Un migliaio tifosi per l’ultimo saluto a ‘Long John’

Pubblicato il 05 aprile 2012 da redazione

ROMA – ”Giorgio Chinaglia è il grido di battaglia”. ”Evviva Long John, evviva Long John”. Per un momento gli scalini del sagrato della chiesa del Cristo Re, sembrano i gradoni della curva Nord. E il tempo sembra riavvolgersi indietro come un nastro. C’e’ lo striscione ”C.M.L ultras ’74” e tanti volti di chi quella curva l’ha vissuta. Lo spirito di ‘Long John’ è ovunque in ciascuno dei circa 1500 tifosi biancocelesti giunti a rendergli omaggio alla cerimonia religiosa.
Il suo corpo è lontano migliaia di chilometri, a Naples, in Florida dove domenica si è spento, eppure è presente nelle tante sciarpe e bandiere, nei volti di chi da spettatore ne ha apprezzato le gesta e in quelli di chi è stato con lui protagonista dell’impresa di portare il primo scudetto a Roma sulla sponda biancoceleste del Tevere.
Quella ”banda di pazzi” che agli ordini di Maestrelli si fregiò del tricolore, trasmettendo a tanti tifosi l’orgoglio di essere laziali. Tanti di quei ”pazzi”, non ci sono più ma altrettanti erano presenti oggi alla cerimonia: da Pino Wilson a Giancarlo Oddi, da Mario Facco a Vincenzo D’Amico e Felice Pulici. C’è il figlio di Luciano Re Cecconi, Stefano, e un bandierone con il volto del padre. Ci sono anche gli ex biancocelesti Nello Governato, Massimo Piscedda e Bruno Giordano, goleador nella storia biancoceleste come Chinaglia e come Tommaso Rocchi, in rappresentanza della Lazio di oggi con il vice capitano Stefano Mauri, il team manager Maurizio Manzini e il giovane biancoceleste Luca Crescenzi.
La commozione si respira ovunque e si manifesta nelle parole interrotte da un singhiozzo di Pulici, mentre legge un passo del Vangelo. Il grido ”Vai Felice” e un lungo applauso l’ha poi spronato a continuare. Come tanti sono stati gli applausi per quei campioni di ieri. ”E’ stato commovente sentire le testimonianze dei suoi ex compagni di squadra – ha ammesso Rocchi al termine della cerimonia – sembrava stessero insieme sino a ieri.
Era una persona di grande carattere e personalità. Davvero una cerimonia commovente. Ora pensiamo a sabato, speriamo di dedicargli una vittoria”. Tra i tifosi c’è chi vorrebbe ritirare la maglia numero 9, oggi indossata proprio dall’attaccante veneto che si è detto disponibile a rinunciarvi. ”Qualora ci fosse la possibilità, non c’è problema”. Al di là del gesto, Chinaglia rimarrà comunque nei ricordi dei suoi tifosi.
”Giorgio Chinaglia, leggendaria emozione che non muore mai”, recitava uno striscione. Un’emozione che nel giorno del lutto ha fatto mettere da parte anche gli errori di Chinaglia presidente della Lazio e i suoi problemi giudiziari. Quello era il Chinaglia uomo. Per i tifosi biancocelesti, invece, Chinaglia è già leggenda.

Ultima ora

18:24Maltempo: trovati morti padre e figlio dispersi a Crognaleto

(ANSA) - CROGNALETO (TERAMO), 20 GEN - Sono stati trovati morti padre e figlio dispersi da ieri nel comune montano di Crognaleto, nel teramano. A ritrovarli una delle squadre dei Vigili del Fuoco impegnate nelle ricerche da ieri sera. Mattia Marinelli, 23 anni, e il padre cinquantenne Claudio erano usciti di casa per andare a comprare delle pizze. La loro auto è stata individuata lungo la strada comunale nella frazione di Poggio Umbricchio; potrebbero averla lasciata lì perché in panne. Il paese è da giorni sotto una fitta coltre di neve e molte abitazioni sono senza energia elettrica a causa del maltempo. Recuperato in mattinata il corpo di Mattia, nel primo pomeriggio è stato ritrovato, poco distante, il padre, in fondo a una piccola scarpata piena di neve ghiacciata. Le salme sono state composte all'obitorio dell'ospedale Mazzini di Teramo, in attesa di una decisione della magistratura.

18:21Mamma modello in tv condannata per maltrattamenti ai figli

(ANSA) - TORINO, 20 GEN - È stata condannata a 1 anni e 10 mesi per maltrattamenti nei confronti dei sette figli, la donna che, qualche anno fa, era stata presentata in tv come una madre modello. Il giudice monocratico Diamante Minucci ha accolto la pena chiesta dal pm Marco Sanini, mentre l'ha assolta dall'accusa di maltrattamenti al consorte. A denunciare la donna è stato proprio il marito, parte civile nel processo e rappresentato dall'avvocato Anna Ronfani. Secondo la denuncia dell'uomo, che ha presentato anche alcuni video delle violenze, i problemi sarebbero iniziati nel 2013, dopo la nascita dell'ultimo bambino. "Un momento di particolare stress per la mia cliente", ha detto in aula l'avvocato difensore della donna, Elena Negri. "Questi episodi - ha aggiunto - sono stati il frutto di un comportamento provocatorio del marito". Secondo il legale, l'uomo, "invece di preoccuparsi di fornire sostegno adeguato alla moglie, ha pensato di scaricare ogni difficoltà e responsabilità su di lei, arrivando a sostenere, anche in presenza dei figli, che era affetta da disturbi psichiatrici risultati invece insussistenti". Il tribunale infatti ha respinto la richiesta di decadenza dalla responsabilità genitoriale", conclude il legale affermando che "la vicenda penale è una coincidenza strumentale a quella della separazione". (ANSA).

18:18L’Isis decapita un maestro sufi nel Sinai

(ANSA) - IL CAIRO, 20 GEN - L'Isis continua ad intimidire le popolazioni del nord-est del Sinai per scoraggiare una loro collaborazione con le autorità egiziane: un prelato sufi è stato rinvenuto decapitato stamattina nella penisola. Lo riferiscono fonti della sicurezza citando la famiglia del "maestro" (Shaikh) di dottrine islamiche Saleh Greir. L'uomo era stato sequestrato ieri davanti alla propria abitazione ad Al Arish dal braccio egiziano dell'Isis, gli ex "Ansar Beit el-Maqdis", precisano le fonti. Sempre ieri un professore di 38 anni è stato ucciso a colpi di arma da fuoco mentre camminava per strada nella stessa Arish, aggiungono le fonti ricordando che gli Ansar uccidono le persone sospettate di aver collaborato con l'esercito. Come noto i metodi e dottrine del sufismo tendono a preservare la comunità islamica da un irrigidimento della fede e da un letteralismo arido e legalistico.

18:18Calcio: Cataldi, a Genova per 6 mesi ma voglio vincere

(ANSA) - GENOVA, 20 GEN - "Sono qua per vincere più partite possibili e per dare delle gioie ai nostri tifosi". Non si nasconde Danilo Cataldi nel giorno della presentazione ufficiale al Genoa, dove è arrivato in prestito dalla Lazio. "So che tra sei mesi tornerò alla Lazio ma non sono una persona che viene qua a fare sei mesi, tanto tra poco me ne vado - ha spiegato -. Sono un professionista e vengo a fare il massimo. Sono uno che si arrabbia quando perde la partitella in allenamento, potete immaginare in campionato, di certo non sono un burattino". Schierato subito a Cagliari, ma non contro la sua ex squadra in Coppa Italia, Cataldi domenica troverà il Crotone. "Li ho affrontati qualche settimana fa e mi aspetto un Crotone tosto come è stato in tutte le partite. Non ricordo ad esempio un Crotone che ha subito goleade. Sono una squadra dura con due attaccanti importanti che possono tenere su la palla e molto fastidiosi da marcare - ha aggiunto -. Ma noi in questo momento dobbiamo pensare a fare risultato e basta".

18:17Trump: Bill e Hillary Clinton a Capitol Hill per giuramento

(ANSA) - NEW YORK, 20 GEN - Hillary e Bill Clinton arrivano a Capitol Hill per il giuramento di Donald Trump. Hillary è tutta vestita in bianco, con completo pantalone e cappotto.

18:16Truffa assicurazioni con falsi incidenti, 55 denunciati

(ANSA) - PLATI' (REGGIO CALABRIA), 20 GEN - Una truffa ai danni di compagnie assicurative è stata scoperta dai carabinieri di Platì che hanno denunciato 55 persone residenti nella Locride, perché ritenute responsabili, a vario titolo, di truffa, fraudolento danneggiamento dei beni assicurati e mutilazione fraudolenta della propria persona. L'indagine è partita nell'ottobre 2015 dopo alcuni indennizzi derivanti da infortuni stradali ritenuti sospetti ed è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Locri. L'inchiesta avrebbe evidenziato che 19 incidenti stradali denunciati tra il 2014 e il 2016 in realtà non erano mai avvenuti. Secondo i carabinieri, gli indagati, chi come conducente di veicoli, chi come trasportato, chi come testimone, avrebbero percepito complessivamente circa 200 mila euro. Dalle indagini è emerso anche che alcuni mezzi sarebbero stati coinvolti in più incidenti nello stesso giorno e che diversi incidenti si sarebbero verificati tra familiari conviventi. (ANSA).

18:14Trump sceglie cravatta rossa, Melania in stile ‘Jackie O’

(ANSA) - NEW YORK, 20 GEN - Donald Trump sceglie una cravatta rossa per l'Inaugurazione, mentre Melania indossa abito e guanti celeste chiaro, adottando uno stile Jackie O Kennedy. Il presidente eletto e la futura First lady sono andati nella chiesa di St. John, seguiti da tutta la famiglia Trump, guidata da Ivanka, tutta vestita di nero, e il marito Jared Kushner. Poi sono arrivati alla Casa Bianca, dove hanno preso un te' con Barack e Michelle Obama. A precedere il loro arrivo, quello del vice presidente eletto Mike Pence, accolto da Joe Biden e sua moglie. Michelle e Melania si sono abbracciate, e la futura First Lady ha consegnato a Michelle un pacco regalo di Tiffany. Alcuni secondi di 'imbarazzo', con Michelle che non sa a chi darlo. La consegna del pacco rompe il protocollo, spiazzando l'ormai ex first lady che con il regalo in mano si gira verso la sicurezza, come a chiedere 'a chi lo posso dare?'. Alla fine e' Barack Obama a risolvere la situazione, prendendo il pacco e consegnandolo allo staff.

Archivio Ultima ora