Spagna: paesino dice sì alla cannabis per sconfiggere la crisi

Pubblicato il 11 aprile 2012 da redazione

MADRID – Campi di marijuana contro la crisi: la proposta del sindaco indipendentista di Rasquera, un piccolo comune rurale spagnolo di 900 anime vicino a Tarragona, molti contadini, tanti pensionati, ha sbaragliato per referendum le reticenze di opposizione e giuristi conquistando il 56,4% dei consensi. E’ passata così ‘vox-populi’ la misura chiave del programma anticrisi della giunta monocolore di Erc, il partito repubblicano indipendentista di sinistra, che guida il paesino.
La popolazione ha partecipato in massa: il 68% degli abitanti ha votato, considerando la questione vitale per il paese. Rasquera, un comune che vive soprattutto della produzione di olio d’oliva, formaggi e salami, una popolazione che invecchia i giovani in fuga verso la città, soffoca sotto un debito pubblico accumulato di 1,3 milioni. Ora dovrebbe accettare l’offerta arrivata dalla Asociacion Barcelonesa Cannabica de Autoconsumo (Abcda), un club ”con fini ludico-terapeutici”. Conta 5mila ‘soci’, riuniti per gestire collettivamente consumo e produzione individuali di cannabis, consentiti dalla legge spagnola.
La Abcda ha proposto di pagare al comune 36mila euro per l’autorizzazione a coltivare a fini non commerciali la cannabis e di iniettare nell’economia locale 550mila euro all’anno per l’affitto e la gestione dei terreni. Il progetto, che dovrebbe creare almeno 40 posti di lavoro nel comune, rivitalizzandone l’economia, non convince però la procura catalana, che solleva una possibile incompatibilità con l’ articolo 368 del codice penale spagnolo che proibisce la coltivazione, l’elaborazione e il traffico di droghe. Ma per scopi ‘commerciali’. Mentre in questo caso si tratterebbe di coltivazione per l’autoconsumo.
Ma anche a Rasquera non tutti sono d’accordo. Una minoranza teme che l’iniziativa porti nel paesino frotte di drogati.
– Ho paura, le coltivazioni saranno vicine a casa mia: bisogna uscire dalla crisi, ma questa non è la soluzione – contesta Ana, da 5 anni residente nel comune. Il sindaco Bernat Pellisa ha già previsto di assegnare alla coltivazione ‘privata’ della cannabis 7,5 ettari di terreni. In un primo tempo aveva detto che senza l’appoggio del 75% dei votanti al referendum il progetto non sarebbe andato avanti e lui si sarebbe dimesso. Ma ora ha cambiato idea.
– Lasciare ora sarebbe una cosa frivola – si è corretto oggi. E dopo una ”pausa di riflessione”, la coltivazione dovrebbe partire, nonostante le obiezioni del governo regionale catalano e di quello di Madrid del premier conservatore Mariano Rajoy.
– La situazione è difficile – ha avvertito il ministro della giustizia Alberto Gallardon – ma non dobbiamo decidere misure anticrisi di cui potremmo pentirci quando la crisi sarà finita

Ultima ora

07:33New York: governo Bangladesh condanna attentato

DACCA (BANGLADESH) - Il governo del Bangladesh ha condannato l'attentato fallito a New York, il cui autore e' un immigrato di 27 anni dal paese del sud-est asiatico. ''Il Bangladesh e' impegnato nella sua conclamata politica di 'tolleranza zero' contro il terrorismo, e condanna il terrorismo stesso e l'estremismo violento in ogni forma o manifestazione ovunque nel mondo, compreso l'incidente di lunedi' mattina a New York'', ha comunicato il governo in una nota.

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

Archivio Ultima ora