamo concesso pochissimo in difesa, il Cagliari non ci ha permesso di essere aggressivi ma abbiamo avuto una grande supremazia territoriale - ha proseguito -. Dovevamo essere più cinici e cattivi, dobbiamo lavorare ancora di più. Ma io non sono d'accordo sulla prestazione negativa, abbiamo fatto la partita. Abbiamo tirato in porta 20 volte, dovevamo essere più precisi".

01:03Cile: frana per piogge torrenziali, 3 morti e 15 dispersi

(ANSA) - SANTIAGO, 16 DIC - Piogge torrenziali nel sud del Cile hanno causato una frana che ha sommerso un villaggio: almeno tre persone sono morte e altre 15 risultano disperse. Lo riferisce il viceministro dell'Interno Madmud Aleuy, aggiungendo che le vittime sono due donne e un turista non ancora identificato. Le piogge hanno causato l'esondazione di un fiume vicino a una collina franata su 20 delle 200 case del villaggio di Villa Santa Lucia, nella regione meridionale di Los Lagos. La presidente Michelle Bachelet ha riferito su Twitter che i servizi di emergenza stanno lavorando dell'area "per soccorrere le persone colpite". Alcuni feriti sono stati evacuati in elicottero. (ANSA)

01:01Omicidio cestista Nba Lorenzen Wright, arrestata moglie

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Per l'uccisione nel 2010 dell'ex giocatore di basket Nba Lorenzen Wright, la polizia di Memphis ha arrestato l'ex moglie Sherra, 46 anni, e un suo coetaneo, Bill Turner, accusati ora di concorso nell'omicidio. Le forze dell'ordine non hanno reso noto cosa le abbia portate ai due e il movente del delitto, ma la svolta sarebbe stata impressa dal ritrovamento dell'arma usata nell'aggressione, in un lago vicino a Walnut, Mississippi, 75 miglia a est di Memphis. Il corpo di Wright, che allora aveva 34 anni, fu trovato alla periferia della città in stato di decomposizione dieci giorni dopo la sua scomparsa. Aveva diverse ferite d'arma da fuoco. Il cestista aveva giocato nell'Nba per 13 anni in 5 squadre, tra cui quella di Memphis.

Archivio Ultima ora