Il Golfo di Napoli e l’America’s Cup

“Sono circa 350.000 i turisti che arriveranno a Napoli per le festività Pasquali e le regate della Coppa America con gli alberghi che sono pieni al 91%”. E’ con questi dati che Paolo Graziano, presidente di Acn, la società di scopo per l’organizzazione delle tappe delle World Series di Americàs Cup a Napoli ha dato il via alle due settimane in cui Napoli sarà al centro dell’attenzione mondiale della vela. Nel week-end gli undici catamarani dei nove equipaggi in gara si cimenteranno nelle prove libere nelle acque del Golfo di Napoli, mentre dall’11 al 15 aprile scatteranno le regate ufficiali.
“La città – ha spiegato Graziano, che è anche presidente dell’Unione industriali di Napoli – ha risposto in maniera egregia, il pubblico attende con entusiasmo le regate e c’é il vento che assicurerà spettacolo con la velocità dei catamarani”. Uno spettacolo annunciato anche da Ian Murray, direttore di regata dell’Americàs Cup che ha elogiato l’organizzazione napoletana: “Il programma – ha detto – prevede una combinazione di match race, sfide tra due barche, e di regate di flotta. Il vento si annuncia buono e i catamarani molto veloci assicureranno lo spettacolo. In più c’é Napoli che è una città bellissima, che fonda le sue tradizioni e la sua storia nel mare e questo si identifica con la Coppa America”.
Il governatore Stefano Caldoro ha sottolineato la valenza “di un grande evento sportivo come la Coppa America che fa parte di un grande percorso per la nostra regione che comprende anche il Forum delle Culture e il rilancio dei grandi attrattori culturali come Pompei”. Soddisfatto anche il sindaco di Napoli Luigi De Magistris secondo cui “Napoli in queste ore presenta un volto straordinario al mondo, contribuendo anche al rilancio dell’immagine di tutta l’Italia. Così come il Presidente del Consiglio Monti sta portando l’immagine dell’italia in Cina e in altri paesi, così noi agiamo nel nostro piccolo da Napoli”. Per il presidente della Provincia Luigi Cesaro: “Da oggi dobbiamo adottare questa strategia del ‘si puo’ faré come abbiamo dimostrato con la Coppa America mettendo in campo un’assoluta sinergia tra le forze istituzionali in campo che hanno lavorato insieme per i napoletani”.
Adesso si entra quindi nel vivo dell’evento con l’apertura del Public Event Village nella villa Comunale di Napoli: 14.000 metri quadrati di superficie di cui 4.000 dedicati agli stand con le eccellenze campane, curato dalla Camera di Commercio di Napoli, e alla zona degli spettacoli. “Il grande evento – ha spiegato il presidente della Camera di Commercio di Napoli Maurizio Maddaloni – può essere un attrattore ma è necessario uno sforzo supplementare da parte di tutti per migliorare le condizioni dell’accoglienza, la qualità dei servizi per i turisti e i cittadini. Napoli ha bisogno di grandi eventi ma anche di normalità”. Grande attesa, infine, per la serata di domenica con, alle 21, la cerimonia inaugurale delle regate in Piazza Plebisicito che diventerà un grande acquario grazie a proiezioni e giochi di luce.

Condividi: