Chávez torna a Cuba, pe lottare per la vita

CARACAS – Lo ha detto durante un breve contatto telefonico con la televisione statale. Domani sera tornerà a Cuba «per continuare la lotta per la vita». Il capo dello Stato, rientrato a Caracas dopo aver trascorso due giorni accanto ai genitori, ha informato che domani mattina sosterrà brevi riunioni con i suoi ministri e poi in serata viaggerà di nuovo a La Habana, dove riceverà ulteriori sessioni di radioterapia.
Come sempre accade da quando il presidente Chávez ha reso nota la sua malattia, ogni sua apparizione pubblica è accompagnata da pettegolezzi e speculazioni. Ultima tra tutte, un presunto futuro viaggio in Brasile perchè gli resterebbero pochi mesi di vita soltanto. Con un macabro tam tam impossibile da verificare, blogger ed oncologi, anonimi e no, continuano a scrivere e a dichiarare che Chavez è sull’orlo della morte.
L’altro giorno, durante una messa, celebrata per ”raccomandare al Signore” la sua salute nella città natale di Barinas, circondato dai genitori e figli, Chavez ha alimentato la fantasia di chi lo ritiene ormai un ‘malato terminale’ al implorare:
– Dio dammi ancora tempo. Anche se dovessi vivere tra le fiamme, ho ancora tanto da fare per il popolo e la patria. Non portarmi via.
Poi – in diretta tv – piangendo e con un rosario al collo, con voce incrinata ha detto:
– Non posso trattenere le lacrime, perchè ho sentito le mani di mia madre e mio padre sulle spalle. Dio, da quanto tempo non le sentivo insieme.
Nonostante l’ennesima assicurazione di stare meglio e di aver superato anche la seconda operazione, nel corso della quale i medici cubani gli avrebbero estirpato un nuovo tumore, i gossip sulla sue condizioni di salute sono ormai un tran-tran quotidiano. Per esempio, un oncologo venezuelano di Miami ha ribadito che il presidente ”ha pochi mesi di vita”. E suoi colleghi anonimi di Caracas non hanno scartato ”nuovi interventi”. Tant’è che, ai rumor che Chavez è pronto andare a San Paolo per riunirsi con l’ex collega Luiz Inacio Lula, appena guarito da un cancro alla laringe, un blogger locale ha assicurato: ”E’ una scusa per farsi ricoverare nella stessa clinica dove si è curato Lula”. Nella quale hanno superato lo stesso incubo anche la presidente brasiliana Dilma Rousseff ed il suo collega paraguayano Fernando Lugo.
– Non ne so niente, ma siamo pronti a riceverlo – ha assicurato un medico della clinica.
Comunque Chávez, ogni volta che si presenta in Televisione, appare in buona forma. Durante il suo contatto telefonico con la televisione di Stato, il presidente ha sottolineato ancora una volta di star recuperando giorno dopo giorno le forze e ha colto l’occasione per esortare alla prudenza, nel rientro dopo l’esodo della Settimana Santa. Ed infatti, è proprio nei giorni del rientro che avviene il maggior numero di incidenti stradali.

Condividi: